Cancell rusgen (Caterina Sangalli Bianchi)    

 

Testo originale Traduzione letterale 
 
Cancell rusgen
 
Dervgh el cadenazz a sto cancell
che prima l'era vrt a tutt i gent
e lor, vegneven dent,
per la bontaa di m.
 
Dervmel sto cancell irrusgenii
col cadenazz che va n innanz n indree...
Son ch de foeura, in pee,
voeuj vegn dent an'm!
 
Gh' p nissun?... Ma l' mai proppi vera?
Ma m, son ch al cancell a guard dent
e voeuri sav nient
de quell che mi soo n.
 
V'el disi an'm! Dervmel sto cancell,
tiree con tanta forza el cadenazz,
l' n rusgen dal sguazz,
ma per el temp ch' andaa...
 
S...S...Hoo capii... Gh' proppi p nissun:
Son n sarada foeura dom mi.
Per, lassm st ch,
ingenoggiada ai pee del m cancell!
 

Cancello arrugginito

 

Apri il catenaccio a questo cancello

che prima era aperto a tutti

e loro, entravano,

per la bont dei miei.

 

Apritemelo questo cancello arrugginito

col catenaccio che non va n avanti n indietro...

Sono qua fuori, in piedi,

voglio entrare anch'io!

 

Non c' pi nessuno? ... Ma proprio vero?

Ma io, sono qui al cancello a guardar dentro

e non voglio sapere nulla

di quello che io non so.

 

Ve lo dico ancora! Apritemelo questo cancello,

tirate con tanta forza il catenaccio,

non arrugginito dalla rugiada,

ma per il tempo che andato ...

 

S...S... Ho capito... Non c' proprio pi nessuno:

Non sono chiusa fuori solo io.

Per, lasciatemi star qui,

inginocchiata ai piedi del mio cancello!

Commento

Il disegno del cancello del pittore-incisore Claudio Bianchi di Bovisio Masciago.
Si tratta del cancello della casa natale della poetessa, la quale molto grata al marito per averla accompagnata l, dove ha potuto ritrovare uno scorcio del suo passato.

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)