El primm vol (Dino Gabiazzi)                           

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

 EI primm vol

 

 L' l'alba.

 

 On colp de s'cipp

 in del silenzi grev

 de la palud

 che fiada nebbia...

 

 Ona cros,

 a galla,

 in 'lacqua freggia, livida:

 e l'anedin l' l coi al avert.

 

 S'ciancaa...

 

 Intornavia

 sercett d'acqua che se slarghen,

 se slontanen, moeuren via...

 

 E l'avariss poduu

 cant a la soa manera,

 f' el nid e tontogn

 tra i cann de la palud...

 

 e bicocc sui spatol...

 

 guard i ciaritt di stell

 a galla in l'acqua scura...
 

 E l'avariss poduu...

 

 El can el torna a riva,

 i orecc a pendolon.

 In bocca - l inzancada -

 el gh 'ha la cros de penn...

 

 Adasi la mett gi

 arent a l 'omm coi pee

 impocciaccaa in la litta.

 

 L 'anedin

 'dess l' dom on strascett,

 ona vita robada...

on dolor piscinin.

 

 Sotta a on gran ciel...

 ch 'el se ne impippa.

 

Il primo volo

 

E' l'alba.

 

 Un colpo di fucile

 nel silenzio pesante

 della palude

 che respira nebbia...

 

 Una croce,

 a galla,

 nell'acqua fredda, livida:

 e l'anatroccolo l con le ali aperte.

 

 Schiantato...

 

 All'intorno

 cerchietti d'acqua che si allargano,

 si allontanano, svaniscono...

 

 E avrebbe potuto

 cantare alla sua maniera,

 fre il nido e borbottare

 tra le canne della palude...

 

 e barcollare sulle palme delle zampe...

 

 guardare le luci delle stelle

 a galla nell'acqua scura...
 

 E avrebbe potuto...

 

 Il cane tona a riva,

 le orecchie penzoloni. 

 In bocca - l ghermita -

 ha la croce di penne...

 

 Adagio la depone

 accanto all'uomo coi piedi

 intinti nella melma.

 

 L'anatroccolo

ora ' soltanto uno straccetto,

una vita rubata...

un dolore piccolino.

 

Sotto on gran cielo... 

che se ne disinteressa

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)