Oh ser d'inverno (Alvaro Casartelli)      

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

Oh ser d'inverno

 

Oh ser d'inverno negaa gi in del frecc

de la giazera bianca de la nev,

pocciaa in del gris che quatta come on tecc

la terra, el ciel, el coeur che 'l resta grev;

 

oh ser d'inverno infagottaa in la pas

de la campagna tutta l indormenta,

e in gir l' scur e frecc e tutt el tas,

senza che on'ombra intorna la ve tenta.

 

Ma in mezz ai pin che drmen anca lor

e hin semper verd istess de la speranza,

me derva i brasc con l'ala de l' amor

la mia casetta calda, la mia stanza.

 

Gioia del cald che manda el caminett

de la saletta, dove in di s specc

lusissen i ricrd de bagaiett,

me parlen i memri di m vecc.

 

Giia de mett i gamb a stt al tavol

a l'ora sospirada de la sena,

quand tutt'i cruzi scppen al diavol

e corr content el sangh in gni vena.

 

Sul tond la rid e fuma la minestra,

el piatt modest e bon de la cusina,

e dal caldin la suda la finestra,

lassand scapp sui veder la gotina.

 

F frecc de foeura, ma l' caId dedent,

quell cald de c che d l'amor sincer:

la sena la corr via in d'on moment,

lustrada dal vinell, da on bon biccer.

 

Spariss anca i freguij e ven quell'ora

che m scarlighi l in su la poltrna,

taccaa al foghett, intant che la regiora

la pssa anch lee, la pensa a la Madnna.

 

La cagna adasi la rosega on ss

coi oeucc lusent dal gust, come ona maga;

e cald, cuciaa, come on scaldin s in scss,

fronfrna el gatt faa s 'me ona lumaga.

 

Con la soa lingua rossa e fogorenta,

la fiamma la sabta sul camin

come la vampa del m coeur scotenta,

e insema a lee el sgoratta el m destin.

 

El torna anca al penser su la giornada

passada guadagnand el noster pan,

e come la formiga ben lodada

se pensa a la pagntta de doman.

 

El cerca poeu el penser ona carezza

de dnna e d'on folin che te voeur ben,

che basa col profumm de tenerezza,

che scalda el coeur e che te sgonfia el sen.

 

El foeugh el smangia a pcch a pcch i legn

stt a la cappa nera 'me 'l carbon,

intant che la pignata di castegn

la brontla anca lee la soa canzon.

 

El passa el temp sincer che 'l ne consuma

come la fiamma intorn' a tutt'i scicch,

e foeura de la testa anch lee la sfuma

cont i sospir la bria di lifrcch.

 

Sora a la scendra, come in d'on scossaa,

a pcch a pocch se smrza anca la brasa

che coeus el pan, che scalda el fogoraa.

A l' ombra quieta e dolza de la casa

 

el schiscia on visorin el m penser

e squasi el coeur el drma anch l content;

in del camin se perden i m ser,

resta la scendra che se perd al vent.

 

Ma in mezz a la gran luus de la casetta

scaldada dal calor de la bornis,

scaldada da l'amor de la mammeta,

me par de vess on sant in paradis.

  

Oh sere dinverno

 

Oh sere dinverno annegate nel freddo

della bianca ghiacciaia di neve,

intinte nel grigio che copre come un tetto

la terra, il cielo, il cuore che resta pesante;

 

oh sere dinverno infagottate nella pace

della campagna tutta addormentata,

e intorno buio e freddo e tutto tace,

senza che unombra intorno vi tenti.

 

Ma in mezzo ai pini che pure dormono

e son sempre verdi come la speranza,

mi apre le braccia con lala dellamore

la mia casetta calda, la mia stanza.

 

Piacere del caldo emanato dal caminetto

della saletta, dove nei suoi specchi

si riflettono i ricordi di bambino,

mi parlano i ricordi dei miei vecchi.

 

Piacere di mettere le gambe sotto il tavolo

allora sospirata della cena,

quando tutti gli affanni se ne vanno al diavolo

e scorre contento il sangue in ogni vena.

 

Sul piatto ride e fuma la minestra,

il cibo modesto e buono della cucina,

e per il tepore suda la finestra

lasciando scorrere sui vetri la gocciolina.

 

Fa freddo fuori, ma caldo dentro,

quel caldo di casa che d lamore sincero,

la cena consumata in un momento,

rallegrata dal vinello, da un buon bicchiere.

 

Scompaiono anche le briciole ed arriva quellora

in cui io scivolo l sulla poltrona,

vicino al focherello, mentre la padrona di casa

riprende fiato anche lei, pensando alla Madonna.

 

La cagna, adagio, rosicchia un osso

con gli occhi luccicanti per il gusto, come una maga;

e caldo, accucciato, come uno scaldino in grembo,

fa le fusa il gatto rannicchiato come una lumaca.

 

Con la sua lingua rossa e infuocata,

la fiamma spettegola sul camino

come la vampa del mio cuore ardente,

e con lei sinvola il mio destino.

 

E torna anche al pensiero della giornata

trascorsa a procacciarci il pane,

e come la formica bel lodata

si pensa alla pagnotta del domani.

 

Il pensiero cerca poi una carezza

di donna e di un bambino che ti vuol bene,

che bacia col profumo di tenerezza,

che scalda il cuore e ti gonfia il petto.

 

Il fuoco consuma a poco a poco la legna

sotto la cappa nera come carbone,

mentre la pentola con le castagne

borbotta anch'essa la sua canzone.

 

Passa il tempo sincero che ci consuma

come la fiamma intorno a tutti i ceppi,

e fuori di testa anche lei sfuma

con i sospiri la boria degli sprovveduti.

 

Sopra la cenere, come in un grembiule,

a poco a poco si spegne anche la brace

che cuoce il pane, che scalda il focolare.

Allombra quieta e dolce della casa

 

schiaccia un pisolino il mio pensiero

e quasi il cuore dorme anch'esso contento;

nel camino si perdono le mie sere,

rimane la cenere che si perde al vento.

 

Ma nel mezzo della gran luce della casetta

scaldata dal calore della brace,

scaldata dal calore della mammetta,

mi pare di essere un santo in paradiso.

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)