18-22 Marzo 1848 (Giovanni Rajberti)  

Testo originale Traduzione  

 

18-22 Marzo 1848

 

...L' staa de quel moment
Ch' comenzaa ona guerra disperada
D'on popol disarmaa contra on'armada:
Roba che fa spavent!
I s'ciopp contra i baston,
I sass contra i cannon,
E ona cittadinanza sueffada
A tutti i comoditt,
E a scoeud tutti i petitt,
Moresina e pacifica de coeur,
Che tutta insemma salta s in d'on tratt
A fa quell che Dio voeur.
Fieri come leon,
Svelti come legoratt,
E senza distinzion
De pitocch, sciori o nobil...

 

...Qui ludri de Croatt,
Insc negher e brutt! m me figuri
Che gh'abbien del scorbatt
Perch hinn proppi usellasc del mal auguri.
Quand incontraven gent
Che ghe mostrava i dent
Sti carogn barbellaven e scappaven
Come i bagaj che tremma del bordoeu,
E presoner piangeven, supplicaven:
Ma in sit foeura di pee,
Cont i vecc, cont i donn, cont i fioeu
N'han fa tant che sia assee.
N'han inciodaa paricc contra i muraj,
N'han ongiuu d'aqua rasa, e poeu brusaj,
Parecc bambin de tetta
I han portaa attorno su la bajonetta;
E a vun de sti Antecrist gh'han fin trovaa
In la giberna d man delicaa
Con s i anej in di dit... Oh, car Signor!
Hin m fioeu de Pio Nono anch lor?
No! Freghgh gi 'l battesim a qui moster
Che gh'han in di viscer la maledizion,
Che no gh'entren nagott col Peter noster
I tigher, i leon,
I lff rabbiaa de famm e idrofobia
In pari a lor hin fior de cortesia

 

...Ma i pover Milanes
in mezz al s trionf, quanta bontaa!
Han renduu ben per maa:
Naturalment, se han liberaa 'l paes,
Han dovuu coppan gi n tropp n pocch;
Ma quand i Pattatocch
Ghe capitaven viv in di s man,
Hin staa trattaa fin tropp de cristian.

 

...I donn han faa miracol
De forza, de virt, de intelligenza:
P n lacrim, n ciacol,
Eren el balsem de la providenza:
Lor col piomb, lor medeg ferid,
Lor mett coracc a tucc
E f, col coeur strasciaa, bocchin de rid.
Lor f bind e filaper,
E fina tratt 'l s'ciopp compagn di gucc
E mand al babbi on rebellott de Slaper.
E la bardassaria? (I Martinitt)
Tutt a on bott l' cressuda in del giudizzi,
Beati e smanios de fa servizzi,
E de mettegh la pell comesessia.
Lor s e gi per i strad
A port intorna avvis,
E in pee di barricad
A f segn che rivaven i nemis,

E vosagh adree succ! ai s'cioppettad
E come fan sabet grass cont i benis...

 

In quel tarlescament
De campan a martej
Che tempestaven gi de tutt i ges!
E qui vs che vegneva de lontan
Portaa de post in post per i contrad
A vis i pesc pericol de Milan:
- A Porta Tosa! - A Porta Ticines! -
Foeugh al tal dazzi! - All'erta ai barricad! -
E quel trovass insemma
Gent che s' mai veduu n conossuu,
Senza sospett n temma,
E vess i ben vegnuu,
E sentiss tucc fradej e tucc sorell,

 

(segue)

 

1822 Marzo 1848                       

 

...Ẻ stato da quel momento

Ch cominciata una guerra disperata

Di un popolo disarmato contro unarmata:

Roba da far spavento!

I fucili contro i bastoni,

I sassi contro i cannoni,

E una cittadinanza abituata

A tutte le comodit,

Ed a soddisfare ogni appetito,

Tenera e pacifica di cuore,

Che tutta insieme insorge all'improvviso

A far quel che Dio vuole.

Fieri come leoni,

Svelti come leprotti,

E senza distinzione

Fra umili, ricchi o nobili

 

Quegli avidi Croati,

Cos neri e brutti! Immagino

assomiglino ad un corvo

Perch son proprio uccellacci del malaugurio.

Quando incontravano gente

Che mostrava loro i denti

Queste carogne tremavano e scappavano

Come i bambini che tremano per le streghe,

E prigionieri piangevano, supplicavano:

Ma in luoghi isolati,

Con i vecchi, con le donne, con i ragazzi

Ne hanno fatte a sufficienza.

Ne hanno inchiodati parecchi contro i muri,

Hanno cosparsi di acqua ragia, e poi bruciati,

Parecchi bimbi in fasce

Li hanno esibiti sulla baionetta;

E ad uno di questi Anticristi hanno persino trovato

Nella giberna due mani delicate

Con gli anelli sulle dita oh, caro Signore!         

Sono figli di Pio Nono anch'essi?

No! Cancellate il battesimo a quei mostri

Che hanno nelle viscere la maledizione,

Che non centrano niente con il Padre nostro

Le tigri, i leoni,

I lupi rabbiosi di fame e idrofobia

Al loro confronto sono fiori di cortesia.

 

Ma i poveri Milanesi

Nel loro trionfo, quanta bont!

Hanno reso bene per male:

Naturalmente, se hanno liberato il paese,

Hanno dovuto ucciderne n troppi n pochi;

Ma quando i fantaccini (patatucchi)

Capitavano vivi nelle loro mani,

Erano trattati fin troppo da cristiani.

 

Le donne hanno fatto miracoli

Di forza, di virt, di intelligenza:

Non lacrime, n chiacchiere,

Erano il balsamo della provvidenza:

Loro a colar piombo, loro a medicar ferite,

Loro a far coraggio a tutti

E sorridere, pur col cuore a pezzi.

Loro a far bende e legacci,

E persino ad usare il fucile come fosse un ago

E a mandare al Creatore un sacco di crucchi

E i ragazzi? (I Martinitt)

Di colpo sono maturati,

Contenti e ansiosi di essere utili,

E di rischiare la pelle in ogni occasione.

Loro su e gi per le strade

A distribuire avvisi,

E in cima alle barricate

Ad avvertire che arrivavano i nemici,

E a gridare "succ" alle fucilate

Come fanno il sabato grasso con le maschere senza confetti

 

In quel frastuono

Di campane a martello

Che provenivano da ogni chiesa!

E quelle voci che giungevano da lontano

Portate da luogo a luogo per le contrade

Ad annunciare i peggiori pericoli per Milano:

- A Porta Tosa! A Porta Ticinese!

Fuoco al tal dazio! Allerta alle barricate!

E quel trovarsi insieme

Gente che non s mai vista n conosciuta,

Senza sospetto ne timore,

Ed essere i benvenuti,

E sentirsi tutti fratelli e tutte sorelle. 

 

(segue)

 

Commento

Le 5 Giornate di Milano: 1000 poliziotti, tre brigate di fanteria, sei squadroni di cavalleria, sei batterie, quasi 14000 uomini con 40 cannoni oltre a 5000 uomini di rinforzi, furono costretti a ritirarsi dalla reazione dei Milanesi (che ebbero circa 550 caduti, di cui circa 150 donne) che provoc l'ordine dell'Imperatore Francesco Giuseppe, di ritirarsi dalla citt. Radetzky, fedele servo dell'Imperatore, rinunciava alla strage e al saccheggio e si ritirava davanti a Carlo Cattaneo che guidava i moti di Milano.

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)