da "Milanin Milanon" (Emilio De Marchi)     

 

Testo originale Traduzione

(Si tratta di unepistola immaginaria di Emilio De Marchi a Carlo Porta)

 Te scrivi rabbios, Carlin, dal m stanzin deps al campanin de San Vittor di legnamee. Ch dedree l' trii mes che fann tonina di c de Milan vcc: e picchen, sbatten gi camin, soree, finester, torr e tcc, grondaj, fasend on catanaj in mezz a on polvereri ch'el par prppi sul seri la fin del mond.

 

 Dov'el va, el m Carlin, quell nster Milanin di nster temp, insc bell e quitt, coi contrad strett in bissoeura, dent e foeura, sul gust d'ona ragnera? Ma sta ragnera la ciappava denter el coeur, te le tegneva l che pareva squas de mor, se, dininguarda, el destin el te ciamava foeura, on poo lontan, a Lesmo, a Peregall, o magari fina fina... a Barlassina o a Bagg.

 

 Dov'el va sto car Milan di Milanes, minga quell di Viscont, disi el nster, Carlin, che dai Figin girand adree al Cappell el tornava bell bell dal Rebecchin, da Pescheria s in di Mercant d'r, e poeu gi per i Oreves in Cords, de l per el Brovett, San Prsper, San Tomas, i duu Mur, el Niron e fina al Malcanton, con tanti bei stazion d'osteria de vin bon e bna compagnia che faseva legra el penser de la brasera?

 

  E on poo foeura de man, duu pass a bass di pont, pareva subet on alter paes, con qu sces tiraa tra i mur, con denter qu campagn de ortaj con qu giarditt insc frsch, ombros, vestii de fior, de foeuj de maggiorana, con qui sces de fmbros e qu toppiett de ribes e d'uga moscadlla. Se trovava la bella compagnia coi tosann, con la frtta di parent e se giugava ai bcc stt a la tppia - el pestonin a moeuj - infin che in mzz ai bcc se vedeva ballin.

 

 L gi in Quadrnn - te se regrdet ? - stt on porteghett se faseva el teater. Mi seri Aristodmm e ti ‑ Gonipp; e se la stava ben la Carolina! in qulla soa vestna tajada gi a la grcca e a la romana che lassava ved qui s brascitt, pien de boeucc e boggitt. Ah, car Carlin, che temp!

 

 E qu giornad del tredesin de Marz? Gh'era la fera, longa longhera, gi fina al dazi, coi banchitt de vioeur, de girani, coi primm roeus, e tra el guard, l'usm, el tocc, se vegneva via col coeur come on giardin, pensand al bell faccin de Carolina che stt al cappellin a la Pamela e col rosin sul sen la pareva anca lee la primavera.

 

 Adss, longa longhera, el m Carlin! El temp el ne tr a tcch qu quatter dent, el ne rovina el tcc e la cantina, el prta via i ams, el dsfa el nst Milan, che meneman se troeuva p la strada de and a c; el cambia el nmm di strad e, qull ch' brutt, el cambia el visual de sti tosann che a desdtt ann ghe veden p per t.

 

 Sto Milan Milanon el sar bell, no disi. Gh' di piazz, di teater, di c, di contrad, di palazz, di bottegh, di istituzion che ai nster temp no gh'eren che a Paris; gh' gent che va, che corr, che tas, che boffa, s e gi per i tranvaj, s e gi per i vapor, de d, de ntt, che no se troeuva on can che faga el quart. Tutt se ds, tutt se stampa, tutt se cred e se bev a l'ingrss, ma quell vintt salaa, nostran, che se beveva a la Nos, a la Pattna, in del tazzin, con qu duu amarett, tra ona carzza al can e un'oggiada a la padrna, Carlin, el gh' p, Carlin.

 

 Sto Milan Milanon l' on cittadon, no disi. De ntt ghe se ved come del d (te pas a t ? ), se va in carrzza con duu sld, e fina mrt te prten in carrzza; ma qu bei contradi in drizz, in sbiss, cald d'inverno e frcc el mes d'Agost, qu streccioeur cont in aria el lampdin che fava ombria, qu prespi de c, de spazzac, coi ringheritt tutt a fior, qu scalett, qu cortitt, qu loggett, miss s come i nid fina al terz pian, qu tcc vcc vcc che sponta erbos coi grond pensos, veduu sul scur, col ciar de luna che giuga in mzz ai mur, gh'aveven el s bell, vera Carlin ?

 

 Per m son vcc e moriroo in del m strecciooeu. Ma d, Carlin, qu casonn nsc bianch, tutt drizz, tutt mur, che paren caponer coi beviroeu, qui strad tutt polver e s, con quell s e gi de brmm, de tramm, de cr, de gent, de sabet grass, hinn nanca bi de ved e de and a spass.

 

 E poeu, te par, Carlin ‑ sia ditt stt vs ‑ che sto nster Milan el sia tutt nster ?  Smm italian, l' vera; el m l' t, el t l' minga m; ma s'ciao, quell Milanin de Carlambroeus, grand o piscinin, el stava intorna al Dmm come ona famiglia che se scalda al camin... E se parlava milanes, quell car linguagg sincer e de bon pes, che adess el se verggna de parl, el tas, el se scruscia in d'on canton come se Milan el fuss Turchia. El Prta, pver mm, l' l l , su la sciattra, e sul cors no sent che gniff e gnaff... che nol par vera nanca el quarantott.

 

 S'ciao destin!  Ma a nun del taccoin vcc, che gh'mm i nster vcc a Sant Gregri, sto progress che boffa e sgonfia che sconquassa i nster c, e che no lassa requij, a nun mtt el magon. E se torna volentera al Milanin faa sul gust d'ona ragnera, al Tredesin, longa longhera, ai ringher, a Carolina che la drma, poverina, al Gentilin  e qu ciaccer faa dintorna al fogoraa, col gottin in del tazzin, col coeur che sentiva on profumin squs de vioeur.

 

(trad. di Valentino De Carlo)

 

Ti scrivo con rabbia, Carlino, dalla stanzetta dietro al campanile di San Vittore dei falegnami. Qui dietro son tre mesi che fan scempio delle case del vecchio Milano: martellano, abbattono camini, solai, finestre, torrioni e tetti, grondaie, facendo uno sconquasso frammezzo a un polverone che sembra veramente la fin del mondo.

 

Dove va, Carlino, quel Milanino dei nostri tempi, cos bello e tranquillo, dalle strade strette e tortuose, dentro e fuori, come una ragnatela? Ma quella ragnatela ti prendeva il cuore, e lo teneva, che ti sembrava quasi di morire, se, Dio guardi, il destino ti chiamava fuori, un po' lontano, a Lesmo, a Peregallo, o magari perfino... a Barlassina o a Baggio.

 

 Dove va questo caro Milano dei Milanesi, non quello dei Visconti, il nostro, dico, Carlino, che dai Figini, gi per il Cappello ritornava bel bello dal Rebecchino, da Pescheria fino ai Mercanti d'oro, e poi gi per gli Orefici in Cordusio, da l per il Broletto, San Prospero, San Tommaso, i Due Muri, Nirone e fino al Malcantone, con tante belle botteghe d'osteria con vino buono e buona compagnia che metteva allegria solo pensare al fuoco?

 

 Un poco fuori mano, due passi fuor dai ponti, sembrava subito un altro paese, con quelle siepi alzate tra i muri, con dentro i campi di ortaglie, con quei giardini cos freschi e ombrati, vestiti di fiori, di foglie, e maggiorana, con le siepi di lamponi e i pergolati di ribes e d'uva moscatella. Si trovava la bella compagnia con le ragazze, la frotta dei parenti e si giocava a bocce sotto alla pergola, la fiaschetta a mollo, fin che in mezzo alle bocce si vedeva il pallino.

 

 Laggi in Quadronno, ti ricordi?, sotta un portichetto facevamo il teatro. Io ero Aristodemo e tu Gonippo; e come stava bene Carolina! Con quella sua vestina tagliata alla greca e alla romana che lasciava veder quelle braccine,tutte a fossette. Ah, Carlino, che tempi!

 

 E le giornate del Tredicin di marzo? C'era la fiera, tutta in lunga fila, gi fino al dazio, coi banchetti di viole, e di gerani, le prime rose, e tra guardare, odorare e toccare si andava via col cuor come un giardino, pensando al bel faccino di Carolina che sottal cappellino alla Pamela e con la rosellina sopra il seno ti sembrava anche lei la primavera.

 

Adesso s che lunga, il mio Carlino! Il tempo ci fa a pezzi quei quattro denti, il tetto ci rovina e la cantina, ci porta via gli amici, disfa il nostro Milano, e un po alla volta non trovi pi la strada per casa; cambia nome alle strade e, quel ch peggio, cambia anche i gusti di queste ragazze che a diciottanni non ti vedono pi..

 

  Questo Milano Milanone sar bello, non dico. Ci sono piazze, teatri, e case, strade, palaz-zi, botteghe, istituti che ai nostri tempi c'eran solo a Parigi; gente che va, che corre, tace, sbuffa, su e gi per i tramvai, su e gi dai treni, di giorno e di notte, che non si trova un cane per fare il quarto. Si dice tutto, tutto si stampa, tutto si crede e si beve di grosso, ma quel vinello aspro, nostrano, che si beveva alla Noce, alla Pattonna; nella tazzetta, con un paio di amaretti, tra una carezza al cane e un'occhio alla padrona, Carlino, non c' pi, Carlino mio.

 

Questo Milano Milanone un cittadone, non dico. Ci si vede di notte come a giorno (a te piace,?); si va in carrozza con due soldi,finanche morto ti portano in carrozza; ma quelle stradine belle, dritte,tortuose, calde d'inverno e fresche ai d d'agosto, quei vicoletti con il lampioncino che li ombreggiava, quei presepi di case, di soffitte, colle ringhiere a fiori, quelle scalette, quei cortiletti, quelle loggette messe come nidiate fin su al terzo piano, quei tetti cos vecchi  che sporgevano erbosi con le gronde pensose, visti allimbrunire, col chiar di luna che scherza tra i muri, eran pur belli,vero Carlino? 

 

Quanto a me sono vecchio e morir nel mio vicolo. Ma dimmi un po,Carlino, quelle casone tutte bianche, tutte diritte, tutte un muro, che sembran capponaie coi beverini, quelle strade tutte polvere e sole, con quel via vai di vetture, di tram, di carri e gente, come un sabato grasso, non sono proprio belle da vedere n da andarci a spasso. 

 

Ti sembra poi, Carlino, diciamolo tra noi, che questo nostro Milano sia poi nostro? Siamo italiani, vero, il mio tuo, il tuo non mio; per, pazienza, quel Milanino di Carlambrogio, grande o piccolo, stava intorno al Duomo come una famiglia che si scaldi al camino... E si parlava milanese, quella cara lingua sincera e cordiale, che adesso si vergogna di parlare, tace, si rintana in un angolo come se Milano fosse Turchia. Il Porta, pover'uomo, sta l da solo, sopra lo stagno, e sul corso altro non senti che gniff e gnaff... che non par vero nemmeno il quarantotto.

 

 Pazienza, destino! Ma a noi del vecchio lunario, che abbiamo i nostri vecchi a San Gregorio, questo progresso che soffia e gonfia, che ci sconquassa le case e non ci lascia requie, a noi d la tristezza. E si torna volentieri al Milanin fatt a ragnatela; al Tredcino, tutto in lunga fila, alle ringhiere, a Carolina che dorme, poverina, al Gentilino, a quelle quattro chiacchiere  intorno al focolare, con la tazza del vino, col cuore che sentiva un profumino come di viole.

 

Nota1: Milano nome femminile in italiano e maschile in dialetto milanese. De Marchi usa spesso il maschile.

Nota 2: il 13 marzo, la festa della primavera e dei fiori, giorno in cui San Barnaba, secondo la tradizione, inizi  Milano la predicazione cristiana nel  51 d,..C.

Nota3: Carlambrogio da Montevecchia, macchietta che impersonava il buon senso lombardo

 

Commento

Emilio De Marchi, immaginando di scrivere a Carlo Porta. esprime nella sua prosa poetica di Milanin Milanon la malinconia per la Milano di un tempo che non c' pi e che, gi alla fine dell'Ottocento, si sta trasformando in metropoli.

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)