Pigotta de strasc (Francesca Giussani Ornago)               

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

Pigotta de strasc

Nassuda de sfros,
guardada de sbiess,
ciappin malizios
tutt pever e famm,
amisa dom
di gatt del cortil,
s e gi di rngher,
cercavi i carezz, quij pocch, faa de pressa...
Sottvos, m ninavi
'me 'l fuss on tesor,
con falsa legria
d'on pover pajasc,
quell unich belee:
'na pigotta
de strasc.

Cressuda anca m
'me i brocch de la sces,
sartina de fin
col coeur in germoeuj,
scondevi i speranz
tra seda e vel;
guardavi smaniosa
quell mond de lustrtt
dai port de servizi.
Speggiada in duu oeucc
sgalis e bosard
m seri regina
e lor pajasc
Allora hoo traa via
la pigotta
de strasc.
. . . . . . . . . . . . .

Bellett su la faccia
che'l quatta el magon
e cent sigarett
smorzaa in d'on biccer
apna svojaa...
Brancada de mocc,
de fior giam pass,
'na vita trasada...
La greva ragnera
di m delusion
la streng...la soffega...
Credevi in d'on omm,
ma l'era on pajasc.
E adess son dom
'na pigotta
de strasc...

 

Bambola di pezza

 

Nata alla chetichella,

guardata storta,

diavoletto malizioso

tutto pepe e fame,

amica solo

dei gatti del cortile,

su e gi dalle ringhiere,

cercavo le carezze, poche, fatte di corsa

Sottovoce, cullavo

come fosse un tesoro,

con la falsa allegria

dun povero pagliaccio,

quell unico giocattolo:

una bambola

 di pezza.

 

Cresciuta anchio

come i rami della siepe,

sartina di fino

col cuore in boccio,

nascondevo le speranze

tra seta e velluto;

guardavo con desiderio

quel mondo di lustrini

dalle porte di servizio.

Specchiata in due occhi

maliziosi e bugiardi

io ero la regina

e loro i pagliacci.

Allora ho gettato

la bambola

di pezza.

.

 

Trucco sul viso

che copre lo sconforto

e cento sigarette

spente in un bicchiere

appena svuotato

Manciata di mozziconi,

di fiori gi appassiti,

una vita sciupata

La pesante ragnatela

delle mie delusioni

stringe soffoca

credevo in un uomo,

ma era un pagliaccio.

E adesso sono solo

una bambola

di pezza

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)