Ona vita (Francesca Giussani Ornago)             

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

Ona vita

 

Mi te spettavi dedree ai gelosij,
cont i m desdott ann cbe tripilava,
lugher de desideri cbe brusava
e smania de sent an'm i t bosij.

 

M te spettavi, fior bianch in di m man,
la trezza in d'ona nivola de vel,
promess solenn giuraa denanz al ciel,
campann e s e voeuja del doman...

 

 Mi te spettavi, te davi el m respir
tener sciroeu guarnaa in d'on fagottell
che m portava sott a la mia pell,
con la mia tenerezza e i m sospir...

 

M te spettavi, in mezz a sto torment
e te seret lontan a f la guerra...
te dormet, forsi, in d'ona sferla in terra
come on strigozz desmentegaa del vent.

 

M te spetti, bell Angiol del Signor
cbe te me portet in d'on Paradis
foeura de sta carisna, de sto gris,
per pond la cavagna di dolor.

 

Una vita

 

 Ti aspettavo dietro le imposte,

con i miei diciotto anni che trepidavano,

faville di desideri che bruciavano

e ansia di sentire ancora le tue bugie.

 

Ti aspettavo, fiori bianchi nelle mie mani,

la treccia in una nuvola di velo,

promesse solenni giurate davanti al cielo,

campane e sole e voglia del domani

 

Ti aspettavo, ti donavo il mio respiro

tenero cuore custodito in un fagottino

che portavo sotto la mia pelle,

con la mia tenerezza e i miei sospiri

 

Ti aspettavo, in mezzo a questo tormento

ed eri lontano a combattere

dormi, forse, in una trincea

come un cencio dimenticato dal vento.

 

Aspetto, bellAngelo del Signore

che mi porti in un Paradiso

fuori da questa fuliggine, da questo grigiore,

per deporre il cesto del dolore.

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)