In Cors de Porta Noeuva (Enrico Botturi)       

 

Testo originale Traduzione

 

In Cors de Porta Noeuva

 

In Cors de Porta Noeuva, al vintiduu,

gh'era la c dove mi sont nassuu:

on porton, quatter pian,

tr cort...

e ona ringhera longa

che la taccava i stanz come vagon

d'ona tradotta che l'andava mai...

Quanti bei sgn hoo faa su quii vagon

ch'eren i m d stanz!

 

De foeura del m uss, a primavera,

intant che mi studiavi el m latin,

sentivi el cippett d'on canarin,

la canzon d'ona tosa innamorada

che la stendeva i pagn de la bugada.

 

Gh'avevi orggia bnna

e cognossevi i vos vunna per vunna.

Al quart pian la mastra

che la pestava el piano,

'na vittima innocenta

di s gorgheggi on poo de cocorita...

Al terz gh'era on bagaj cont el violin

che 'l me stuffiva cont el s frin-frin .

Cicciarament de donn,

mogn de gatt su i tcc,

su i scal

ziffolad e pass d'omm:

e poeu, nota special,

quand che passava el tramm

l'era on ron-ron per tutt el casament...

 

Ma, quand leggevi, mi sentivi nient:

in piattaforma de quell m vagon

tiraa de ona motrs de fantasia,

s'eri a Pars insemma a Jean Valjean,

s'eri a Oria col Franco e la Luisa,

a Barga con Mari...

Lassavi el lagh con Renzo e con Luza

Tutt incantaa in d'on mond de poesia.

 

In cors de Porta Noeuva, al vintiduu,

gh'era... gh'era i m quindes ann,

gh'era on'etaa de gioia

senza i torment e senza i delusion

che me spettaven foeura del porton.

 

In Corso di Porta Nuova

 

In Corso di Porra Nuova, al ventidue,

c'era la casa dove sono nato:

un portone, quattro piani,

tre cortili

e una ringhiera lunga che attaccava

l'una all'altra le stanze come vagoni

di una tradotta che non andava mai

Quanti bei sogni ho fatto sui quei vagoni

che erano le mie due stanze!

 

Fuori dal mio uscio, a primavera,

mentre io studiavo il mio latino,

sentivo il cinguettare d'un canarino, la

canzone d'una ragazza innamorata che

stendeva i panni del bucato.

 

Avevo un buon orecchio

e conoscevo le voci una per una:

al quarto piano la maestra

che suonava il pianoforre.

una vittima innocente

dei suoi gorgheggi un po' da cocorita

Al terzo piano un ragazzetto con un violino

che mi infastidiva con il suo frin-frin.

Chiacchericcio di donne

miagolii di gatti sui tetti,

sulle scale,

zufolate e passi di uomini;

e poi, nota speciale,

quando passava il tram

era un ron-ron per tutto il casamento

 

Ma quando leggevo, non udivo nulla:

sulla piattaforma di quel mio vagone,

tirato da una motrice di fantasia

ero a Parigi insieme a Jean Valjean,

ero ad Oria col Franco e la Luisa,

a Barga con Mari. . .

Lasciavo il lago con Renzo e con Lucia,

tutto incantato in un mondo di poesia.

 

In Corso di Porta Nuova al ventidue

c'era... c'erano i miei quindici anni,

c'era un'et di gioia

senza i tormenti e senza le delusioni

che mi aspettavano fuori dal portone

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)