Brindes in C Marlianna...
    (Domenico Balestrieri)                           

 

 

 

 

 

Testo originale Traduzione  


...faa in la bella Delizia dell'istessa casa Marlianna sul sit pu avvolt de Masnagh ciamaa Pollee
(sonett con la coa)

E no diroo nagotta de Masnagh,
De sta delizia in sta situazion,
Dove i patron c'hin tant me bon patron
M'han obbligaa a vegnigh e poe a tornagh.

L' on loeugh da incant subet a guardagh
Anch chi sia staa assosenn in voltion.
Da ch se osserven miss in proporzion
Camp, ronch, bosch, praa, mont, vall, collinn e lagh.


Ch i pittor e i poetta ponn ved
C e ter ben scompartii come in peltrera,
E marcaj e distinguj con pias.


Diroo ben che anch lor troeuven la manera
Da figurass di gran bej sit; ma ch?
Altr' ideaj, altr' vedej da vera.

Se p god volontera
Ona delizia quand l' ben pensada
Anca dom descritta o picciurada;

Ma quand par l' fada
Propri come l' questa che te sitta,
L' mej che picciurada o che descritta:

Ch se campa la vitta
Fettivament con bonna compagnia
In sta larghisia, che la mett legria.

Oh benedetto sia
Quel car Scior Podestaa, che insc cortes
(*)
El m'ha indutt a f capp da l in Vares!

Che regna in sto pajes
On'aria che me senti a restor,
E ogni grazia de Dia che poss cerc.

Ch se vuj passaggi
El me consola al minem pass che moeuvi,
Ch motria o inappetenza no gh'en troeuvi;

Anzi ogni d che proeuvi
A lazz i pagn cognossi che la trippa
La slonga el coll aj botton della gippa.

Ch se bev e se pippa
Tant de gust che poss d quell c'hoo sentii
Da on bergamasch: pissighee se podii;

E in sti part troeuvi unii
Paricc amis, c'hin gi mee amis d'on pezz,
E 'n foo de noeuv e tucc me faan finezz;

E ch me vedi in mezz
Non solament aj sit p delizios,
Ma a di gran sciori affabel e grazios.

Tra i pussee generos
Che m'han faa grazia e me la vaan fasend,
Gh' la C Marlianna, gi s'intend,

Ma s'hoo tasuu bevend
De sto vin de Masnagh l sgi a Milan,
Bevendel ch sul loeugh vuj tas ban.

Col biccier alla man
Ghe doo con sto sonett el bon pro fazza
Giontandech ona cova longa on brazza.

L' giust primma che spazza
De sti gran bej contorna a lass ch
Ona memoria d'essegh staa anca m;

Ma par quant possa d
De sta soa C l' mei che me reporta
All'iscrizion c'hoo vist in su la porta;
(**)

E allora con la scorta
Da sta pataffia lodaroo abbastanza
Sto loeugh, che l' staa allocc d'on Re de Franza:

Concludend in sostanza
Col bon gust di espression del temp indree
Che 'l Re di Gall l' vegnuu ch a Pollee.

 

(*) El Scior Don Massimilian Pusterla Vicari del Sepri Superior e Podestaa in la Signoria de Vares, che l'ha loggiaa e trattaa ottimament l'autor coj soeu de c in Pretori.


(**)
Ludovicus XII Francorum Rex hic pernoctavit anno MCCCCLXXXXIX
 

 

Commento

Un brindisi in Casa Marliani...

un sonetto scritto dall'autore in onore della Casa dei Conti Marliani (castello di Masnago o Mantegazza), che ci offre una disincantata visione della vita condotta dalla nobilt milanese nelle ville di Varese e della quale fu ospite.
Il sonetto fu pubblicato nella raccolta Rime toscane e milanesi di Domennico Balestrieri, edita a Milano nel 1774-1776.

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)