El cavall de bara (Delio Tessa)       

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

El cavall de bra

 

And a torna per Milan
a cert'or, l' on testament!
car, vicciur, on rabadn
de tramvaj, gent sora gent,

 

rebuttnen, pesten caj,
aj! ch'el guarda in dove al v!
se te gh'ee de travers,
no te disi, poeu: l' on guaj!

 

Mi che son gi de natura
spauresg e, minga assee,
son tobs anca, segura!
guardi innanz, de part, de dree,

 

slonghi el cll de ch e de l
come i ors in di gabbitt,
disi on pter e poeu...stt!
ciappi el slanz e me troo l

 

giusta quand, se la ven fada,
me ven contra on cariagg
automobil de volada...
- aj, aj, aj! - Ges, che scagg!

 

salta indree!... ghe giughi el coo
che foo rid i capellon!
Benedett qui pantalon
che se cascen nanca on poo

 

e scarlighen via quiett...
quand m, in scambi, fioeuj! de tratt
in tratt, ciappi s on scaggett
che me fa and via el latt!

 

...e ghe n' de sti pn pss
che se tiren mai de banda
e s'impipen de l'Olanda,
che ghe pden borl adss

 

i colnn de San Lorenz
e no fan on pass in l:
per esempi, quell melenz
d'on m amis, quell mostaf

 

in poltrna d'on Antni
Galbarin l' vun de quist,
sissignor! e ier n'oo vist
giusta on olter; on demni

 

d'on cavall de bara! gh'
n de rid, perch anca i besti
gh'han el s carater...gh'
qui cattiv: guai se me intesti,

 

lassemm st, tiri pesciad!;
gh' qui pver turlur
che se lassen pest s,
pamposson n frecc n cald,

 

ma zucconi, cristianin!
come quell cavll de bra
che passava in via Turin.
Tutt sta gent la gh'a magara

 

pressa, e m coss'o de facch
- me pareva ch'el disess -
Anca a cor per m l' istess...
poeu son stracch, no pss p dacch!

 

cicch e ciacch e tira e tira,
mi voo adasi: pesta pur!
tant, quand gh' gi 'l s l' sira!
m voo pian: ti pesta pur!

 

cicch e ciacch e pioeuv e pioeuv...
su sti prej quand l' bagnaa
borl gi l' subit faa...
prti i cann per l'rghen noeuv

 

a ona gesa de Milan...
son mazzaa... gh'oo nanca famm...
picca pur che m voo pian!...
vedi l'ora de butamm

 

l! son mort! hin trenta mja,
con sta carega de cann
in sul goeubb...e inanz tutt l'ann
con sta vita: trenta mja

 

come incoeu...doman des mja,
postdoman, magara, nient,
poeu anm des...quindes...e via!
in dov'ell sto sacrament

 

d'ona gesa? tiremm l,
cicch e ciacch...fin che gh'emm fi...
che slusciat! Son mazzaraa...
de che part gh'oo de pass?

 

Ch gh' on car...l gh' on tramvaj
che me ven sui crni...sna!
sfghet pur!...voo sui rotaj
per fatt cicca...varda! sna,

 

sna pur che no me moeuvi!...
anzi...t, me fermi; ciappa!
l' gi on poo che la me scappa...
vuj piss, segura, proeuvi!

 

E l, saldo! el s' inciodaa,
e in del mezz l della strada,
slarga i gamb! el gh'ha mollaa
on slavesg d'ona pissada!

 

V t'impicca! vedet n
che gh' el tramm denanz?

...v l! uuuh...v l!...no 'lp specci
on moment? che pressa! e gi

 

btt! gi Maledetta cilla!
gi col manech della frusta!
T'ee finii de svoj l'olla?
porscell vacca...uuh...m giusta

 

ch fermass! prpi chinsc,
malarbetto, sui rotaj!...
oeuh che furia! frza, daj,
pggia...tira...frza...oh s!

 

oh dess! nanca pinco! l'eva
saldo l, e nanca on sgris
l' poduu fall moeuv; pareva
che l'avess miss gi i radis!

 

Finalment, dpo on bell poo...
quand l' avuu finii i s css,
quell beato requia-pss
l' andaa l scorlend el coo

 

l e la bara: cicch e ciacch...
gh'avii furia? tanto mej!
no me casci: m son stracch
e voo pian che s sti prej

 

se fa prest, adess ch'el pioeuv,
a ciapp ona scarlighetta!
...L' andaa gi de via Lupetta
l e i cann per l'rghen noeuv!

 

Il cavallo da tiro (Trad. di Dante Isella)

 

A girare per Milano

in certe ore, un affar serio!

carri, vetture,una confusione

di tram, gente su gente,

 

urtano, pestano calli,

ahi! ma guardi dove v!

se poi devi attraversare,

non ti dico... sono guai!

 

Io che sono gi per natura

pauroso e, non bastasse,

sono anche debole di vista, sicuro!

guardo innanzi, ai lati, dietro,

 

allungo il collo di qua e di l

come gli orsi nelle gabbie,

dico un pater e poi sotto!

prendo lo slancio e mi butto a capofitto

 

proprio quando, se capita,

mi viene contro un camion

a tutta velocit

- ahi, ahi ,ahi Ges che spavento!

 

salta indietro!... ci scommetto la testa

che faccio ridere i Vigili!

Benedetti quei paciocconi

che se la prendono comoda

 

e se ne vanno via tranquilli

mentre viceversa, io, ragazzi miei! di tanto

in tanto, mi prendo uno spavento

che mi fa rientrare il latte!

 

e ce ne sono di questi posapiano

che non si scansano mai

e se ne impippano dellOlanda,

che possono cascare loro addosso

 

le colonne di San Lorenzo

e non fanno un passo in l:

per esempio, quel melenso

di un mio amico, quel mustaf

 

in poltrona di un Antonio

Galbarini uno di questi,

sissignore! e ieri ne ho veduto

proprio un altro; un tremendo

 

cavallo da bara! non c

da ridere, perch anche le bestie

hanno il loro carattere ci sono

le cattive: guai se mi  intesto,

 

lasciatemi stare, tiro calci!;

ci sono quei poveri turlur

che si lascian pestare,

bonaccioni indifferenti,

 

ma cocciuti, vivaddio!!

come quel cavallo da bara

che passava in via Torino.

Tutta questa gente magari ha

 

fretta, ma che ci posso fare io?

- mi pareva che dicesse -

Anche a correre per me lo stesso

poi sono stanco, non ne posso pi!

 

cicch e ciacch e tira e tira,

io vado piano: pesta pure!

tanto, quando cala il sole sera!

io vado piano: tu pesta pure!

 

cicch e ciacch e piove e piove

su queste pietre quando bagnato

si fa presto a cadere...

porto le canne per lorgano nuovo

 

a una chiesa di Milano

sono sfinito non ho neppure fame

picchia pure che tanto io vado adagio!...

non vedo lora di buttarmi

 

gi!  son morto! sono trenta miglia,

con questo carico di canne

sul groppone e avanti tutto lanno

con questa vita: trenta miglia

 

oggi domani dieci miglia,

posdomani, magari niente,

poi ancora dieci quindici e via!

ma dov questo sacramento

 

duna chiesa? tiriamo avanti,

cicch e ciacch finch c' fiato

che rovesci! Sono tutto fradicio

da che parte ha da passare?

 

Qui c un carro l c un tram

che mi viene sulle corna suona!

sfogati pure!... vado sulle rotaie

per farti dispetto guarda! suona,

 

suona pure che tanto non mi muovo!...

anzi toh|  mi fermo; prendi su!

gi un po che mi scappa

voglio pisciare, proprio, provo!

 

E l, fermo! si piantato,

e in mezzo alla strada,

ecco allarga le gambe!, ha lasciato andare

un diluvio d'una pisciata!

 

Va ad impiccarti! non vedi

che c il tram davanti?...va l!

uuh va l! non pu aspettare

un momento? che fretta! e gi

  

botte! gi maledetto bischero!

gi con il manico della frusta!

Hai finito di svuotare l'olla?

porco vacca! uuh! proprio

 

qui fermarsi! proprio qui,

maledetto, sulle rotaie!...

oh! che furia! forza, dai,

poggia tira forza oh s!

 

macch! manco il diavolo! era

fermo l, e neppure di un pelo

ha potuto smuoverlo; pareva

che avesse messo le radici!

 

Finalmente, dopo un bel po,

quando ebbe terminato le proprie faccende,

quel beato pantalone

si avviato crollando la testa

 

lui e la bara: cicch e ciacch

avete fretta? tanto meglio!

non mi scaldo: io sono stanco

e vado piano che su queste pietre

 

si f presto, ora che piove,

a fare uno sdrucciolone!

Ha svoltato in via Lupetta

lui e le canne per lorgano nuovo!

bra    carro a due o quattro ruote per trasporto foraggi o merci pesanti
capellon vigile urbano, dal grande cappello, una volta cilindrico come una stufa da cui: ghisa
cavll de bra (o cavalln) cavallo molto robusto da tiro
cilla sprovveduto; ha perduto nel tempo l'origine oscena
el mostaf dovrebbe essere A: Galbarini, compagno di Tessa al liceo e all'universit.
Olanda forse antica reminiscenza delle guerre per le Fiandre a fine '600
pn pss pane posato, raffermo
rabadn forse da ramadam, festa araba che seguiva il mese d'astinenza
slavsg da slavasgi (oggi slavagi) - lavare di grosso
tobs   miope

Commento

Lirica del 1912 (doppie quartine di ottonari).

"La poesia doveva far parte di una collana non realizzata "I me besti".
Idillio estremamente vigoroso, truculento, ma sempre in chiave umoristica, un vero divertissement...La composizione ha un forte ritmo dialogico. Per goderla appieno occorre leggerla e rileggerla per entrare non solo nel linguaggio, ma anche nel vernacolo dei carrettieri. Nel contrasto sembra pi umano il linguaggio del cavallo che quello del suo conduttore. Il tema degli animali parlanti e pensanti molto antico. In questo alveo si ritrova anche Tessa ma senza, a quanto pare, un riferimento preciso salvo al verso 55 "Anca a cor per m l' istess..."motivo classico da Fedro (L'asino e il padrone).
In quale misura il cavallone controfigura di Tessa che sentiva il proprio impiego come fardello?" (Claudio Beretta)

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)