Domenica de genar (Francesca Giussani Ornago)     

 

Testo originale Traduzione letterale 
 
Domenica de genar 
 
Genar,
guggitt de giazz che spong,
parpaj de nev che vola,
scighera masarenta.
Gent fada su in di pagn
come in d'ona galetta,
i did smangiaa del frecc.
Gottoni sora i veder,
brocch gelaa, firifiss;
pedann arent ai mur 
grand, piscininn... nissun.
 
Pivion sgonfi del gel, 
la cresta sperlusciada. 
Piccitt sora i poggioeu 
fermi, come ingermaa, 
spetten on quaj freguj
gi del tavol indove
tutti i d l' Natal,
ona scheja de vita 
per pod derv i l.
 
Genar, 
in la piazza sbiavida
statov in ermellin, 
can che ravana. 
Del porton d'ona gesa 
boff d'on orghen che sna... 
citto... ona sirna... 
in pressa all'Ospedal... 
on omm che moeur ... Signor! 
o on fioeu che nass ...
 
Fiocca senza frecass.
 
Domenica di gennaio
 
Gennaio,
spilli di ghiaccio che pungono,
farfalle di neve che volano,
nebbia che infradicia.
Persone riavvolte negli abiti
come fossero in un bozzolo,
le dita rose dal freddo.
Goccioloni sopra ai vetri,
ramoscelli ghiacciati, ghirigori;
orme rasenti ai muri
grande, piccole... nessuno.
 
Piccioni rigonfi per il gelo,
la cresta spettinata.
Pettirossi sopra ai davanzali
fermi, come imbalsamati,
attendono qualche briciola
che cada dal tavolo dove
ogni giorno  Natale,
una scheggia di vita
per poter aprire le ali.
 
Gennaio,
nella piazza sbiadita
statue in ermellino,
cani che frugano.
Dal portone di una chiesa
sospiro di un organo che suona...
Zitti... una sirena...
Veloce all'Ospedale...
Un uomo che muore ... Signore!
O un figlio che nasce ...
 
Nevica senza far chiasso.

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)