La miee dell'Alighieri (Gino Toller Melzi) 

 

Testo originale Traduzione

La miee de lAlighieri

In del bar del Ricoeu se parlava della Divina Commedia e tutti voreven d la soa, quand el sur Brambilla l'ha ciappaa in man el ballin e gh' p staa vers de fermall.

 

De on poo de temp l'ha taccaa a d el Brambilla Ambrogio tutti i volt che ciappi in man la Divina Commedia m pensi alla miee del Dante. E me ven el magon. Povera donna, che vitascia de can la dev vess stada la soa! Perch? Ma per ona quantitaa de reson!

Viv con quell resiatt el doveva vess ben dificil: se on quaidun l'era minga de s gust l le pocciava in dell'inferno. Se propi l'era de bon umor, vun el podeva sper de fin in purgatori. El paradis l'era dom per i sant con tant de diplomma. Perfinna el papa Bonifacio l' staa mandaa all'indirizz "Cerchio ottavo, bolgia terza" a f la bicicletta cont el coo in gi in compagnia del s collega Nicol terz: figuremes cossa l'avaria faa el Dante se la soa miee la gh'avess faa trov la camisa minga ben sopressada o i calzett cont i bus! All'inferno de corsa e dom Dio el sa che razza de torment l'avaria inventaa!

E lee, sta povera donna, a fass in quatter, con la speranza de riess a ottegn on postesin in purgatri: on postesin piscinin appenna adree all'uss, giusta per vess no all'inferno! Che poeu, lee la c, lee i fioeu, lee mend, lav, nett s, f la spesa, lee tusscoss; e l semper in gir a f el grand omm in di Malaspina o in del Cangrande della Scala, porco can! E quij pocch d che el se degnava de st a c con lee, mai pericol che ghe dess ona man a lav i piatt o a f gi la polver, mai ona parolla gentil: semper cont el coo sulla soa Commedia, no 'l pensava ad alter.

 

Dante, moeuvet, la minestra la diventa freggia! Oh, giust, la podeva sparm el fiaa: l l'aveva fin de scriv:

 

"Quand'io 'l sentii di me parlar con ira

volsimi verso lui in tal vergogna..."

 

e 'l riessiva n a trov ona rima cont ira: sospira, n, rimira, nanca; forsi Cesira? N, nanca questa.

 

A m me giren i glori! la sospirava la povera donna e allora de colp al Dante ghe vegniva la ispirazion:

 

"...che ancor per la memoria mi si gira".

 

Ma minga che el ghe disess grazie!

E poeu, quella Beatrice! Minga tant per l che in fond l'era on artista e l'era padronissim de cerc la ispirazion dove el credeva de pod trovalla; ma per la gent che la ghe vegniva in c o la fermava in strada per domandagh:

 

Ma allora, sura Alighieri, come l' questa Beatrice? L' vera che l' ona portinara?

 

Lee la cercava de ciappalla con spirit: No, se ciamen Portinari, ma hinn in della finanza.

 

Oh che bell, come el nevod del Forese Donati che el gh'ha nanm trent'ann e l' giam maresciall!

 

No, minga la Guardia de finanza! Insomma, hinn de quij che maneggen i danee.

 

E lee, lee l' minga gelosa?

 

Eh, s, bell pari spiegagh a quij ciall che la Beatrice l'era el simbol della filosofia. Andaven semper via convint che lee la gh'avess on para de corna come quij della miee del tor e che de marss la fuss anca contenta.

 

E in fin di fin, guardee: Beatrice, semper Beatrice; e on ciccin quella Matelda che poeu se sa nanca ben chi la fuss. Ma della povera sura Alighieri, di s fadigh, di s cruzzi, di s fastidi nanca ona parolla! .

 

A sto pont el Brambilla el s' fermaa, l' staa on poo l a pensagh s e poeu l' partii a pass de bersaglier per and a inscrives al circol feminista.

 

L'emm incontraa el d dopo: l'era in d'ona dimostrazion de donn e el vosava con lor:

 

l'utero mio e me lo gestisco io! .

 

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)