On amor nassuu m˛rt (Gino Toller Melzi)                                             

 

Testo originale Traduzione   (a cura di Angelo Manzoni)

 

On amor nassuu m˛rt

 

Per quanto temp l'aveva pensaa a lee come a la dona giusta per sodisfÓ quella soa gran set de amor? Trii, quattr'ann?

E finalment el s'era decis: con la faccia in fiamm, cont el coeur che ghe batteva f˛rt f˛rt el gh'aveva faa la soa dichiarazion, sicur de vess anm˛ ona v˛lta denanz a on amor impossibil.

L'era restaa sorpres e confus quand lee la gh'aveva risp˛st che, sý, anca lee la se sentiva de voregh ben e l'era tornaa a cÓ in d'ona s˛rta de esaltazion, persuas de ave toccaa la felicitaa, cercand de minga dagh pes a on certo roseghin in fond a l'anima, ma legger, oh, legger...

Lee, cert, la ghe voreva ben: on ben possessiv, on ben, f˛rsi, sul gener de quei che se veden in di "rotocalchi" e in di "fumetti". On ben ch'el se esprimeva in longh oggiad ardent de desideri o in del vorŔ vess strengiuda f˛rt a l¨, bocca su la bocca, i oeucc saraa come in d'on Ŕstes.

Ma el pareva (e l'era) on ben sincer.

E pur... meneman ch'el temp el passava, quell roseghin in fond a l'anima el se faseva pussee fastidios, come se on diavolett el se divertiss a mostragh, sgrandii e miss in risalt, i difett de lee.

Quella sira (sira de luj, aria soffeghenta, tutt el cement e l'asfalt che traven foeura el calor surbii in del dý, frecass odios de on traffich desordinaa, desideri malinc˛nich de verd e de pas), quella sira che lee, tra i lacrim la gh'aveva confessaa de vess minga Vergin, fermandes su tanti particolar come per tormentass l'anima, l¨ l'aveva provaa on sens de impazienza: minga per quell peccaa, n˛, ma per quei par˛ll quasi vosaa, quell mett l'accent in su certi situazion. E intant che la consolava sfiorandegh la faccia cont ona carezza, el sentiva de vess on ip˛crita, come ip˛crita l'era 'l so soris e tutti quii bei par˛ll imboraggiaa de affettuosa generositaa, de cristiana comprension.

 

I visit in cÓ de lee (el viagg in quei podisnÓ sognorent de domenica, la cittaa de provincia an˛nima e grisa, lee a spettall visin al restellett): or che passaven mai, con tutti quei fradei e sorell e cugnaa che pareva se fussen daa apontament lý per vedŔ e stimÓ el moros de la tosa de cÓ; e a lee ghe pareva minga vera de mett in mostra come on bisgi˛ quell ˛mm superior che l'era s˛, domÓ s˛ e che d˛po el matrim˛ni el se saria mes'ciaa cont el rest de la famiglia.

L¨ el taseva, seri e motrient, imbalordii del cicciarament de tutti quei parent provincial˛tt; e intant ch'el sur Adolfo, el cugnaa scior (el gh' aveva ona fabbrica de scarp), el parlava de dificoltaa de l'esportazion, l¨ el pensava al torment de trovass in cÓ, la domenica, tutt quell rebell˛tt de gent in visita.

E pussee l¨ el cercava de convinces de vess profondament inamoraa, pussee quell diavolett malizios l'era lý a fagh on paragon cont el s˛ primm grand amor, quella tosa insci bella, istruida, spiritosa che a i temp l'aveva faa tanto soffrý.

N˛, l'era de insensaa fa certi confront. E intant el se dava de fÓ per cercÓ i stanz, preparÓ tutt el necessari.

Lee... lee l'era amareggiada. La s'era imaginada sto amor come on andÓ in gir con la man in la man, i oeucc in di oeucc, on brasciass s¨ in di praa, on sentý in sul s˛ c˛rp i carezz de l¨; e adess anca lee la cominciava a sentiss denter on rosegament impastaa de delusion e de dispett, e l'amor per quest ˛mm che prima el ghe pareva meraviglios e adess le sentiva insci fregg, insensibil, sbris, el se cambiava a p˛cch a p˛cch in disgust.

I primm risentiment, i primm repicch: ź El mŔ papÓ l'ha vist che te seguitavet a guardÓ l'ora ╗; ź PerchÚ te see minga vegnuu domenica passada? ╗.

E intant che se tojeva a fitt l'apartament e se faseven i preparativ per el matrim˛ni, lee la cercava de provocall, de inzigall in d'ona quai manera.

 

Inutil: l¨ el se ritirava in del s˛ guss senza fÓ mostra de scompones. Se el fuss minga staa saraa in del s˛ egoismo come in d'ona fortezza, l'avaria riconossuu de vess staa inamoraa de ona idŔia che la gh'aveva nient che ghe corrispondess in del mond real e de avŔ voruu incarnalla in d'ona tosa de provincia; e, ancaben che el gh'avess n˛ la volontaa de pensall, in del s˛ "subcosciente" el se augurava che on quaivun o on quaicoss voress liberall de quell che l'era p¨ amor, ma cruzzi.

 

ź N˛, n˛, ona spiegazion la ghe voeur! ╗ la se diseva lee. Consultass cont i amis, liberass de sto dubbi, de sto torment. L'ultim apontament (trii dý al matrim˛ni): tra i lacrim lee la ghe vosa in faccia la soa delusion, la soa rabbia. ź Va, va, te voeuri p¨! ╗ la vosa in d'on s'cioppon de furia.

 Ecco, ecco la liberazion, el segn del destin: tussc˛ss finii. Intant che el coeur el ghe se fa legger, l¨ el cerca de persuadess de soffrý: el ghe riess insci ben che i lacrim ghe bagnen i oeucc. L'Ŕ colpa de lee che el piang; e a sto penser el se sent on p˛ver galant˛mm, ingiustament perseguitaa del destin.

 

Un amore nato morto

 

Per quanto tempo aveva pensato a lei come alla donna giusta per soddisfare quella sua gran sete d'amore? Tre, quattro anni?

E finalmente si era deciso: col viso in fiamme, con il cuore che gli batteva forte forte le aveva fatto la sua dichiarazione, sicuro di essere ancora una volta davanti ad un amore impossibile.

Era rimasto sorpreso e confuso quando lei gli aveva risposto che, sý anche lei si sentiva di volergli bene ed era tornato a casa in una sorte di esaltazione, persuaso di aver colto la felicitÓ, cercando di non dar peso ad un certo tormento in fondo all'anima, ma leggero, oh, leggero ...

Lei, certo, gli voleva bene: un bene possessivo, un bene, forse sul genere di quelli che si leggono sui rotocalchi e sui fumetti. Un bene che si esprimeva in lunghe occhiate ardenti di desiderio o nel voler essere stretta forte a lui, bocca sulla bocca, gli occhi chiusi come in un'estasi.

Ma sembrava (ed era) un bene sincero.

Eppure ... man mano che il tempo passava, quel tormento in fondo all'anima si faceva pi¨ fastidioso, come se un diavoletto si divertisse a mostrargli, ingranditi e messi in risalto, i difetti di lei.

Quella sera (sera di luglio, aria soffocante, tutto il cemento e l'asfalto che trasudavano il calore assorbito durante il giorno, frastuono odioso di un traffico disordinato, desiderio malinconico di verde e di pace), quella sera che lei, tra le lacrime gli aveva confessato di non esser vergine, soffermandosi su tanti particolari come per tormentarsi l'anima, lui aveva provato un senso di impazienza: non per quel peccato, no, ma per quelle parole quasi urlate, quel mettere l'accento su certe situazioni. E mentre la consolava sfiorandole il viso con una carezza, sentiva di essere un ipocrita, come ipocrita era il suo sorriso e tutte quelle belle parole cariche di affettuosa generositÓ, di cristiana comprensione.

 

Le visite a casa di lei (il viaggio in quei pomeriggi sonnolenti della domenica, la cittÓ di provincia anonima e grigia, lei ad attenderlo accanto al cancelletto): ore interminabili, con tutti quei fratelli, sorelle e cognati che pareva si fossero dati appuntamento lý per vedere e valutare il pretendente della ragazza di casa; e a lei non pareva vero di mettere in mostra come un bijou quell'uomo superiore che era suo, solo suo e che dopo il matrimonio si sarebbe fuso con il resto della famiglia.

Lui taceva, serio e imbronciato, stordito dal chiacchierare di tutti quei parenti provincialotti; e mentre il signor Adolfo, il suo cognato ricco (aveva una fabbrica di scarpe), parlava delle difficoltÓý dell'esportazione, lui pensava al tormento di trovarsi in casa, la domenica, tutto quel caos di persone in visita.

E pi¨ lui tentava di convincersi di essere profondamente innamorato, pi¨ quel diavoletto malizioso era lý a confrontarlo con il suo primo grande amore, quella ragazza cosý bella, istruita, spiritosa che ai tempi l'aveva fatto tanto soffrire.

No, era da scriteriato far certi confronti. E intanto si adoprava per cercare casa, preparare tutto il necessario.

Lei ... lei era amareggiata. S'era immaginata questo amore come un andar a spasso con la mano nella mano, gli occhi negli occhi, un abbracciarsi nei prati, un sentire sul proprio corpo le carezze di lui; e ora anche lei cominciava a sentirsi dentro un rodimento intriso di delusione e di dispetto, e l'amore per quest'uomo che prima le sembrava meraviglioso e adesso sentiva cosý freddo, insensibile, meschino, si mutava lentamente in disgusto.

I primi risentimenti, le prime ripicche:" Mio padre ha notato che guardavi continuamente l'ora"; "PerchÚ non sei venuto domenica scorsa?".

E mentre si affittava l'appartamento e si facevano i preparativi per il matrimonio, lei cercava di provocarlo, di stuzzicarlo in qualche modo.   

 

Inutile: lui si ritraeva in sÚ senza dar mostra di scomporsi. Se non fosse stato chiuso nel suo egoismo come in una fortezza, avrebbe riconosciuto di essersi innamorato di un'idea che non aveva nulla che le corrispondesse nella realtÓ e di aver voluto incarnarla in una ragazza di provincia; e sebbene non avesse la volontÓ di pensarlo, nel suo "subcosciente" si augurava che qualcuno o qualcosa volesse liberarlo da ci˛ che non era pi¨ amore, ma cruccio.

 

"No, no, una spiegazione ci vuole!" si diceva lei.

Consultarsi con gli amici, liberarsi da questo dubbio, da questo tormento. L'ultimo appuntamento (tre giorni al matrimonio): tra le lacrime lei gli grida in faccia la sua delusione, la sua rabbia. "Va', va', non ti voglio pi¨!" grida in un impeto d'ira.

Ecco, ecco la liberazione, il segno del destino: tutto finito. Mentre il cuore gli si fa leggero, lui tenta di persuadersi di soffrire: ci riesce cosý bene che le lacrime gli bagnano gli occhi. ╚ colpa di lei se piange; e a questo pensiero si sente un povero galantuomo, ingiustamente perseguitato dal destino.

 

Commento

 

Invia i t˛ penser, i t˛ emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)