El paradis (Dino Gabiazzi)         

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

El paradis

Signor, el soo che in Paradis, almen
per m, la porta la sar strettina;
ma, quand te guardaree la balanzina,
Signor, sara-s on oeucc. Per m va ben

on cantonscell qualunque, ona stellina,
dove se poda vess on poo seren.
El Paradis, per m, nepunemen
l' come ona domenica mattina,

quand cessa el fora-fora e 'l gasaghee:
la gent in strada la camina adasi,
la legg el s giornal e la va a Messa;

e m sont sollevaa, sont senza pressa:
scolti i campan, i usej, e me par quasi
de vess on poo content. Per m l' assee.

 

Il paradiso

Signore, so che in Paradiso, almeno
per me, la porta sar strettina;
ma, quando guarderai il bilancino,
Signore, chiudi un occhio. Per me va bene

un angolino qualunque, una stellina,
dove io possa essere un po' sereno.
Il Paradiso, per me, pi o meno
come una domenica mattina,

quando cessano la confusione e il frastuono:
la gente per strada cammina lentamente
legge il suo giornale e va a Messa;

e io sono sollevato, sono senza fretta:
ascolto le campane, gli uccelli, e quasi mi pare
di essere un po' contento. A me basta questo.

Commento

 Per questo sonetto l'autore ha ricevuto il premio S. Ambroeus nel 1974.

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)