La giostra (Cesare Mainardi)                

 

Testo originale Traduzione  

 

La giostra

 

 In mezz a la mojascia

di foeuj pettegasciaa

l' l ferma, inciodada,

inranghida, la giostra,

streppacoeur del bastion.

 

 Bordegada  de palta

la segutta a fa l'oeucc

la sirna, ingermada,

dalla faccia de crappa

alla cova de pess.

 

Cont vert la boccascia

e oggiononi de foeugh

hin l pront i cavaj.

Ma per chi? Fee pietaa.

Oramai sii di brcch.

 

I poltron a conchiglia

s'hin pientaa sui rotaj.

Hann finii de gir.

Alla voeuna de nott

l' creppada, la giostra.

 

E settada a la cassa

trenta lire la corsa,

doppia corsa cinquanta,

gh' la Mort, sta bagassa,

che la cunta i palanch.

 

La giostra

 

In mezzo alla melma

di foglie infangate

l ferma, inchiodata,

irrigidita, la giostra,

passione dei bastioni.

 

Imbrattata di palta

continua ad ammiccare

la sirena, immobile,

dalla faccia volgare

alla coda di pesce.

 

Con la boccaccia aperta

e occhioni di fuoco

sono l pronti i cavalli.

Ma per chi? Fate piet.

Ormai siete dei ronzini.

 

Le poltrone a conchiglia

si sono piantate sulle rotaie.

Hanno smesso di girare.

Alla una di notte

la giostra morta.

 

E seduta alla cassa

trenta lire la corsa,

doppia corsa cinquanta,

c la Morte, questa bagascia,

che conta i quattrini.

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)