La c di memri (Cesare Mainardi)                         

 

Testo originale Traduzione letterale  (a cura di Angelo Manzoni)

 

La c di memri

 

Inciodada su on bricch,

l' la c di memorj.

Per i prt senza uss

e i finester senz'ant

el vent... uuuuuuuh...

El  ghe giuga dedent.

Per i boeucc el ravana

in di mur, el destana

i sciguett,

el spazzetta

in canton  pussee scur,

el scorliss  i ragner.

 

Se desseden allora

i memorj...

 

Me giren intorna

omber , omber

e parlen, biassen,

parol che capissi

on poo s e on poo n.

Poeu vann via

propri quand stoo per digh,

ecco... s... me regordi

el t nom, la toa vos...

 

E la ca' la se svoeuja.

 

Ma el d adree

- spagoletta sul vent -

a frtt vegnen su

a cercass on ricver.

Se sconden in di crenn del camin,

stt i scagn de castegn,

in tra i pioeud  di grondan.

Vegnen tucc coi magon,

coi segret, cont i sgrsor,

chiss mai de quanti ann.

 

E mi quacc  

resti l a spett,

se voressen parl

anca lor. E stoo all'erta

se di vlt on sospir...

 

Senti on pass, guardi indree:

nissun. Forse un'ombra che va,

forse on sgn,

ch' riva fina chi.

 

Venn ntt e me par

de ved sbarlus

di pajett come d'or

contra el negher di mur,

de sent

ona man che me cerca

suttila, leggera,

el profum de paroll

perduu in l'aria

desfaa 

slontanaa.

 

Ciami gent, vosi ajutt,

come on mut foo di segn,

ma nissun voeur sentimm.

Sord e rb come m?

 

Scrizza  la ca', ona ventada, via!

 

Dal finestroeu de tramontana

on ragg de luna piena,

forse la rid.

Voo foeura a la serena.

 

Scrusciada su la soeuja

in sorioeula

l, memoria de jer, t.

 

Ven, tegnom per man.

Te saret l'ultima, diman.

 

La casa dei ricordi

 

 

Inchiodata su un dosso,

st la casa delle memorie.

Tra le porte senza usci

e le finestre senza imposte

il vento ..uuuuuuuuuuh

ci gioca dentro.

Fruga fra i buchi

nei muri, snida

le civette,

spazza

negli angoli pi scuri,

scuote le ragnatele.

 

Si ridestano allora

le memorie

 

Mi girano attorno

ombre, ombre

e parlano, sussurrano

parole che capisco

un po si e on po no.

Poi se ne vanno

proprio quando sto per dirgli,

ecco s mi ricordo

il tuo nome, la tua voce

 

E la casa si svuota.

 

Ma il giorno appresso

- sulle spalle del vento

a frotte salgono

a cercarsi un ricovero.

Si nascondono nelle crepe del camino,

sotto le sedie di castagno,

tra le pietre delle gronde.

Vengono tutti con i rimpianti,

con i segreti, con i timori,

chiss mai di quanti anni.

 

Ed io quatto

resto l ad aspettare,

se volessero parlare

anche loro. E sto allerta

se a volte un sospiro

 

Sento un passo, guardo indietro:

nessuno. Forse unombra che v,

forse un sogno,

che arriva sin qui.

 

Viene notte e mi par

di veder luccicare

delle pagliuzze come doro

contro il nero del muro,

di sentire

una mano che mi cerca

sottile, leggera,

il profumo di parole

perse nellaria

dissolte

allontanate.

 

Chiamo gente, chiedo aiuto,

come un muto faccio dei segni,

ma nessuno vuol sentirmi.

Sordi e orbi come m?

 

Geme la casa, una ventata, via!

 

Dal finestrino di tramontana

un raggio di luna piena,

forse se la ride.

Esco all'aperto.

 

Accovacciata sulla soglia

discinta

l, memoria di ieri, tu.

 

Vieni, tienimi per mano,

sarai l'ultima, domani.

 

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)