Olezz lontan (Guido Bertini)       

 

Testo originale Traduzione

 

Olezz lontan

Sotta al sorris del s, ai p del coll,
sul qual biancheggen civettuol casett,
balzen i cper, folleggiand tra i liett
pratici carich d'olezzant coroll.

Anca el volgar pizz'cagnol el s'estoll
al de sora del mond stupid e grett
al gorghgg delicaa dell'uccellett,
al boff del venticell tiepid e moll.

Riposa in su sto pett on mazz de fior,
che se confond colla toa pell de rs
miracol de freschezza e de candor.

Te st lontana, eppur, anima mia,
senti col coeur, coll'anima, col nas,
el profumm del to pett lontan cent mia!

 

Commento

In questo sonetto pare di rivedere il tipo di zerbinotto modernissimo delle celeberrime Damazze del Maggi e del Porta. Milanese, e pur sdegnoso della natia parlata, perch...volgare, lo zerbinotto la contorce italianescamente; e Meneghino se ne vendica, punendolo col suo stesso gergo, che lo strascina all'abisso meritato di chiamare pett il seno infiorato dell'amica! (FC.F.)

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)