Ona ntt...(Dino Gabiazzi)                                                                  

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

Ona ntt ...

 

L' vegnuda a trovamm

l'altra ntt. La m'ha ditt:.

" Me ne manca an'm vun

poeu hoo finii, per incoeu.

Tocca a t. Fa 'l fagtt. "

 

M la guardi: " Gh'hoo nient

de toeu-s, son ch bitt."

 

La se vlta inlocchida

besiosa: " Te scamttet

o la vita o la mrt?"

 

" Gh'hoo nagtt, te l'hoo ditt! ,.

 

" Te gh'hee nanca on ricord

de salv, on'orazion...

'na carezza de dnna...?

On fior secch in d'on liber...? "

 

" Tutt l' mrt: gh'hoo p nient. ,.

 

"... 'na brancada de ciel

al tramont... 'na canzon

d'ona vlta... on dolor...?

 

... on ranzai de speranz...?"

 

 " Hoo smorbaa tutti i sgn,

sotterraa tutti i voeuj...

Te gh'hee nient de sciamp! "

 

Cont el schelter ch'el scrizza

la se invia a la prta

poeu de colp la se vlta:

 

" Te gh'hee minga magari

on delitt? Sii pur viv!"

 

Slarghi i brasc: " Parom viv

ma l' on pezz che semm mrt. "

 

La bestemma e la sgrigna: "

Maledett! Me fii sens

V'hann scisciaa la midolla

e sii bon per la ruera! "

 

E la sbatt l'antiprt

la va via.

 

Sul mur

de la scala, la raspa

inivida la ranza.

 

La sgariss. On lament.

 

Una notte

 

venuta a trovarmi

laltra notte. Mi ha detto:

Me ne manca ancora uno

poi ho finito, per oggi.

Tocca a te. Fai fagotto.

 

Io la guardo: Non ho niente

da prendere, sono qui nudo.

 

Si volta frastornata,

sarcastica: Baratti

o la vita o la morte?

 

Non ho niente, te lho detto!

 

Non hai nemmeno un ricordo

da salvare, una preghiera

una carezza di donna ?

Un fiore secco in un libro ?

 

Tutto morto: non ho pi niente

 

una manciata di cielo

al tramonto una canzone

duna volta un dolore ?

 

un ritaglio di speranza ?

 

Ho purgato tutti i miei sogni,

sotterrato tutte le voglie

Non hai niente darraffare!

 

Con lo scheletro che scricchiola

savvia verso la porta

poi di colpo si gira:

 

Non hai magari

un delitto? Siete pur vivo!

 

Allargo le braccia: Sembriamo vivi

ma da un po che siamo morti. 

 

Bestemmia e sghignazza:

Maledetto! Mi fate senso.

Vi hanno succhiato il midollo

e siete ormai oggetto da pattumiera!

 

E sbatte luscio,

se ne v.

 

Sul muro

della scala, graffia

malvolentieri la falce.

 

Urla. Un lamento.

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)