Brindisi al M Rossini (Giovanni Rajberti)                  

 

Testo originale Traduzione

 

Brindisi al Maestro Rossini (1838)

 

Posto che a lu, sur Prencip de Porcia
che l'è Prencip de coeur come de fatt,
vedi che ghan strusaa in la simpatia
i bisabosa d'on poetta matt,
e che ghe vedi arent per camarada
vun che ghe lassen 'dree i oeucc per strada;

se lu e sti Sciori, che ghe fan corona,
voeuren sbadilià per cinqu minutt,
mi diroo quatter vers inscì a la bona
e ghe n'impodi no se saran brutt;
ma, l'è tant degn d'on Prencip l'argoment,
che hoo mingha poduu a men de boggiagh i dent.

Quand pensi in tra de mi chi vorrev vess
Se mai se dass el cas de barattamm,

E che tiri su l cunt de chi gh adess

De grand in su la terra, in tutt i ramm,

Quand, disi, in del m cur foo sta revista,

Me ven semper Rossini in capp de lista.

 

Perch l so gener, asca al vess tant bell

Che lentra in tutt i coo besasc e bon,

Che in tutt i part del mond l semper quell

Perch l se guasta no coi traduzion,

L pu l l primm dona manera tal

Che de L al numer duu gh on salt mortal.

 

Byron, Volta, Canova, Walter-Scott

Trovaran chi ghe metta sudizion;

Raffaell el spaventa Bonarott,

Giuli Ceser el var Napoleon

Ma in musica, femm minga zerimoni,

I alter hin gent de coo, L l on demoni.

 

De gi che hoo nominaa l gran Capp de c,

Diroo che L l staa predestinaa,

Per via che la soa musica la v

Col secol del commercio e di soldaa;

Chel gha daa on pien, ona rabbia, on moviment

De fa baj i personn senza talent.

 

Gh novitaa, gh fugh, gh frenesia,

Gh on cr semper de trott o de galopp,

On avegh semper roba de tr via,

On tras fina el bell perch l tropp,

E butt in don spartii tanti motiv

Che on alter ghe nha a sbacch per fin chel scriv.

 

Da lingress tronfal in di cittaa                                   (Otello)

Ai ciaccer di pettegol in cusina,                                 (Cenerentola)

Da lInno a Dio don popol liberaa                               (Mos)

Ai rendez-vous de Figaro e Rosina,                            (Barbiere)

Dal Re sul trono al Barometta ebrej

Che ve vend in del nas stringh e bindej;                      (Gazza ladra)

 

Sfidi a trovamm situzion del cur,

Vizzi o virt che L no l metta l

Con quel brutt, con quel bell, con quel grandeur

Che l impossibil a fa mej de insc,

A segn tal che pittura e poesia

Dopo L hin restaa indree cent milla mia.

 

Ma ch parli del mond ver e patent:

E quand el crea on mond immaginari?

Sentii la Semiramide, e gh dent

Quel fa antigh, grand, lontan, strasordinari

Che ve porta l in Asia a respir

Laria don trono a quatter milla ann f.

 

Mi per che a la longa tiri al buff

El Barbiere l propri la mia mort;

Fall ben, fall maa, fall semper, s mai stuff;

L onOpera, direv, de contraffort:

A tutt i fiasch gh Don Basili in ari,

Refugium peccatorum di Impresari.

 

Ma lintrecc del Barbiere almanch l bell;

E quand el scriv su liber che mett mal?

Allora el cava tutt del s cervell:

Per L, vers brutt, vers bej, l tutt egual:

L no gh mai nagott chel le scanchina:

Libritt dinferno, musica divina.

 

Chi ghe sarav de d di gran bej coss;

Ma dona part no me nintendi on acca,

De laltra sto discors l on boccon gross

Per sta lengua intrigada e insc bislacca:

Quand se ghe dis busecca al so mestee           (in dialetto significa musica                                                                     soprattutto quella di chiesa)

Come podaroo fa a tegnigh adree?

 

Ma siccome l onarte insc vergnonna

Che la messeda, che la f i galitt,

Tucc van matt quand se canta o quand se sonna,

Se contenten magara di orghenitt;

Se ved fina i ruvee che passa in strada

A st attent cont in aria la possada.

 

Con quest mi vorrev d che la soa gloria

L gloria che capiss tutta la gent

Humboldt e Arago hin nomm che va in la Storia,

Ma che ghhin el san nanca el vun per cent:

Ma de L tucc en san e ghhan i pruv:

Per L gh l vun e pou i norantanuv.

 

Diremm anca che quij che d a la stampa

Ghan quest de maladett che per fass fort

Ghe tocca de sgobb fin che se scampa

Per fass nomm bej e vecc, o dopo mort:

Quand L gioven, lughii, vscor e tond

L on quart de secol che l in bocca al mond.

 

Ma s! cossel po avegh de pu de mi?

On dodes, tredes ann, nient de p:

Ben, per quel pocch che al mond hoo sentii a d

Mi hoo sentii semper a parl de L;

Del m primm ziffol de che sont viv

Hoo semper ziffolaa sui so motiv.

 

In sti mee scarabocc, sur Cavalier,

Se mi ghe foo la cort, vuj chel me coppa:

No hoo faa che incornis quatter penser

De Milan, de lItalia, de lEuroppa....

A proposit de Italia, e pienti l,

Sl, sur Rossini, cosse ghhoo de d?

 

Che sta povera Donna strapazzada,

Serva strasciada che la perd i tocch,

Dopo che la nha faa tanta sventrada,

Adess de Omoni ne fa propri pocch:

Ma quij pocch che la fa, no se cojonna,

Hin ancam i fiu de la Padronna!

 

Vi dar per ultimo (questi maledetti poetastri sono tutti cos: ci vuole un soldo a farli incominciare, e poi ci vorrebbe un bastone a farli finire), vi dar per ultimo un frammento di brindisi per Messa nuova, che almeno ha il merito di essere inedito, e perci pu passar come nuovo esso pure.

 

Donca vegnemm a nun, Don Fruttos,

Anca a nomm de sti sciori che ghhoo intorna;

Me consoli con l che lha faa spos,

E l ona sposa che fa minga i corna:

E quest chi l on vantagg che al d dincu

L pussee rar che a vess senza fiu.

 

Ah, caro l, quand pensi a la fortuna

Don giovinott che va fura di begh,

Senza familia che fa batt la luna,

Senza mangiass el fidegh per limpiegh,

E che ciappa el mondasc come Dio vur,

A lombra di campann, me va gi l cur.

 

Ma sl che anch mi podeva fa altretant?

Sont staa abaa-ghicc dai des fina ai desdott:

E quand aveva gi passaa dincant

Letaa de la dietta e di cazzott,

Sul bon de tegn dur, mo che ciallon!

M scappaa tutt a on bott la vocazion.

 

Cosse no han faa quij pover Oblatitt

Per tegnimela in corp! ma l staa inutil;

E quest sia de risposta e quij che han ditt

Che sont staa casciaa via: brutti desutil!

Ma che matton don pret sarev mai staa!

Trava sott sora larcivescovaa.

 

Basta, l s chel far l pret polit

Senti de tucc che l on fior de talent,

Chel scriv in vers e in prosa a mennadit,

E almanch in quest semm on freguj parent:

Ma mi no scrivi che di baronad;

Pari la calamitta di legnad.

 

L mo, che per la grazia de l su

El cobbia on coo insc giust col benefizzi,

Chel faga el missionari di virt,

Chel druva la soa penna a batt i vizzi,

E chel ghe daga dent proppi sul seri

A miglior sto mond pien de miseri.

 

Don Fruttos, sti vers no passaraven;

Ma sciavo, hin staa traa gi con tanta pressa,

In mezz a di bej donn che sabettaven,

Giust intanta che l l cantava messa:

Chel se figura che profanazion!

Ma l l pret: me dl lassoluzion?

 

   

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)