Inverno (Cesare Mainardi)              

 

Testo originale Traduzione

 

crodada in d'el bosch l'ultima foeuja.
Taccaa al camin voo adree a quij pocch lugher
che sguizzen se rugatti con la moeuja
i brasch e la bornis di m penser.

M' crodada in d'el coeur l'ultima voeuja.
Anca i memori hin fosch come i scigher.
Voeuri inciod la porta con la soeuja
e dervigh a nissun. P de dover!

De foeura tucc: omen e donn, speranz
e sogn. E sotterr sotta a la zner
voeuri passion e affann di temp indree.

Ma on vecc - Esuss, chi l' - el ven innanz
el lassa gi on germoeuj luster e tner
e, citto, via ch'el va in ponta de pee.

 

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)