El borotalco (Pina De Marchi Dell'Acqua)                    

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

El borotalco

 

In del seggion de legn

arent el tavol,

la lus quattada, per l' oscurament,

freggia la c,

l'acqua d'on bel buient,

te ne fasevet el bagn

o mader, el sabet sera.

E numm serom content

al boff del borotalco

(l'era un lusso!).

TI a nun e nun a t

bella e slanzada.

 

Anca incoeu,

te passi borotalco.

La c l' calda

el bagn l' ben rangiaa

ma i t oss stortignent

doeuren, oh! come doeuren!

e doeur anca el m coeur.

 

Duu sabet... ier... incoeu...

In mezz, tutta 'na vita!

 

Targa "Provincia di Milano" al concorso "Scarioni 1997 - Abbiategrasso"

2 classificata al premio M.P.Arcangeli 1999

 

Il borotalco

 

Nel mastello di legno

accanto al tavolo,

il lume coperto, per l'oscuramento,

fredda la casa,

l'acqua ben calda,

ci facevi il bagno

o madre, il sabato sera.

E noi eravamo contenti

al soffio del borotalco

(era un lusso!).

Tu a noi e noi a te

bella e slanciata.

 

Anche oggi,

ti passo borotalco.

La casa calda

il bagno ben ordinato

ma le tue ossa malridotte

dolgono, oh! come dolgono!

e duole anche il mio cuore.

 

Due sabati... ieri... oggi...

in mezzo, tutta una vita!

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)