Ringraziament del pover spazzacamin pinin pinin  (Emilio De Marchi)
                                                                                                   

 

Testo originale Traduzione

 

Mi sont el spazzacamin pinin pinin...e innanz a lor insc bei, insc grand, insc scir, me batt ol coeur come on usellin che sent la s'cioppettada...

Ma pur sto coeur al batt, al dis: parla, piscinin, cunta su chi te set, dove te vet, dov te doeur-al dis ol coeur.

Mi son ol piscinin che va per stra a vos: spazzacamin. Gh'hoo i scarp rott, i gamb biott e adoss on strasc d'on gipponin che, Ges bambin! al manda foeu di boeucc ca paren oeucc.

Sont nassuu lontan lontan cent ma de Milan, e in sto d de Natal sont come on can, senza la mamma e senza ol p, sont ch sol a guard i olter che gh'hann la mamma, ol p, la c; e pensi al m campanin, mi poer spazzacamin, pinin pinin.

Lor sciori hinn staa tant bon de dimm: - Ven ch, scoldet, piscinin; mangia on tondin de risott; toeu on tocch de manz, de pan, de panaton. Scoldet, quttet, bev on gottin de vin a cunt de quell Bambin, che l' nassuu anca l pinin pinin.

Grazia a lor sciori, grazia - Gh'al disi col magon che sa de panaton.

Grazia a sti bei sciorinn, che me paren angioritt, che gh'han portaa regaj e regalitt.

Grazia a sti car bagaj, che gh'han portaa danee, palpee, regaj.

Grazia a sti benefattor e grazia anca al Signor, che gh'ha miss in dol coeur on pensierin pel poer spazzacamin, pinin, pinin.

boeucc        buchi
tondin         piattino

 

Commento

Fa parte delle "prose cadenzate" contenute nel Milanin Milanon ed una delle due prose dedicate agli spazzacamini. De Marchi l'ha scritta in occasione del pranzo natalizio offerto dal Patronato (appunto degli spazzacamini) il Natale 1890.
Gli spazzacamini erano anche bambini strappati al paese d'origine, a causa della miseria delle loro famiglie, provenienti dalle vallate alpine, lontane veramente "cento miglia" dalla grande citt.Il loro impiego era un vero sfruttamento minorile.

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)