Ricord de la Valassina (Carletto Pierotti)    

Testo originale Traduzione  

 

Ricord de la Valassina

Gesioeula, cont i copp color vin bon
desbirolaa, riÓnaa de teppa grima,
cocciada sora on d˛ss, dove i moron,
fan ombra a quell sentee che riva in scima:

son ritornaa a trovatt. Te see anm˛ quella:
cont la toa passadora color crŔma,
frusta e slisada 'me la gradisŔlla
che nanca a rebugalla, la sta insŔma...

Con quell ˛rghen mezz bols in cantorýa,
col busseree tobis che le sonava,
coi cames strafojent in sacrestia
e i mantellinn tutt smont, color biedrava...

El s˘ che'l sferla dent in diagonal,
l'inlumina i ragner taccaa a l'altar:
la busiroe¨la del confessional
la sberlusiss 'me 'l specc d'on armoar...

El Crocefiss che pend da la navada,
el doeuggia i banch de s˛tta, cajrolent,
el benediss la testa sperlusciada
de duu pinella e mý mezz magonent!

Me segni, voo de foeura...Che profumm!

Me pondi al restellet: guardi la vall...

 

....................................................

 

...el brugh ch'el str˛lla tutta la scarpada,

el ninna el coo col vent de tramontana,

el fa i gallit ai sass de la rizzada

coi fior...che paren grann de porcellana...

 

Ricordo della Valassina

Chiesuola, con le tegole color vino buono
sconnesse, con strisce di muschio vecchio,
appoggiata su un dosso dove i gelsi,
fanno ombra a quel sentiero che arriva in cima:

son tornato a trovarti. Sei ancora quella:
con la tua passatoia color crema,
logorata e sdrucita come una reticella

che neanche a rammendarla, sta insieme...

Con quell'organo mezzo bolso in cantorýa,
col sagrestano miope che lo suonava,
coi camici gualciti in sacrestia
e le mantelline tutte scolorite, color barbabietola...

Il sole che squarcia dentro in diagonale,
illumina le ragnatele vicino all'altare:
la fessura del confessionale
brilla come lo specchio di un armadio...

Il Crocefisso che pende dalla navata,
osserva i banchi sotto, tarlati
e benedice la testa spettinata
di due ragazzini ed io mezzo accorato!

 

Mi segno, esco...Che profumo!

Mi appoggio al cancelletto: guardo la valle...

 

.................................................................

 

...l'erica che chiazza tutta la scarpata,

ondeggia le sue cime col vento di tramontana

e fa il solletico ai sassi dell' acciottolato

coi fiori...che paion granelli di porcellana...

Commento

 

Invia i t˛ penser, i t˛ emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)