Minestron (Corradino Cima) 

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

Minestron 

 

Mazzini el mtt el broeud. Vittori el ris.
Cavour i verz. Napoleon i fasoeu.
Pio nono i codegh...(ma l' l indecs).
Rattazzi e i moderaa: sller e ajoeu.
Pever e saa el Guerrazzi coi s ams.
Carttol, i giornai, compagn de incoeu.
La pestada de lard...le mtt Giulaj
e Garibaldi el foeugh per cusinai.

 

Ma qui partii lifrcch ch'hin semper stt,
in tutt'i temp, a rebeccass tra lor,
prima ancam che 'l Minestron 'l sia ctt,
col tira e mlla e f del bell'umor,
ris'cen de mand tutt a rebelltt
col stravacc el caldr, sti poer tambor,
con tutt el bon che i Omen de giudizzi
gh'hann casciaa dent con tanti sacrifizzi.

 

Minestrone

 

Mazzini mette il brodo. Vittorio il riso.

Cavour le verze. Napoleone i fagioli.

Pio nono le cotenne (ma l indeciso).

Rattazzi ed i moderati: sedano ed aglio.

Pepe e sale il Guerrazzi con i suoi amici.

Le carote, i giornali, come oggi.

La pestata di lardo la mette Giulaj

e Garibaldi il fuoco per cucinarli.

 

Ma quei partiti sprovveduti sempre litigiosi,

tutti i momenti, a litigare tra loro,

prima ancora che il Minestrone sia cotto,

col tira e molla e far del buon umore,

rischiano di mandare tutto a catafascio

rovesciando il pentolone, questi poveri ottusi,

con tutto il buono che gli Uomini di giudizio

hanno messo dentro con tanti sacrifici.

Commento

Ottonari del 1884 tratti da "Primm erudizion in politica", scritti pensando ai 25 anni d'unit nazionale e ispirati dalla sua convinzione che "in politica, il mondo, con le sue miserie, non va preso troppo sul serio". Il brano inserito nella sua raccolta milanese del 1950 "Memri d'on pivell de settant'ann e poesie varie"

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)