La polenta (Silvio Crepaldi)                                                      

 

Testo originale Traduzione

 

La polenta

 

Tosa del S e de la soa morosa

la Terra (che in pcch ms la picca l

loeuv a centenn de milla) - legriosa,

gialda l'istss de l'or, - eccola ch

 

calda, su la basltta, - gremolada,

fumanta, tramandant on odorin

ch' el guzza l' appetitt... (ah! che pacciada

vuj fann!!!) - S on fil de reff... Ecco, on fettin...

 

(on fettin?.. on fetton!); dent... e ch' el nega

soffegaa in del att pnna mongiuu!!!

Poeu on'altra fetta, che la quatta integra

la mia fondinna; e, soravia, on cazzuu

 

de poccia, e on'infilada d'usellitt

voltiaa in l'erba savia e in la panscetta...

Infin, per compiment, duu o trii fettitt

de stracchin tutt a boeugg; oppur 'na fetta

 

de Gorgonzoeula, de quell verd, piccant;

d dida de Barbera e on bon caff...

E mi, con t, - POLENTA - stoo d'incant,

sagoll e soddisfaa, mj che n on re...

(de quj col cuu pezzaa e cont foeura i p!...).

 

Milan, el 20 Settember del 1926.

 

N.B. - La poesia fu pubblicata nel Monviso di Torino il

25 Ottobre 1926 e stampata per un'osteria de la Rasa di Varese.

 

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)