El gatt de la sciora Cettj (Attilio Boggiali)      

 

Testo originale Traduzione  

 

El gatt de la sciora Cettj
Omaggio alla signora Cettj Nardozzi              

 

El gatt, se s, l' on animaI curios:

lader, indipendent, pien de malizia.

J oeucc de toeu in gir, on f de misterios

e on gran malnatt sui tecc, per la giustizia,

ma che di vlt poeu anca el se affezziona:

a la c, ai cossitt e a la padrnna.

 

Maragnao, donca, l quel bell gatton

e personagg famos de questa storia

che adess ve cuntaroo. Propi on campion

de no desmenteg, tegn a memria,

perch l' on ciappinett svelt mej d'on ratt

ma semper pront a f divent matt.

 

Curios, 'me l'era e semper in vedetta,

on d, che gh'era on poo de rebelltt,

dopo on gran salt e via 'me ona saetta

'l s' sconduu Maragnao, tutt in d'on btt

e ghe staa p ne sant e n signor:

el gh'era p e l'hann cercaa di or.

 

Alora, e cerca e varda e sora e stta;

in di cassett, dedree ai poltronn e in alt,

perch l 'l ghe metteva ma nagtta

a casciass s per ari cont on salt

e a scondes stta i lett, che fantasia,

o in de l'armadi de la biancheria.

 

Ma la dnna de c, n abituada

a tutt quel gran baccan e confusion,

decisa lee a trovalI, dagh 'na vosada

che l'era prpi el cas, in st'occasion,

gh' vegnuu in ment de colp. Ciosca, l' vera!

Te voeut ved che l' finii in giazzera.

 

Dandos la vos, alora la famiglia

l'era andada a ved de la faccenda

e l' staa con stragranda meraviglia

che hann vist, dervii el portelI, la rbba orrenda...

EI poer Maragnao, ma che peccaa,

dent in del frigo el s'era congelaa.

 

L'era staa, forsi, el pacch cont el vitell

o pur el sacch de plastica col pess

con tucc quij s odoritt, che poeu belI belI

aveven combinaa quell gran success

de consci per i fest el nst'r amis,

ch'el s'era congelaa anca i barbis.

 

Dopo, a furia de cald e de massagg,

de whisky de quell bon tlt a gottin,

tornaa a la vitta dpo de quell viagg

ch'el podeva vess l'ultim, poerin,

Maragnao, tornaa viscor e s in pee

l' andaa a ronf, ltt ltt, sora on tappee.

 

Il gatto della signora Cettj

 Omaggio alla signora Cettj Nardozzi              

 

Il gatto, si sa, un animale curioso:

ladro, indipendente, pieno di malizia.

Occhi da prendere in giro, un modo di fare misterioso

ed un grande screanzato sui tetti, per la giustizia,

ma che a volte poi si affeziona :

alla casa, ai cuscini e alla padrona.

 

Maragnao, dunque quel bel gattone

e personaggio famoso di questa storia

che ora vi racconter. Proprio un campione

da non dimenticare, da ricordare,

perch un birichino pi veloce di un topo

ma sempre pronto a far ammattire.

 

Curioso comera e sempre sul chi va l,

un giorno un po caotico,

dopo un gran salto, e via come un fulmine,

Maragnao improvvisamente si nascose

e non ci furono pi n santi n signori:

non cera pi e fu cercato per delle ore.

 

Allora, cerca e guarda sopra e sotto,

nei cassetti, dietro le poltrone e in alto,

perch ci metteva poco

a salire con un salto

e a nascondersi sotto i letti, che fantasia,

o nellarmadio della biancheria.

 

Ma la domestica, non abituata

a tutto quel gran baccano e confusione,

decisa a trovarlo, sgridarlo,

che in questo frangente era proprio il caso,

si ricord allimprovviso: Accidenti, vero!

Vuoi vedere che finito nella ghiacciaia?

 

Col passa parola, allora la famiglia

and a vedere che cosa fosse successo

e fu con grande meraviglia

che videro, aperto lo sportello, la cosa orrenda

Il povero Maragnao che, ma che peccato,

nel frigorifero si era congelato.

 

Fu, forse, il pacco col vitello

oppure il sacchetto di plastica col pesce

con tutti quei profumi, che poi bel bello

combinarono quel grande successo

di conciare per le feste il nostro amico,

che si era congelato anche le vibrisse.

 

Poi, a furia di caldo e  massaggi,

di whisky di quello buono preso a gocce,

tornato alla vita dopo quel viaggio

che poteva essere lultimo, poverino,

Maragnao, ritornato vispo e ritto in piedi,

and a dormire, mogio, mogio, sopra un tappeto.

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)