da "In memoria di M.G.Agnesi"
         (Giannino Sessa)                           

 

Testo originale

Traduzione letterale 

 

da "In memoria di M.G.Agnesi"

( Maria Gaetana Agnesi (1718-1799), grande figura di donna milanese)

 

T, la maggior d'on fulmen de bagaj,
te gh'ee insegnaa come se fa a sta al mond,
con la perseveranza in del travaj
e l'onestaa, che la gh'ha nient de scond.
I poveritt t'andavet t a cercaj,
minga dom per impienigh el tond,
scars de pitanza, ma per dagh quell pn,
che l' la vitta d'ogni bn cristian.

 

Poeu a qui strasc de donnett, gramm, malandaa
che hann perduu la speranza de guar,
t'ee procuraa 'l confort d'on fogoraa,
de pareggiass la ps per l'ultem d;
a lr l'anema intrega te gh'ee daa,
fasend de Marta e de Maria t
che t'ee lassaa el to lecc, per viv con lr
in povertaa, compagna de Nost Signr.

[...]

L' rivada la sera in del Loeugh Pij,
l, in quella toa stanzetta, confortada
di singhiozz rassegnaa de tutti quij
che te gh'avevet daa la toa giornada
con la speranza de pod guarij
per l'altra vitta... Insc te seet andada
a scoeud el premi de l'eternitaa,
cattand el frutt del fir de l'umiltaa.

 

da "In memoria di M.G.Agnesi"

( Maria Gaetana Agnesi (1718-1799), grande figura di donna milanese)

 

Tu, la maggiore di un fulmine di bambini,

hai insegnato loro come si fa a stare al mondo,

con la perseveranza nel lavoro

e lonest, che non ha niente da nascondere.

I poveretti andavi tu a cercarli,

non solo per riempire loro il piatto,

scarso di cibo, ma per dar loro quel pane,

che la vita di ogni buon cristiano.

 

Poi a quelle povere donnette, misere, malandate

che hanno perso la speranza di guarire,

hai procurato il conforto di un focolare,

che doni loro la pace per lultimo giorno;

a loro hai dato lanima integra,

facendo tu da Marta e da Maria

lasciando il tuo letto, per vivere con loro

in povert, simile a Nostro Signore.

[...]

arrivata la sera nel Luogo Pio,

l, in quella tua stanzetta, confortata

dai singhiozzi rassegnati di tutti quelli

cui avevi donato la tua giornata

con la speranza di poter guarire

per laltra vita Cos sei andata

a riscuotere il premio delleternit,

cogliendo il frutto del fiore dellumilt.

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)