Ciaravall (Ferdinando Cesare Farra) 

         

 

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

Ciaravall

 

Milan l' ai spall ormai... Dov'hinn i cruzzi
e i fastidi del mond e el bordeleri?
Tutt intorna el tripudi d'on bel d
de primavera! E voo da Vajan Vall
in tra 'l smerald di praa, tra ronsg d'argent
con sora el coo on ciel tutt pien de lus...
Ecco... davanti a m, compar tra i piant
el miracol grandios de Ciaravall.
Tutta rossa de cott, ecco la gesa!
La ven s drizza sora el verd di praa;
El campanin, coi colonnett tutt bianch,
el gh'ha per sfond on ciel luster, lusent...
Quanto silenzi e quanta vera pas!
Podi sogn...! Bernard cont i s fraa
in di campagn desert de Rovegnan...
La gesa tutta noeuva, i s cellett,
El salmodi ch'el va s fina in ciel...
E poeu i Torrian che cerchen ch la pas
dopo l'orror di guerr; e poeu i pittor
che t'hann faa sui navad, sul presbiteri
on rabesch de color maraviglios...!
Passen, o gesa, anm i t gran mort
Sotta i t volt e sotta i volt del ciel...!
Poda anca m, al fin de la mia vitta,
ch, fra i t mur, vegn per smorz el lumm,
arent al t Pagan e a Guglielmina!
E, prima del tramont, poda pens
per on attim anm a sto sorris,
a tutti i t color che te fann bella
o gesa di m vecc, o Ciaravall!
Poda famm l'illusion che la toa pas
la sia el rifless de quella che el Signor
on d el me dar, dopo sto viagg...
Poda l'anima mia, beatament
tra el cant di t fraa e i fiocch d'incens
riv da la toa pas al Paradis!

 

Chiaravalle (Celebre Abbazia cistercense fondata nel secolo XII)

 

 Milano ormai alle spalle... dove sono i crucci

e i fastidi del mondo e il frastuono?

Tutto attorno il tripudio di un bel giorno

di primavera! E vado da Vaiano Valle

tra lo smeraldo dei prati, tra fossati d'argento

con sopra il capo un cielo tutto pieno di luce...

Ecco... davanti a me, compare tra le piante

il miracolo grandioso di Chiaravalle.

Tutta rossa di cotto, ecco la chiesa!

Si innalza diritta sopra il verde dei prati;

il campanile, con le colonnette tutte bianche,

ha per sfondo un cielo lustro, lucente...

Quanto silenzio e quanta vera pace!

Posso sognare...! Bernardo con i suoi frati

nelle campagne deserte di Rovegnano...

La chiesa tutta nuova, le sue cellette,

il salmodiare che sale sino al cielo...

E poi i Torriani che cercano qui la pace

dopo l'orrore delle guerre; e poi i pittori

che ti hanno dipinto sulle navate, sul presbiterio

un arabesco di colori meravigliosi...!

Passano, o chiesa, ancora i tuoi grandi morti

sotto le tue volte e sotto le volte del cielo...!

Possa anch'io, al fine della mia vita,

qui, fra le tue mura, venire per spegnere il lume,

accanto al tuo Pagano e a Guglielmina!

E, prima del tramonto, possa pensare

per un attimo ancora a questo sorriso,

a tutti i colori che ti fanno bella

o chiesa dei miei vecchi, o Chiaravalle!

Possa illudermi che la tua pace

sia il riflesso di quella che il Signore

un giorno mi dar, dopo questo viaggio...

Possa l'anima mia, beatamente

tra il canto dei tuoi frati e fumi d'incenso

arrivare dalla tua pace al Paradiso!

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)