El Cervin (Ella Torretta) 

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

El Cervin

 

Solitari, imponent, generos,
imbibii di color de l'estaa,
fassaa dent a on vestii faa de s
'me ona tosa per fass rimir,
el Cervin, soa Altezza Real,
el se speggia in la conca d'on lagh.

 

Incoeu el par bonvivan, fin gioios,
n invers, malmostos o furios
come quand per ferm i alpinista
el se quatta de nivol e el vent
el scadena di turbin de nev
tra valangh, tron e fulmin in ciel.

 

L' el moment che la "Sciora" la va
s pei bricch a cerc chi de lor
de fadiga, de frecc o ferii
sgnen praa, veden facc vecc de amis,
senten vos e canzon mai cantaa,
pcch a pcch, lor se lassen and...

 

e ie troeuva scrusciaa gi, imbastii,
'me di sass involtiaa in la nev,
gh'hann p voeuja de viv, mej mor.
El Cervin, Re col coeur faa de sass,
quand ie ved indifes, sofferent,
el scarega gi gera e poeu giazz.

 

I ciaritt tremorent del "Soccors"
hinn di men che ris'cia la pell.
Par che sbusen coi lus la tormenta
per aiut, d confrt, port indre
chi ingattiaa dal silenzi d'on sgn,
el p p, de per l, torn a c.

 

Al caldusc, in la branda al "Rifugio"
hinn trpp stracch e strem per dorm.
On'oggiada, ona man che se streng
l' asse per d "Grazie"a on amis.
La tormenta la picca anm l'uss,
ma la fa p paura a nissun!

 

Il Cervino

 

Solitario, imponente, generoso,

imbevuto dei colori dell'estate,

fasciato in un vestito fatto di sole

come una ragazza per farsi ammirare,

il Cervino, sua Altezza Reale,

si specchia nella conca di un lago.

 

Oggi sembra ben disposto, persino gioioso,

non adirato, malmostoso o furioso

come quando per fermare gli alpinisti

si copre di nuvole e il vento

scatena turbinii di neve

tra valanghe, tuoni e fulmini in cielo.

 

il momento in cui la "Signora" v

su per i dirupi a cercar chi di loro

di fatica, di freddo o feriti

sognino prati, vedono facce vecchie di amici,

sentano voci e canzoni mai cantate,

poco a poco, loro si lasciano andare...

 

E li trova accovacciati, immobili,

come sassi avviluppati nella neve,

non hanno pi voglia di vivere, meglio morire.

Il Cervino, Re con il cuore fatto di pietra,

quando li vede indifesi, sofferenti,

scarica a valle ghiaia e poi ghiaccio.

 

I lumini tremolanti del "Soccorso"

sono uomini che rischiano la pelle.

Pare che perforino con le luci la tormenta

per aiutare, dar conforto, recuperare

chi preso dal silenzio di un sogno,

non pu pi, da solo, tornare a casa.

 

Al calduccio, nella branda al "Rifugio"

sono troppo stanchi e impauriti per dormire.

Un'occhiata, una mano che si stringe

sufficiente per dire "Grazie" ad un amico.

La tormenta batte ancora all'uscio,

ma non fa pi paura a nessuno!

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)