El busseree (Amalia Gola-Sola) 

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

El busseree

 

Gaitan! L'Ŕ on busseree strafˇj, strusˇn,
cont l'Óbet tutt de scira sbrodolaa,
mezz stort, pee piatt, vacc˛tt e lendenˇn,
coj oeucc ross, nizz, e i orla stravaccaa,
ladin de bocca e i lavor, per on stri˛zz,
che paren on bascý taccaa al barb˛zz.

 

Cont quella perteghetta el ven tra i pee,
e ci˛cca su el sacchett pien de palanch,
che l¨ el manovra al par d'on bigliardee
in tra la gent ingenoggiada in banch;
e ghe le mett sott nas, che salten via,
quand giust ciccioren s¨ on' Ave Maria.

 

El scÓpola i bagaj a man destesa,
se in temp de messa van con l'astrazion,
el fuma cont l'incens tutta la gesa,
el str˙zia coj pee piatt dree ai funzion,
el rana i litanii come on scorbÓtt;
l'Ŕ l¨ Gaitan, splendor di so sciavÓtt.

 

Lo scaccino (traduzione di Angelo Manzoni)

 

Gaetano! ╚ uno scaccino trasandato, strascicone,

con l'abito tutto sbrodolato di cera,

mezzo storto, piedi piatti, sudicio e pidocchioso,

con gli occhi rossi, lividi, e le palpebre rovesciate,

largo di bocca e le labbra, per un maleficio,

che paiono un bacile attaccato al mento.

 

Con quella pertica viene tra i piedi,

e scuotendolo fa tintinnare il sacchetto pieno di monete,

che lui manovra al pari di un giocatore di bigliardo

tra la gente inginocchiata sui banchi;

e glielo mette sotto il naso, che si spaventano,

giusto quando bisbigliano un'Ave Maria.

 

Distribuisce generosi scapaccioni ai ragazzi,

se durante la messa si distraggono,

affumica con l'incenso tutta la chiesa,

si da da fare con i piedi piatti durante le funzioni,

gracida le litanie come un corvo;

Ŕ lui Gaetano, splendore delle sue ciabatte.

Commento

 

Invia i t˛ penser, i t˛ emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)