da "Meneghin a la Senavra"    (Girolamo Birago) 

 

Testo originale Traduzione  

 

(poemetto in tre canti)

Nel I canto descrive con simpatia la cameretta che gli viene assegnata alla Senavra nel corso degli esercizi spirituali

Oh, cara, prezosa camaretta,
che, quant pu strencia, pu slarghet el coeur,
varet pu ti con la muraja netta,
che on palazz tappezzaa, disa chi voeur!
Per cento milla voeult siet benedetta!
In t mi dormiroo anch su d'on stoeur
se no ghe fuss el lecc, ch gh'hoo besogn
dom de buttamm gi per tacc sogn.

Nel II canto descrive il risveglio all'alba

Dormiva de tutt coeur, quand che senti
dent per i corridor delin delin;
quest l'era el camerer, ch'appenna d
dessedava la gent col campanin;
e poeu el cors prestament de ch e de l
a pizz la candira e imp el cadin;
e poeu anca el boccaa con l'acqua netta
e a destend su d'on scagn la servietta.
Besogn av pazienza e lev s,
bench me rincressess on tantinett;
quand fu vestii, la prima cossa fu
raccomandamm a Dio benedett
perch el voress, con la soa grazia, anch l
fa che i sant esercizi fass effett;
e, appenna i m genoeucc lassenn la brella,
che son el campanin d'and in cappella.

dove ascolta la predica sulla Morte, alla quale, dice, si dovrebbe pensare per vivere meglio

Donca, - dir l'avar, - hoo de lass
fors pu prest che no pensi, i m sacchitt?
Oh, l' ben mej che i vaga a deslazz
e f on poo de limosina ai poveritt
E dir quell golos: Come?...Hoo de fa,
con sto corp, ch'el me se scoeud tucc i petitt,
on past de carna frolla ai sciatt, ai vermen?
L' mej mett a la gora on poo de termen!
Infatt, al ciar de l'ultema candira
se ved che i coss del mond hin bagattell!
De scavalc el compagn tucc han la mira;
chi sta a specci sto post, chi vorav quell;
intanta ven la mort, e bona sira,
la mett tucc i grandezz in d'on foppell;
e, in di pu grand, fenissa tutt el frecass
col f scriv d paroll sora d'on sass![...]

per, con il buon senso meneghino ribelle ad ogni esagerazione, riflette: "Ch quand sent ch'el me spong on tantin, mett a dorm el cilizi in del brellin!" e nel canto III scrive:

L' giust come quand sevem a disn.
Gh'eva paricc che me metteven s'cess
a vedej tucc i past a degiun;
ghe n'eva vun, ch'eva settaa li appress,
ch'el fava insc sottvia scarlig
la scendra sui pitanz, e ben de spess,
in quij pocch d l'ha despiegaa el mantin
dom per on biccier de pan mojn.
M m, che sont vun che patiss la famm,
aveva faa on cert d parponiment
de mangi pocch e de mortificamm;
ma quell d pu de tucc m gh'hoo daa dent,
de moeud ch'hoo besognaa desbottonamm!
Non hoo poduu resist al tentament,
e me pariva tropp on gran travaj
ved di bonn pitanz e no mangiaj![...]

 

Commento

 

  Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)