Circo (Cesare Mainardi)                                                

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

Circo

 

Se sara  baracca,

el Circo l' in tcch.

Finida con l'ors che boccala,

col pney che balla:

galp!

Hop, hop, l' finida.

La torna la Frida

a fa la baldracca,

tettna.

El torna al mestee

el Willy dondina:

rocchetta!

La sguigna  la zebra:

l' bna per fesa de prima.

Allee, allee!

 

Sparissen trombon,

grancassa e vioron.

Hop, bop, piroletta,

acrobata in pista!

Ahim, l'ha faa cista,

l' l col cuu grev.

'Se importa?

Per ona spaccada

ben fada

de cert, foeura prta,

el troeuva ona sgnappa

de bev.

Tabacchen  quij intregh

d'elefant

e sguizzen i fch dai cadregh.

Se smrzen i ciar.

El Circo l' in tcch.

L'ha traa l'ultim sgar

el clarin.

Finida.

 

Impesaa  su la bula,

no gh' p che el poer tony

brasciaa su col restell.

Dai ganass de tomates

su la muda pajascia

colen lagrim de sangh.

 

Circo

 

Si chiude baracca,

il Circo a pezzi.

Finita con l'orso che tracanna,

con il pony che balla:

Al galoppo!

Hop, hop, finita.

Torna la Frida

a fare la puttana,

tettona.

Torna al vecchio mestiere

Willy il beone:

lenone!

Geme la zebra:

buona come fesa di prima scelta.

Forza, Forza!

 

Scompaiono tromboni,

grancassa e contrabbassi.

Hop, hop, piroletta,

acrobata in pista!

Ahim, ha fatto cilecca,

l col sedere a terra.

Che cosa importa?

Per una spaccata

ben fatta

certamente, fuori porta,

trova una grappa

da bere.

Se la svignano quegli impacciati

di elefanti

e guizzano le foche dai sedili.

Si spengono le luci.

Il Circo a pezzi.

Ha lanciato l'ultimo trillo

il clarino.

Finita.

 

Impietrito sulla pula,

non c' che il povero pagliaccio

abbracciato al rastrello.

Dalle guance di pomodoro

sulabito da clown

scendono lacrime di sangue.

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)