A Carlo Porta (Delio Tessa)            

 

Testo originale Traduzione

 

A carlo Porta  

Contra i melanconij, contra i magon
rezipe, el me zion,
rezipe i rimm del Porta; el pÓ Carloeu
dopo la gran pacciada
per el Santo Natal... (e ravioeu,
pollin, torron, mostarda)... in cÓ Marianna
ultem piatt de portada - varda, varda
l'Ŕ chý, largo, l'Ŕ chý! - pas e legria!!
La Lomazza, la Nanna
bella col biadeghin
de post-disnaa al camin tasen; "Zion,
derva el liber, zion!" D'intornovia
damazz e pretascion,
veggiabi, vesighett, ghicc, paracar,
tutta la compagnia
morta la se descanta
ai reciamm del grossista de catar!

Nebbia! Nebbia ven su! vˇlzet fumeri
di riser, di marscit! Nebbia ven su!
Tra el Redefoss, el Lamber e l'Olona,
scigheron della bassa,
impatt˛nom Milan, sfˇndomel sott!
Sira del milla e vott!
Dal Liron, dal Quadronn, dalla Coronna,
dal Carrobi, dai Fior
salten foeura de pianta
el Bongee con la donna, la Tetton,
la Firisella, el scior
Marchionn, la mora del sciall giald... allon,
allon... sur abadin,
al cors, al Teatrin!
alla Scara al PromŔtich, alla Scara
sur Giovannin! allon,
la risottada al Carchen, a velion,
a velion!... armandolin, legrij
chitar e Cottarij!... Scolta, zion.
L'Ŕ la nostra Milan
veggia - tiremm el fiaa -
l'Ŕ la nostra Milan, zion, che canta
e che sona e che balla a carnevaa!
In fuga per i straa,
dent per i boeucc, can-can,
baracch e luminari... e la Tetton
la balla cont el sciÓbel,
e l'abadin el petta i onc sul gnÓbel,
fin che ven gi˛ el sipari... e ven mattina!

(segue)

 

A carlo Porta

Contro le malinconie, contro gli affanni
recipe, caro zione,
recipe le rime del Porta; il papÓ Carlino,
dopo la grande abbuffata
del Santo Natale (e ravioli
tacchino, torrone, mostarda), in casa Mariani
ultimo piatto di portata - guarda, guarda,
arriva, largo che Ŕ qui, pace e allegria!
La Lomazzi, la "Nanna
bella" col nipotino,
dopo pranzo tacciono sedute al camino: "Zione,
apri il libro, zione!" Tutt'intorno
damazze e pretacchioni,
vecchiarde e ragazzette schifiltose, seminaristi, militari,
la compagnia
morta si scioglie dall'incanto
ai richiami del grossista di catarro!

Nebbia! Nebbia, vieni su. Alzati, fumea
delle risaie e delle marcite! Nebbia su.
Tra il Redefossi, il Lambro e l'Olona,
tu, nebbione della Bassa,
avvolgimi Milano nella tua coltre, sprofondamelo sotto!
Sera del milleottocento!
Dal Nirone, dal Quadronno, dalla Corona,
dal Carrobbio, dai Fiori
saltano fuori, vivi,
il Bongee con la moglie,
la Tetton, la Firisella, il signor
Marchionn, la mora dallo scialle giallo... allons,
allons signor abatino,
al passeggio, al teatro!;
alla Scala al Prometeo, alla Scala,
signor Giovanni!; allons,
la risottata al CÓrcano, a veglione,
a veglione... mandolini, allegrie,
chitarre e liete brigate!... Ascolta, zione.
╚ la nostra Milano
vecchia - tiriamo il fiato
Ŕ la nostra Milano, zione, che canta
e che suona e che balla a carnevale!
In fuga per le strade,
dentro alle bettole, balli,
bisbocce e luminarie... e la Tetton
balla con lo storpio,
e l'abatino ficca le unghie sul bel pomo,
finchÚ cala il sipario... e viene mattina!

Commento

 

Invia i t˛ penser, i t˛ emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)