Boldinasch (Edoardo Bossi)     

 

Testo originale Traduzione

Boldinasch

Ciammmel borgh, ciammmela cassina,
eren tr cort che daven-gi in piazztta,
la quarta pussee in l su na stradina
che traversava i c me na bisstta.

Al cinquantun, la cort di ortolan.
L staven i Cogliat e i Castijon
e in fond, che tel sentivet de lontan,
el Pin ferree che, cont on tenajon

e on demni don martll in man,
el dava in su lincudin gi de gust,
sul frr foghent pondaa l sul ripian,
fasend on frecasseri e on gran trambust.

In la piazztta ghera losteria,
e Tiglio lera el nmm del maneggion;
de part el gioeugh di bcc, tutt a lombria,
e i tavol pei pessitt e bottiglion.

Taccaa a losteria, subit l,
ghera la cort del Scuri, el cervellee,
lera el quarantases, e l linsc
staven el Giuli con la soa miee;
poeu gheren i Colomb e altranm...
ormai con la memria m foo a btt
e quanti alter nmm regrdi n.
Passaa el cervellee, el quaranttt,

la cort di Dusi e tanta razzapaja,
el fss con lacqua marscia, on trombin,
pcch amis in mzz a sta ciurmaja,
l staven el Pierino e l s Bertin.

Appna faa la curva, avanti on tcch
ghera el cinquantacinqu, su la sinistra,
lera la cort di Limit, quatter gncch,
quatter sori de f guzz la vista.

Lera ona cort modrna l in del borgh,
l staven: el Pierino, on m amis,
s mader, camisera del sobborgh,
e se me sbagli n, la levatris.

De faccia a sta gran cort on bll mister;
ghera, semper saraa, on gran porton,
l stava on fittavol forester,
hoo mai savuu el nmm de sto birbon.

Regrdi la mia nna Carolina
che con la soa bottega dortolan,
con lst e l cervellee de la cassina,
vuttaven on poo tucc col dagh na man.

Quanti ricrd me passen per la ment,
quanto giug, e semper a pee bitt,
el corr in di marscid e in di forment,
poeu riv a c consciaa come anedtt.
La scla lera l in Varesina
e lera on bll tocchll poeu falla a pee,
ricrdi che ona mama, gni mattina,
a turno la faseva el pegoree

con sti cavrtt intorna a f la fera;
liber stt-slla, zccor a traclla
(per risparmiagh la soeula e la tomera),
rivaa in Cappellin (la nster scla)

me sel fudss na rba natural
poggiavom gi per trra i zoccortt,
nettavom i pescitt cont on giornal
e via in class coi alter scolartt.

Cunt sti rbb incoeu al biadeghin,
te ciappa, quand va ben, per on mattcch,
eppur sto Boldinasch coi s cassinn,
sto borgh che l dipendeva da Muscch,

l denter ch in del coeur, mel scrdi p,
l hoo cominciaa la strada del m viv,
l hinn passaa i primm ann de giovent
l torni anm gni tant senza motiv!

Boldinasco


Chiamiamolo borgo, chiamiamola cascina,
erano tre cortili che davano sulla piazzetta,
il quarto on po pi in l su una stradina
che attraversava le case come una bisciolina.

Al cinquantuno, la cote degli ortolani.
L abitavano i Cogliati e i Castiglioni
e in fondo, che lo sentivi da lontano,
il Pin fabbro che, con una grossa tenaglia

ed un demonio di un martello in mano,
picchiava sullincudine con gusto,
sul ferro rovente appoggiato l sul piano,
facendo un gran rumore ed un gran trambusto.

Nella piazzetta cera losteria,
e Tiglio era il nome del factotum;
sul fianco il gioco delle bocce, tutto allombra,
ed i tavoli per i pesciolini e i bottiglioni.

Vicino allosteria, subito l,
cera la corte dello Scuri, il salumiere,
era il quarantasei, e l
abitavano Giulio con sua moglie,

poi vi abitavano i Colombo ed altri ancora
oramai io con la memoria bisticcio
e quanti altri nomi non ricordo.
Dopo il salumiere, il quarantotto,
il cortile dei Dusi e tanta gentaglia,
il fossetto con lacqua putrida, un rubinetto,
pochi amici fra questa ciurmaglia,
l abitavano Pierino ed il suo Albertino.

Appena dopo la curva, avanti un pezzetto,
cera il cinquantacinque, sulla sinistra,
era il cortile dei Limiti, quattro ragazzotte,
quattro sorelle da far girar la testa.

Era un cortile moderno l nel borgo,
l abitavano: Pierino, on mio amico,
sua madre, camiciaia del sobborgo,
e se non erro, lallevatrice.

Di fronte a quaesto grande cortile un bell mistero;
cera, sempre chiuso, un gran portone,
l abitava un fittavolo forestiero,
non ho mai saputo il nome di questo birbone.

Ricordo mia nonna Carolina
che con la sua bottega dortolano,
con loste ed il salumiere della cascina,
aiutavano un po tutti col dar loro una mano.
Quanti ricordi mi passano per la mente,
quanto giocare, e sempre a piedi nudi,
il correre nelle marcite e nel frumento,
e poi arrivare a casa conciati come anatroccoli.

La scuola era l in via Varesina
ed era un bell pezzo farlo poi a piedi,
ricordo che una mamma, ogni mattina,
a turno faceva il pecoraio

con queste caprette attorno a far bordello;
libri sotto braccio, zoccoli a tracolla
(per risparmiare suola e tomaia),
arrivati alla Cappellini (la nostra scuola)

come se fosse una cosa naturale
appoggiavamo per terre gli zoccoletti,
pulivamo i piedini con un giornale
e via in classe con gli altri scolaretti.

Raccontare oggi queste cose al nipotino,
ti prende, quando va bene, per un pazzerello,
eppure questo Boldinasco con le sue cascine,
questo borgo che dipendeva da Musocco,

dentro qui nel cuore, non lo dimentico pi,
li ho iniziato la strada del mio vivere,
l sono trascorsi i primi anni di giovent,
l torno ancora, ogni tanto, senza motivo !
 

 

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)