Ona mama (Renato Baroni)                                     

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

Ona mama

 

Hinn vtt e mezza, levi s dal lett

e me metti in p davanti al specc.

Ciappi la spazzta per pettenamm

e la crema per la fccia e i man.

Ghhoo de mett in ordin un poo el coo

incoeu el rivar el m fioeu.

L tanto temp chel ven n a trovamm

el s spos e l and a st de c lontan.

A foo ona festa incoeu, l l m compleann

ona torta tajarem insema per i m settantann.

 

Intant che pensi me ven in ment

quand seri gioina semper sorrident.

Bianca e rossa coi cavej negher

i oeucc celest semper allgher.

El m fisic lera on regal de la natura:

cinquanta chili pesavi allora.

La pell liscia come quella don prsegh

e i gamb magher come d prtegh.

Quand camminavi i men me guardaven

e per famm i compliment me ziffolaven.

 

Ma l temp l on demoni; el fa i dispett;

inesorabil lha cambiaa el m aspett.

La pell liscia la s increspada,

la vita strtta la s slargada.

Ormai me pesi nanca p per paura,

ogni vlta, de vess semper pussee foeura misura.

Ona gamba ormai la se sent stracca

la me doeur e a la sera me senti fiacca.

I m man hann semper lavoraa

e quanti carezz al m fioeu ghhann faa.

Adess hinn sgonfi, i did me fann mal

riessi nanca p a tegn s el didaa.

 

Oh santo ciel, el campanell l son!

El m fioeu l giam rivaa?

A l trpp prest, el doveva riv a mezzd

Svelta, s, indoe hoo casciaa el vestii?

Me son perduda via, ghhoo anm de petenamm,

hoo nanca miss la crema in faccia, ghhoo anm de truccamm.

Son prppi impresentabil, se ved tutt i m magagn

e l m fioeu l giam ch con la miee e i d tosann.

 

Quand l me vedar chiss sel dis

de sicur el se mettar adree a rid.

Voo a la prta , quasi voraria minga derv

ma poeu, dal coeur del m fioeu me senti d:

Ciao mama, te stee ben? Come te see bella,

el temp a l pass, ma te brillet semper come ona stella.

 

3a classificata nel 2005 al concorso di poesia dialettale organizzato da Il Dosso di Albiate (MI)

3a classificata nel 2004 al concorso nazionale di poesia Lanima in versi organizzato dal settimanale Informazona con il patrocinio dei Comuni di Lazzate (MI) e Origgio (Va)

 

Una mamma

 

 Sono le otto e mezza, mi alzo dal letto

e mi metto in piedi davanti allo specchio.

Prendo la spazzola per pettinarmi

e la crema per il viso e le mani.

Devo mettermi un po in ordine la testa

oggi arriver mio figlio.

tanto che non viene a trovarmi

si sposato ed andato ad abitare lontano.

Faccio festa oggi, il mio compleanno

taglieremo assieme una torta per i miei settantanni.

 

Mentre penso mi rammento

di quando ero giovane sempre sorridente.

Bianca e rossa coi capelli neri

gli occhi celesti sempre allegri.

Il mio fisico era un regalo della natura:

cinquanta chili pesavo allora.

La pelle liscia come quella di una pesca

e le gambe magre come due pertiche.

Quando camminavo gli uomini mi guardavano

e per farmi i complimenti fischiavano.

 

Ma il tempo un demonio; fa i dispetti;

inesorabile ha cambiato il mio aspetto.

La pelle liscia si increspata,

la vita stretta si allargata.

Ormai non mi peso nemmeno pi per timore,

ogni volta, di essere sempre pi fuori misura.

Una gamba ormai si sente stanca

mi duole e la sera mi sento fiacca.

Le mie mani hanno sempre lavorato

e quante carezze hanno fatto a mio figlio.

Adesso sono gonfie, le dita mi fanno male

non riesco nemmeno pi a reggere il ditale.

 

Oh santo cielo, il campanello suonato!

Mio figlio gi arrivato?

troppo presto, doveva arrivare a mezzogiorno.

Svelta, su, dove ho messo il vestito?

Mi sono distratta, devo ancora pettinarmi,

non ho neppure messo la crema in viso, debbo ancora truccarmi.

Sono proprio impresentabile, si vedono tutti i miei acciacchi

e mio figlio gi qui con la moglie e le due ragazze.

 

Quando mi vedr chiss cosa dir

di sicuro si metter a ridere.

Vado alla porta, quasi non vorrei aprire

ma poi, dal cuore di mio figlio mi sento dire:

Ciao mamma, stai bene? Come sei bella,

il tempo passato, ma brilli sempre come una stella.

 

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)