La mia tosetta (Corradino Cima)                          

 

Testo originale Traduzione  

La mia tosetta

 

Dom l'altrr la m'ha compii sett ms,
ma s'hoo de d la pura veritaa
ghe troeuven tucc che ne dimostra ds;
bionda, grassinna. col bocchin ben faa,
d ganassinn rotond, bj ross e stagn....
oggitt celest che no ghe n' compagn..
Sott al barbozz la gh' ona pappagorgia
che la somja a on gozzettin rimiss;
e, quand la rid, senza che la se accorgia,
dal cantonscell di laver ghe sbottiss
on fontanin de spua tevedinna
che cambia in d'on laghett la bauscinna,
I man paren miniaa da on certosin,
gh'han certi did mezz sprofondaa in la ciccia,
pien de foppt compagn d'on prepontin
che ai m basitt ghe serven poeu de niccia
e, in conclusion, mi credi ch'hin tucc sgn
de avlla trada insmma cont impgn.
Eppur me par on sogn, me par n vera
de vgh ona tostta proppi mia,
on sogn incominciaa sta primavera
quand, prima anm de nass. quasi diria
dal tropp orgasmo no podeva cred
che bell miracol stava per succed!
Ma quand hoo vist qui duu brascitt per ari,
qui d gambett a sbatt de chi e de l,
quand hoo sentii quell pover strfusari
a f on versin, toss e stranud,
quand minga persus de st a guardalla
hoo slongaa l la man per carezzalla,
me sont sentii di sgrsor per la vita,
e ona passion, ona smania, on nonsoccb,
come se in m vivess on'altra vita
e podess p resist dal tropp pias,
o ch sul coeur gh'avess quaj coss che prmma,
quajcoss che sforza a piang e rid insmma....
Hoo tiraa indree la man che la tremava
come se avss tentaa de f on delitt,
hoo vist la mamma che la sospirava
dopo de av patii ogni sort de vitt
e l'hoo basada - serom dom nun
come, ve giuri, hoo mai basaa nissun.
Da quell moment c mia la s' cambiada;
la mia sposinna e mi tutt i mattinn,
dervend i oeucc, la troeuvom gi parada
com on pas cont foeura i sandalinn:
de chi quatter pattj, 'na vestinetta,
d scarpttinn faa a guggia de calztta,
de l ona bauscinna, on camisoeu
cont tant de pizz e i ciffer ricamaa;
in d'on canton riposa on tettiroeu;
s on scagn, in del cestin tutt trapontaa
e in mezz al necessari per fassalla;
la zipria col piumin de inziprialla:...
E tutt sti robb, che pur gh'hann no importanza,
ne parlen on linguagg ch'hemm mai sentii;
in lor gh' consacrada ogni speranza,
ghe troeuvom on valor mai p fenii,
e ogni idel, per quanto bell el sia,
su quatter barlafus m'el porten via!
Ecco ch'el s el ne sbircia on'oggiadinna,
passand travers ai tend, ai fllidur,
tuscoss el mett in scicch, in pompardinna;
e, rampegand sui scagn, s per i mur,
el ghe d vita a tutt, anca ai belee'
fin ch'el ghe riva a dessedalla lee
E l' on pias, quand lee l' dessedada.
tiralla in lett con nun per tottoralla,
vedlla li in sorioeula, desfassada,
a sgoratt compagn d'ona farfalla
con sto camisorin che serv nagott,
perch el me mostra... el curascell tutt biott!...
Per mi, quest l' el moment el pussee bell
de tutta la giornada. Lee la rid,
la strilla e la sgariss com on fringuell;
in di barbis la me scond dent i did,
e colla dobbia, o coi covert del lett,
la quatta i oeucc, la giuga al "bordoeu... cett!
Tuscoss la voeur per lee, tuscoss la tocca,
la frigna mai, n mai la se lamenta,
la ciappa i s pescitt, si je mett in bocca;
e, quand la guardom minga, la ne tenta,
come s'el s corin 'l sentiss gi a st'ora
i sgrsor di affezion passagh a sora.
Quand l' in del bagn se gh' de f a tegnilla..
l' on visibilli tl, on tal follett,
che la scarliga via come on'inguilla;
lee la masra gi, la fa on sguazzett
col s'giaffett. s l'acqua cont i man
da fa scapp via tutti on mia lontan!
Tra ona morgninna e l'altra intant ven sira,
passen sti or che volen come el vent;..
se vorraria ferm quij sfr che gira
per god sta nostra gioja eternament:
sta gioja che ne fa trem la vos
dom a parlann... de tant che semm gelos.
In quella cuna coi tendinn de pizz,
dove ogni sogn l' on sogn de paradis,
s quell cossin che ghe carezza i rizz
e le contorna come ona cornis,
sto car strafoj che dorma el ghe somiglia
a ona perla, sconduda in la conchiglia.
Dorma, f nanna, o bell donnin de l'ai,
che prest o tard poeu sponten i penser
e sti bj sogn l' p possibil fai;..
n i bj tramont d'autunn, n i primaver,
n 'l tripill del mar al ciar de luna
te darann mai sta ps de la toa cuna!..
Lagrim, sospir, malinconij, miseri,
che staghen via lontan per caritaa;
lontan de ti malann e tribulleri
e quanto mai de brutt staa creaa;
dorma, f nanna, cara la mia stella,
dorma, tesor, che stoo de sentinella.
Come in april la pianta de rubinna
la crss in fior, la forma ona ghirlanda,
attacch a mi, ai socch de la mamminna
a pocch a pocch te cressaret s granda
e savia e bella e cont sti sentiment,
ch'hemm imparaa anca nun dai noster gent.
Ma quand per quella sort che a tucc ghe tocca,
quell galantomm che sar dgn de ti,
cont on basin 'l te sfiorar la bocca
d'on ben divrs de quell che te vui mi,..
allora dimm, vegginna, in quij temp l
te se regordaret del t pap?
Te se regordaret de la mammetta,
di s riguard per ti, di s premur,
del dorm no de nott, del st inquietta
per lasstt mai manc cent milla cur?...
In mezz a tanta gioia. a tanto amor,
te vanzaree on ciccin de ben per lor?

. . . . . . . . . . . . . .

Come l' tard!... E che silenzi!... In strada
on brumm che passa, on quai sportell che sbatt...
(ma el senti mi quell t bocchin che fiada,
ghe doo a tr mi a quell t corin che batt!..)
Dorma, f nanna, cara la mia stella!
Dorma, tesor... che stoo de sentinella...

La mia bambina

 

Solo laltro ieri ha compiuto sette mesi,

ma se devo dire la pura verit

tutti trovano che ne dimostra dieci;

bionda, cicciotella, con la boccuccia ben fatta,

due guancette rotonde, belle rosse e sode

occhietti azzurri che non ce n d'uguali

Un sottomento

che assomiglia a un gozzetto posticcio;

e, quando ride, senza che se ne accorga,

dallangolo delle labbra le sprizza

uno zampillo di saliva tiepidina

che muta in un laghetto il bavaglino,

le mani sembrano miniate da un certosino,

hanno certe dita mezze sprofondate nella ciccia,

piene di fossette al pari di un trapuntino

che ai miei baci servono poi da nicchia

e, in conclusione, credo che siano tutti segni

di averla messa insieme con impegno.

Eppure mi sembra un sogno, non mi par vero

di avere una bimba proprio mia,

un sogno incominciato questa primavera

quando, prima ancora di nascere, direi quasi

che la troppa emozione non mi permetteva di credere

nel bel miracolo che stava per accadere!

Ma quando ho visto quei due braccini per aria,

quelle due gambette sbattere di qui e di l,

quando ho sentito quel povero esserino

fare un versetto, tossire e sternutire,

quando non persuaso di stare a guardarla

ho allungato la mano per accarezzarla,

mi sono sentito dei brividi lungo la schiena,

e una passione, una smania, un non so cch,

come se in me vivesse unaltra vita

e non potessi pi resistere dal gran piacere,

o che sul cuore avessi qualcosa che premesse,

qualcosa che spinge a piangere e ridere insieme

ho ritratto la mano che tremava

come se avesse tentato di commettere un delitto,

ho visto la mamma che sospirava

dopo aver patito ogni sorta di disagio

e lho baciata eravamo solo noi -

come, vi giuro, non ho mai baciato nessuno.

Da quel momento casa mia si cambiata;

la mia sposina ed io tutte le mattine,

aprendo gli occhi, la troviamo gi parata

com' un paese con gli addobbi:

da quei quattro patelli, una vestina,

due scarpette fatte ai ferri,

di l un bavaglino, una camiciola

con tanto di pizzo e cifre ricamate;

in un angolo riposa un biberon;

su uno sgabello, nel cestino tutto trapuntato

e in mezzo al necessario per fasciarla;

la cipria con il piumino per incipriarla

E tutte queste cose, che pure non hanno importanza,

ci parlano un linguaggio che non abbiamo mai sentito;

in loro c consacrata ogni speranza,

vi troviamo un valore mai pi finito,

e ogni ideale, per quanto bello sia,

su quattro cianfrusaglie me lo portano via!

Ecco che il sole ci manda unocchiatina,

passando attraverso le tende, le fessure,

ogni cosa impreziosisce e mette in bella mostra;

e, illuminando gli scaffali,  i muri,

dona vita a tutto, anche ai giocattoli

fin che riesce a svegliarla.

Ed un piacere, quando lei sveglia,

portarla a letto con noi per coccolarla,

vederla l mezza nuda, sfasciata,

a svolazzare come una farfalla

con questo camicino che non serve a niente,

perch mi mostra il culetto tutto nudo!...

Per me, questo il momento pi bello

di tutta la giornata, lei ride,

strilla e trilla come un fringuello;

mi nasconde le dita nei baffi,

e con il lenzuolo, o le coperte del letto,

copre gli occhi, gioca a bau sette!

tutto vuole per lei, tocca tutto,

non piange mai, n mai si lamenta,

prende i suoi piedini, se li mette in bocca;

e, quando non la guardiamo, ci tenta,

come se il suo cuoricino sentisse gi a questora

i brividi daffetto passarle sopra.

Quando nel bagno c' da fare a tenerla

un visibilio tale, un tal folletto,

che scivola via come unanguilla;

si immerge, fa un laghetto

schiaffeggiando lacqua con le mani

da far scappare via tutti lontano un miglio!

Tra una moina e laltra intanto vien sera,

queste ore volano via come il vento

si vorrebbero fermare quelle lancette che girano

per godere questa nostra gioia in eterno:

questa gioia che ci fa tremare la voce

solo a parlarne da tanto siamo gelosi.

In quella culla con le tendine di pizzo,

dove ogni sogno un sogno di paradiso,

su quel cuscino che le accarezza i riccioli

e la contorna come una cornice,

questo caro pastrugno che dorme assomiglia

a una perla, nascosta nella conchiglia.

Dormi, fa la nanna, o bel donnino,

che presto o tardi poi spuntano i pensieri

e questi bei sonni non pi possibile farli

n i bei tramonti dautunno, n le primavere,

n l'ondeggiare del mare al chiaro di luna

ti daranno mai questa pace della tua culla!...

Lacrime, sospiri, malinconie, miserie,

che stiano lontano per carit;

lontano da te malanni e tribolazioni

e quanto mai di brutto stato creato;

dormi, fai la nanna, cara la mia stella,

dormi, tesoro, che sto di sentinella.

Come in aprile la pianta di robinia

cresce in fiore, formando una ghirlanda,

accanto a me, alle gonne della mammina

a poco a poco diventerai grande

e saggia e bella e con questi sentimenti,

che abbiamo appreso anche noi dai nostri genitori.

Ma quando per quella sorte che ci  tocca tutti,

quel galantuomo che sar degno di te,

con un bacio ti sfiorer la bocca

di un bene diverso da quello che ti voglio io,..

allora dimmi, vecchietta, in quei tempi l

ti ricorderai del tuo pap?

Ti ricorderai della mammina,

delle sue cure per te, delle sue premure,

del non dormir di notte, dello stare inquieta

per non lasciarti mai mancare centomila cure?...

In mezzo a tanta gioia, a tanto amore,

conserverai un po' di bene per loro?

 

. . . . . . . . . . . . . .

 

Com tardi!... E che silenzio!... In strada

una carrozza che passa, qualche sportello che sbatte

(ma la sento io quella tua boccuccia che respira,

ascolto io quel tuo cuoricino che batte!..)

Dormi, fai la nanna, cara la mia stella!

Dormi, tesoro che sto di sentinella  

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)