Pussee de mila violitt (Attilio Boggiali) 
   "Il mio giardino" - tela di Roman Bilinski-

 

Testo originale

 

Traduzione letterale 

 

Pussee de mila violitt

Hoo dervii la finestra del poggioeu
per scolt, in sui cinqu or de sera,
el gran concert
de tutti i passaritt del m giardin.
Me che zabtt, tutti quji passaritt
che cippen 'me dannaa
in l'aria ciara,
cont el primm soo sbiavii,
con l'acqua, el vent,
la nev gelada
o el gris de la scighera,
in del nass generos
d'ogni mattina
o in del mor del d
prima de sera.
El parariss on frecass,
ma l' n vera.
L' ona musica,
on orchestra,
on'armonia,
fada de mila violitt,
miss tucc insema.
In del scoltaj
par p de vess al mond,
sto mond tutt pien de rgn
e de penser,
ma l' quajcoss de grand,
de pussee bell,
de tant meraviglios,
ch'el mett dom ona voeuja
de sconfondes
in mezz al verd di piant,
al fresch di foeuj,
e a rampegass s in alt
semper pussee.
O incantesim, d'on'ora desligada
de tutti quij s gropp
taccaa a la terra:
tanta musica in l'aria
e in del m coeur.

 

Pi di mille violini(Attilio Boggiali)

Ho aperto la finestra del balcone
per ascoltare, verso le cinque di sera,
il gran concerto
di tutti i passerotti del mio giardino.
Me che pettegoli, tutti quei passerotti
che cinguettano come dannati
nell'aria chiara,
col primo sole pallido,
con l'acqua, il vento,
la neve gelata
o il grigio della nebbia,
nel nascere generoso
d'ogni mattina
o nel morire del giorno
prima di sera.
Sembrerebbe un baccano,
ma non vero.
E' una musica,
un orchestra,
un'armonia,
fatta di mille violini,
messi tuti insieme.
Nell'ascoltarli
pare non essere pi al mondo,
questo mondo tutto pieno di rogne
e di pensieri,
ma qualcosa di grande,
di pi bello,
tanto meraviglioso,
che mette solo voglia
di confondersi
tra il verde delle piante,
al fresco delle foglie,
e ad arrampicarsi
sempre pi in alto.
Oh incantesimo, d'un'ora slegata
da tutti quei suoi nodi
attaccati alla terra:
tanta musica nell'aria
e nel mio cuore.

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)