San Rocch in del bosch (Emilio Guicciardi) 
       Opera di Leonardo Martignano

 

Testo originale Traduzione

San Rocch in del bosch (1962)

DIMAN ghe sar i foeugh
in di tabiaa
sui mont
su l'era di cassinn
su la porta di crott
in del coeur di moros
in di gamb di tosann...
DIMAN.

Diman feniss l'estaa
e passa l'acqua ciara
quell'acqua de giazzee.

L'Oratori di Mort
el cicciara
in la Vall.
Coi s quatter campann
ghe respond su la Costa
Saan... Gioaann...
e pussee de vesin
Saan...Martiin...
Saan...Martiin...

Che vita longa eterna
st l a specci l'invrna
settaa gi in sul banchtt
foeu de l'uss
e vard
gi la...

tutt quij crs
quij ciarin...

Saan...Martiin...
Saan...Martiin...

Se desseda in l'ombria
sognorent
de lontan
Saan...Caassiaan...

Secchee no la zuccria
tant San Rocch l' diman!

L' diman la giornada
la nott de la caldura...
Anca nun vcc strupiaa
soffgom, saltamento!
La scrissa in d'el scartoss
la loeuva del carlon...

In di ronch in sui praa
se canta a scarpagoss.
E dbbien el firn
e rampghen i donn
per impien la gerla...
E vlen i folcion
fin sora L'Alp di Merla.
Ma nanca on poo de fiaa
d'aria soliva al Pass.
La giavra del Sass
la fuma de rabbiada
bianca e lusenta.

E s Te vdet? Sora...
(ghe vedi propi p...)
Sora la cresta, inscima...
come in di temp indree...
in c del Pass. In Sguzzera
i men ch'hin foeuravia
per tutta ona stagion...

in capp al mond...
Trnen
sgagnand pamposs
de sotta al Sol Len
incontra ai donn, ai fioeu
ai vcc coi gatt in scoss,
insomenii.

San Rocch...
San Rocch dentr in del Bosch
San Rocch de la Montagna
San Rocch cont el s can
San Rocch con la cavagna
che porta la rosada
San Rocch, poeu la dacquada!
(Gi acqua a scc!)

ORA PRO NOBIS
Gh' la Messa, diman!

La Violanta e l'Orsina
se sgnen, e sgavsgen...
Stanott
soffghen ancam...

MEA CULPA MEA CULPA
MEA MAXIMA CULPA
IDEO PRECOR

E dbbien el firn
per impien la gerla.
Canten a scarpagoss
Ohe Vioolantinaa...
la sgala l' bionda
rossa e finaa...

Gi de bass ven la nocc
pian pianin.
Saan...Gioooann...
Saan...Martiin...

Ma l su
quella smaggia
in sul praa...
L gh' el Bosch indoraa
doe se scolda San Rocch
ch'el va a spass col s can
(e sott-brazza el tarll).
Cossa el cerca? s'el voeur?
El ghe parla a on usll
su la brocca
ch'el ghe cippa de stracch...
El fa sgn a on scorbatt,
a on lres, a on scrr...
Poeu el se sara de dent
in la Gesa.

E chi sa s'el far?
Forsi nient.
O el scombatt con la Stria
come al Temp di Lutr

(ai barlott de la luna
sott'ai piant de castn
sott'ai rogor, ai f?)

Cossa el fa, s'el fa nient?
Se la stria la comanda
se la brusa sto Bosch
se la pizza sti foeugh
in del coeur di moros
in di gamb di tosann?

E t, donca?
Te vrdet
settaa gi in sul banchtt.
Te se insognet
magara...
quell'odor de quel brugh
quella tppa in ombria
che cossin...che lenzoeu...
el scriss de quij foeuj...

(Ma l' nient, ma l' nient!)
E l'Orsina in di brasc
coi cavi sperlusciaa
cont i risc de castgna
che ghe spngen el cuu.

O San Rocch, te scongiuri
famm on sgn con la man.
Volta via col t can.

Diman farann i foeugh.
DIMAN.
Diman feniss l'estaa
e passa l'acqua ciara
quell'acqua de giazzee.

Gi in la Vall
el cicciara
l'Oratori di Mort.

 

San Rocco nel bosco

Domani ci saranno i fuochi
nelle capanne
sui monti,
sull'aia delle cascine,
sulla porta delle grotte,
nel cuore degli amanti,
nelle gambe delle ragazze.
Domani.

Domani finisce l'estate
e passa l'acqua chiara,
quell'acqua di ghiacciaio.

L'Oratorio dei Moreti
chiacchiera
nella Valle.
Con le sue quattro campane
gli risponde dalla Costa
San Giovanni
e pi da vicino
San Martino...
San Martino...

Che vita lunga eterna
star l ad aspettare l'inverno
seduto sulla panca
fuori dall'uscio
e guardare
laggi....

tutte quelle croci
quei lumini...

San Martino
San Martino...

Si sveglia nell'ombra
sonnolento
lontano
San Cassiano...

Non mi seccate
tanto, San Rocco domani!

Domani la gran giornata
la notte del gran caldo...
Anche noi vecchi storpi
soffochiamo, sacramento!
Scricchiola nel cartoccio
la pannocchia del granoturco.

Sui poggi, nei prati,
si canta a squarciagola.
E curvano la schiena
e s'arrampicano le donne
per riempire il gerlo...
E volano le falci fienaie
fin sopra l'Alpe del Merlo.
Ma neppure un alito
d'aria solata al Passo.
La pietraia del Sasso
fuma rabbiosa
bianca e lucente.

E su...Li vedi? Sopra...
(non ci vedo proprio pi)
Sopra la cresta, in cima...
come nei tempi andati...
al sommo del Passo. In Svizzera
gli uomini che emigrano
per tutta una stagione...

in capo al mondo...
Tornano
 mordendo pane raffermo
sotto il Solleone
incontro alle donne, ai figli,
ai vecchi coi gatti in grembo,
instupiditi.

San Rocco...
San Rocco nel Bosco
San Rocco della Montagna
San Rocco col suo cane
San Rocco con la canestra
che porta la rugiada
San Rocco, poi l'acquazzone!
(Gi acqua a secchi!)

Ora pro nobis
C' la Messa, domani!

La Violante e l'Orsina
si fanno il segno di croce, e ridono a crepapelle...
Stanotte
soffocheranno ancora...

MEA CULPA MEA CULPA
MEA MAXIMA CULPA
IDEO PRECOR

E curvano la schiena
per riempire la gerla.
Cantano a squarciagola:
Oh Violantina...
la sgala bionda
rossa e fina...

Gi in basso vien la notte
pian pianino.
San Giovanni...
Sa Martino....

Ma lass
quella macchia
sul prato...
L il Bosco dorato dal sole
dove si scalda San Rocco
che va a spasso col suo cane
(e sotto braccio il bordone).
Cosa cerca? cosa vuole?
Parla a un uccello
sul ramo
che gli cinguetta svogliato...
Fa un segno a un corvo,
a un larice, a un cerro..
Poi si chiude dentro
la Chiesa.

E chiss che far?
Forse nulla.
O combatte con la Strega
come al tempo dei Luterani

(alle tregende del plenilunio
sotto agli alberi di castagno
sotto i roveri, sotto i faggi?)

Cosa fa, se non fa niente?
Se la strega che comanda
se lei incendia questo Bosco,
se accende questi fuochi
nel cuore degli amanti,
nelle gambe delle ragazze?

E tu, dunque?
Guardi
seduto sulla panca.
Sogni
magari...
quell'odore di erica
quel muschio nell' ombra
che cuscin...che lenzuola...
il crepitio di quelle foglie...

(Ma non nulla, non nulla!)
E l'Orsina fra le braccia
coi capelli scomposti,
coi ricci di castagna
che le pungono il sedere.

O San Rocco, ti scongiuro
fammi un segno con la mano.
Gira al largo col tuo cane.

Domani faranno i fuochi.
DOMANI.
Domani finisce l'estate
e passa l'acqua chiara
quell'acqua di ghiacciaio.

Gi nella Valle
chiacchera
l'Oratorio dei Morti.

Commento

A Monte di Gravedona (Lago di Como) c' un tempietto dedicato a San Rocco (solitamente questi tempietti si trovano sugli speroni o le spalle delle montagne). Il poeta lo visita e immagina come si animer il posto l'indomani - che appunto San Rocco - a ricordo delle donne della valle che un tempo attendevano l il ritorno dei mariti, che andavano a lavorare in Svizzera, dei bambini e dei giovani con le loro speranze, dei vecchi seduti a guardare lontano e che di speranze non ne hanno pi e le campane che scandiscono coi loro rintocchi la vita di ogni giorno, triste e lieta e il giro delle stagioni.

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)