El balanzin (Caterina Sangalli Bianchi)                   

 

Testo originale Traduzione letterale 
 
El balanzin
 
Cert!... Ghe pensi an'm.
L' vera o l' staa on sogn?
... ... ...

Seri foeura de c
e camminavi, quand...
on toppich!
Voo in terra, borli gi!.
On sass o 'l marciapee,
cert, on quaicoss,
che me ingarba i pee.
 
Poeu, come in sogn,
'na man la m'ha toccaa,
leggera, delicada,
'na benedetta man
che m'ha salvaa.
 
Me volti on poo confusa,
tenti de ringrazi,
ma LU'
con bei maner,
tant rar al d d'incoeu,
el me carezza el coo
el rid... e poeu,
vist che l'hoo conossuu,
el dis: Settmes gi,
parlom di t magagn,
tant, ch, ne senten n.
 
E m, hoo parlaa...
 
Prima, dasin, sottvs,
poeu, con pussee coragg,
hoo tiraa-s la vs e...
Perch propi su m
che seri on passarin?
E corr e rampeg,
evi mai faa on basell
senza saltall
e scavalcavi i foss
e dent e foeu di sces...
E adess?... Son ch.
Credi no de sbagliamm
se tutt l' in man a T...
 
E sbassi el coo.
 
An'm El sorid.
El torna a carezzamm,
dopo, col did,
El fa segn de voltamm
e vedi,

prima nebbiaa,
poeu, pussee ciar,
"on balanzin"
e infin... 'na vs,
la Soa...
 
Guarda sul piatt per ari,
l' pien di t magagn,
adess guarda quell bass
ch'el p st minga in pari.
Tocca come l' grev!
Sora gh' l tutt quell
che m, de bell, t'hoo daa...
 
An'm el m coo sbassaa.
 
Te gh'hee reson, gh'hoo dii.
Scusom la vanitaa.
E l'hoo p vist.
Sparii.
... ... ...
Coi man taccaa al mur
tornavi in c. Dasin...
Grev, da ona part,
vedevi el balanzin.
 
Il bilancino
 
Certo!... Ci penso ancora.
 vero o  stato un sogno?
... ... ... 
 
Ero fuori casa
e camminavo, quando...
un inciampo!
"Vado a terra, cado!".
Un sasso o il marciapiede,
certo, qualcosa,
che mi intralcia i piedi.
 
Poi, come in sogno,
una mano mi ha toccata,
leggera, delicata,
una mano benedetta
che m'ha salvata.
 
Mi giro un po' confusa,
tento di ringraziare,
ma Lui
con belle maniere,
tanto rare al giorno d'oggi,
mi accarezza il capo
ride ... e poi,
visto che l'ho riconosciuto,
dice:"Sediamoci,
parlami dei tuoi problemi,
tanto, qui, non ci sentono".
 
E io, ho parlato...
 
Prima, adagio, sottovoce,
poi, con pi coraggio,
ho alzato la voce e...
"Perch proprio su di me
che ero un passerotto?
E correre e arrampicare,
non avevo mai fatto un gradino
senza saltarlo
e scavalcavo i fossi
e dentro e fuori le siepi...
E adesso?... son qui.
Non credo di sbagliarmi
Se tutto  in mano a Te...".
 
E abbasso il capo.
 
Ancora sorride.
Mi riaccarezza,
poi, con il dito,
fa segno di voltarmi
e vedo,
 
dapprima annebbiato,
poi, pi chiaro,
"un bilancino"
e infine ... una voce,
la Sua...
 
"Guarda sul piatto in alto,
 pieno dei tuoi errori,
ora guarda quello in basso
che non pu stargli alla pari.
Senti com' pesante!
Sopra c' tutto quello
che io, di bello, ti ho dato"...
 
Ancora il mio capo chino.
 
"Hai ragione", gli ho detto.
"Scusami la vanit".
E non l'ho pi visto.
Sparito.
 
Con le mani appoggiate al muro
tornavo a casa. Lentamente...
Pesante, da un lato,
vedevo il bilancino.

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)