El cancel (Cesare Mainardi)       

 

Testo originale Traduzione letterale 
 

El cancel

Cont i ferr drizz in pee
e la ponta spongenta
el cancell l' l gnucch
motrient.

Ghe doo dent, el scorlissi,
el tampini
me rampghi, me danni
ma i s ferr resten l
drizz in pee, ingrugnaa
inciodaa.

Anca m resti l.
E spionni.

Vedi on vial con la gera menudra
ona proeusa fiorida
poeu on gran praa che se perd
in la nebbia leggera
de la terra che fiada
lontana.

Ecco on'ombra...

N, no me insogni.
La tocca el cancell
dal dedent. Par che forse
la voeura dervill.

S, che in tra i ferr te conossi!

Son m propi m
col faccin de pomin
che gh'avevi quand s'eri on bagaj.

Te ciami, te ciami per nomm
poeu col nomm piscinin
che te dava la mamma.

Te fee segn de f citto
che n, se p n
se p n...

E te slset - ombra -
in la nebbia leggera
de la terra che fiada
lontana.

 

Il cancello

Coi ferri dritti in piedi
e la punta pungente
il cancello l duro
immusonito.

Gli d dentro, lo scuoto,
lo tormento
mi arrampico, mi arrabbio,
ma i suoi ferri restano l
dritti in piedi, arcigni
inchiodati.

Anch'io resto l.
E spio.

Vedo un viale con la ghiaia minuta,
un'aiuola fiorita
poi un gran prato che si perde
nella nebbia leggera
della terra che respira
lontana.

Ecco un'ombra...

No, non mi sogno.
Essa tocca il cancello
dal didentro. Pare che forse
voglia aprirlo.

S, che tra i ferri ti riconosco!

Sono io, proprio io
col visetto di melina
che avevo quand'ero bambino.

Ti chiamo, ti chiamo per nome
poi col nome piccolino
che ti dava la mamma.

Tu fai segno di far silenzio
che no, non si pu
non si pu...

E ti dissolvi - ombra -
nella nebbia leggera
della terra che respira
lontana.

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)