Vision de november (Enrico Giuliani)         

 

Testo originale Traduzione  

 

Vision de november

 

L'era el duu de november, vers quattr'or.

El ciel l'era d'on gris livid e smrt...

Muscch l'era fiorii de tutt l'amor

di Milanes per i s pover mrt.

 

Anca mi s'eri anda a pizz on ciarin 

per i m gent che gh'eren p a sto mond,

quand in d'on vial foeura de man, on vosin

el m'ha ciamaa ai m spall: me volti in tond

 

e vedi ona tosetta piscinina,

tutta vestida come ai temp indree,

bionda, coi boccoltt  e la vestina

de pizz bianch, cont on ficch lazzaa  dedree.

 

Ghe disi: "Se te fet chi in de per ti?

In dov'hinn el pap, la toa mammina?".

Lee la me dis col s vosin: "Hinn l...",

e poeu la me fa segn cont la manina

 

a on vialettin l a ps,  sconduu di piant:

"Cerchi la mia pigtta; ghe l'hoo p..."

"Ma te cerchet la bambola al Camp Sant?".

"Me l'aveva promissa el bon Ges...

 

Scior, ch'el ghe disa al me Pap, a la Mamma

ch'el m'ha vista... che sont in Paradis...

che vorara a Natal la mia Rosanna...

l' el nm de la mia bambola...". On sorris...

 

L'hoo vista p! Me sont sentii gela!

Sont staa l on quaj minut squasi inorbii... 

Poeu de corsa a cerc, cerc, cerc,

tremand col coeur in gola, 'me inlocchii... 

 

Gh'era ona tomba in del vialett l a ps,

piena d'erbasc... tutt secch e trasandaa...

Trii ritratt: la tosetta ed i duu spos...

I nm... e di paroll mezz scancellaa...

 

Hoo ditt: "Requiem!"' de truscia...  ma tremavi!.

 

Visione di novembre

 

 Era il due novembre, verso le quattro.

Il cielo era di un grigio livido e pallido

Musocco era tutto fiorito di tutto lamore

dei Milanesi per i loro poveri morti.

 

Anchio ero andato ad accendere un lumino

per i miei cari che non sono pi a questo mondo,

quando in un viale fuori mano, una vocina

alle mie spalle mi chiama: mi giro

 

e vedo una bambina piccolina,

tutta vestita come ai tempi andati,

bionda, coi canelotti e la vestina

di pizzo bianco, con un fiocco allacciato dietro.

 

Le dico: Che cosa fai qui da sola?

Dove sono il pap e la tua mammina?.

Lei mi dice con la sua vocina: Sono l

E poi mi indica con la manina

 

un vialetto l vicino, nascosto dalle piante:

Cerco la mia bambola; non lho pi

Ma cerchi la bambola al Camposanto?

Me laveva promessa il buon Ges

 

Signore, dica al mio Pap e alla mia Mamma

che mi ha vista che sono in Paradiso

che vorrei a Natale la mia Rosanna

il nome della mia bambola Un sorriso

 

Non lho pi vista! Mi sono sentito gelare!

Sono rimasto l qualche minuto quasi abbagliato

Poi di corsa a cercare, cercare, cercare,

tremando, col cuore in gola, come frastornato

 

Cera una tomba nel vialetto l vicino,

piena derbacce tutto secco e trasandato

Tre ritratti: la bambina e i due sposi

I nomi e alcune parole mezzo cancellate

 

Ho detto Requiem in fretta ma tremavo!

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)