Penser del Lella (Ferruccio Colombo)              

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

Mi scrivi in dialett, senza pretes,

perch son minga m quel tamberlan

che a scriv quejcoss, el se sent omm de ps.

 

Penser del lella

 

Quand senti tanta gent che la me dis

che a vegn vecc per lor l' on dispias,

forsi me sbagli, ma me s duvis

che el ragion sann nanca cossa l'.

.

 EI s de f l' de st a cunt i d,

se lamenten che fan prest a pass,

e tutt per la paura de mor,

l' quell el penser fiss ch'i e f trem.

 

Ghe sariss on rimedi: l' poeu quell

de mor giovin per non vegn vecc!

Mi per, che ghe tegni a la mia pell,

preferissi guardamm pocch in del specc.

 

Sar on penser del Lella, ma per m

che sont vun che ghe pias de st a sto mond,

e me lamenti no se passa i d,

quest l' forsi el penser pussee profond!

 

Scrivo in dialetto, senza pretese,

perch non sono io quel balordo

che per scrivere qualcosa, si senta un uomo di peso.

 

 Pensieri da nulla

 

Quando sento molta gente che mi dice

che per loro invecchiare un dispiacere,

forse mi sbaglio, ma mi pare

che non sappiano cosa sia il ragionare.

 

Il loro daffare stare a contare i giorni,

si lamentano perch passano in fretta,

e tutto per la paura di morire,

quello il pensiero fisso che li fa tremare.

 

Ci sarebbe un rimedio: poi quello

di morire giovani per non invecchiare!

Io per, che tengo alla mia pelle,

preferisco guardarmi poco allo specchio.

 

Sar un pensiero da nulla, ma per me

che sono uno cui piace stare a questo mondo,

e non mi lamento se passano i giorni,

questo forse il pensiero pi profondo!

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)