Toponomastica allegra (Giovanni Luzzi) 

 

Testo originale Traduzione

 

Toponomastica allegra

On bravo tassista on bravo "ghisa" el dovaria cognoss tucc i strad de Milan senza besogn de la guida tascabil.
M avevi prinzipi a impar a memoria la guida perch vorevi and a "Lascia o raddoppia", ma quand son riv a la fin de la lettera "A" hoo pientaa l perch me girava el coo.
Ma l' nanca assee tegn la guida in la saccoccia del spolverin, prima de tutt perch i strad de la periferia vegnen s come i fong e la guida la p n vess semper aggiornada e poeu perch con l'invasion terronica (e adess con quella di fradej del terzo mondo), lor stroppien i nmm in d'ona manera che a interpretaj l' on "rebus" come quj de la "Settimana enigmistica".
E allora besogna guzz l'ingegn. Se impara insc che la via "Ciccirillo Stazione" la g'ha nagott a che f con la Stazion perch l' la via Cecilio Stazio, che l'era on poetta de Roma antiga; che la via "Deami" l' la via De Amicis, la via "don Struzzo" l' la via del don Sturzo (quell pret cont el nason che aveva fondaa el partii Popolar) e la via "Maccon" l' la via Mac Mahon, el general che ha vinciuu la battaja de Magenta. E de gi che semm sul discors de sta battaja, gh' anca la via de on general che gh'ha lassaa la pell, Espinasse, ma a Milan i milanes ghe disen la "via di spinazz".
On quaj esempi de "rebus"? Pronti. On d ven s on giovinott de la bassa cocumia ch'el voeur and in via Sforza.
"Ghe n' d de via Sforza" disi: Francesco e Ascanio. Qual' de st d ch?"
"Nun saccio."
"Ma el gh' giam staa ona quaj volta? El saria in condition de ricognossela?"
El dis de s e allora se mettom in gir. La via Francesco Sforza l' in centro de Milan arent al palazz dove gh'era l'ospedal Maggior. Ma l'era n quella che el client el cercava.
Vemm in Ascanio Sforza, foeura de porta Cicca e l' nanca quella.
Vorii sav chi l' che m'ha daa la soluzion del "rebus?" El terronscell, propi l perch el gh'ha faa s on penser.
"Ascanio? N... ma un nome che comincia pure lui per A... Ecco! mi arricordo... Armato... via Sforza."
Ch torna in ball l'enigmistica. Mettem denanz la parentella e salta foeura: Sforza Armato che, segond l l'era come d via Forze Armate... Se va de corsa a Bagg... e minga a "son l'orghen".
Alter esempi. Ona donnetta de campagna la ven cont on bigliett che gh' scritt a lapis "piazza Baldassarre". S la guida ona piazza con 'sto nmm la gh' no, ma gh' la via Baldassarre Castiglione... autor del "Cortegiano" (cosa sar mai 'sto "Cortegiano"?), ghe vemm, ma nient de f. Voo al comand di Sorvegliant (che lor gh'hann anca la lista di strad ultim battezzaa) ma de Baldassarre nanca l'ombra.
Hoo ditt che besogna guzz l'ingegn! Ciappi in man el bigliett, el guardi, el studi, el pirli, el volti... Tombola! Gh' dedree on numer de telefono. Stavolta ghe semm!
"Pronto?", "All", "Parlo col numer 365148?"
"Sissignore, lei chi ?"
"Sont on tassista... l' l che sta de c in piazza Baldassarre?"
El rispond n... par propi ch'el staga a pensagh s... passa on quaj minutt... "Pronto?" "Allora l' l si o n?"
"Non sto in piazza Baldassarre. Sono vivo ancora."
"Capissi on tubo... Chel' viv dubiti n, tant l' vera ch'el parla."
"Vede, signor tassista, le strade e le piazze non vengono intestate ai vivi ma ai morti ed ai morti che contano."
Semper pussee difficil. "El voeur spiegass?"
"Semplicissimo. Non abito in piazza Baldassarre perch non esiste ancora una piazza intestata a me. Mi spiego: Piazza Baldassarre sono io o, se preferisce, Baldassarre Piazza telefono numero 365148, abitante a Ronchetto delle Rane."
Terz esempi. L'altr'er duu crucch m'hann ditt de portaj al'Emo. A Milan gh' ona via Angelo Emo (che, per quell pcch che soo de storia, l'e staa on gran general de la repubblica de Venezia) e ghe dimandi:
"Via Emo?" "Ja... Ja...", risponden. E mi voo drizz in via Emo che l' a mit de via Padova.
Ma quand semm l, disen che va minga ben... barbotten on poo in todesch e poeu tiren foeura on bigliett stampaa e gh' s: "Fiera Campionaria di Milano: E.M.O. (Esposizione Macchine Operative). Entrata da porta Carlo Magno."
Hoo voltaa la macchina e i hoo portaa a la Fera con des chilometri in p de tassametro.
Ma che colpa ghe n'avevi m?
L' che con tutt sto gir s e gi per Milan e foeuravia el "ragionatt" el gh'ha el s bell de f specialment con la tariffa notturna e con quella festiva. El client minga semper el se rend cunt che la colpa l' soa se el termometro el va s.
Riva ona donna dal "profondo Sud" (come disen in America) e la voeur fass port a Cologn.
Cologn ona volta l'era on bell paesin de campagna in mezz a bosch e praa. On poetta del settcent el diseva che a la sira prima de torn a c soa in via Sant'Andreja l'andava a f on gir s i bastion de porta Renza per respir "l'aria che vegneva da Cologn".
Figuremess incoeu con la motorizzazion cosa l' l'aria che vegn da Cologn, diventada ona citt satellite, che nel gir de trent'ann l'ha traa insemma pussee abitant che n gh'avess Milan, disi minga qui ai temp del Belloveso, ma dom a qui del noster Porta.
Cologn, Cinisell, Trescian, Quarto Oggiaro, Quinto Stampi, Sesto San Giovanni, el Gallarates e via disend, hinn tanti succursaj in Lombardia de la terra ballarina.
"Lee la voeur and a Cologn..." ghe disi a la donna del Sud "va ben... ma la me daga l'indirizz giust."
"Non m'arricordo ma basta il nome Colascione... ci sta mio fratello... Nicola."
"Sciora che la guarda che Cologn l'e grand e cerc el scior Colascione, senza vegh l'indirizz, l' come cerc ona guggia in d'on pajee."
"Andiamo... andiamo. Io cunosco il luogo e poi non si sbaglia, lu fratello mio fa il meccanico."
Foo come la dis e voo a Cologn ma quand l' l la se troeuva come on poresin in la stoppa. Gira de ch, gira de l... dree ai s indicazion. "A lu fianco della chiesa... in faccia al supermercato...", nient de f... se va a taston...
Allora ghe foo: "Sciora, se vemm innanz insc ghe riva de pag pussee de quant l'ha spenduu per vegn a Milan dal s paes. L' mej che la salda la corsa e la vaga in gir a pee a dimand fin che la trovar on quajvun che cognoss el s fradell."
O giusta! La s' inrabida e l'ha ditt che lee la doveva n pag perch nun semm obbligaa a sav semper dove se dev and.
"Ma che pretes sciora! Come foo m a sav dove sta de c el scior Colascione che de quand l'hoo daa a balia l'hoo p veduu?"
"Ma isso fa lu meccanico!"
"Cosa voeur d? De meccanich ghe n' ona sfilza anca a Cologn."
"Ma isso specilizzato."
"Lee de dove la ven?"
"Da Sannicandro Garganico."
"E ben, a Sannicandro de meccanich specializzaa ghe ne sar vun, o on para al massim, ma de nun ghe n' centmila."
"Centomila?... Madonna incoronata e san Nicola di Bari aiutatemi!"
A falla curta son riussii a scaregalla ma hoo vorsuu n piantalla l sperduda in d'on mond trpp grand per lee e per la soa mentalit. Hemm giraa tanto finch hemm trovaa vun de la bassa che l'ha ditt:
"Sannicandro? lu paese mio! Colascione? lo canosco..."
"Dove abita."
"Non lo saccio ma vi porto da un altro paesano che lo sa".
Con sti bej stori hoo perduu alter tri quart d'ora e hoo dovuu taccaa lit cont el "ragionatt" perch l'era restaa tutt quell temp senza lavor.
E de gi che se parla de strad (che hinn el noster pan) voraria anca m, modest tassista, esponn el m penser al scior Sindegh e ai sciori de la Gionta municipal.
Hoo notaa, per dinn voeuna, che quand Milan el s' slargaa foeura de la senta di bastion, ai strad ghe daven i nomm cont on certo criteri.
A porta Vittoria (che l'era la veggia porta Tosa de dove eren scappaa i Tognitt) se leggen ancam i nomm de qui che s'eren battuu sui barricad; Cernuschi, Sottocorno, Manara, Dandolo e poeu Anfossi, Mameli e compagnia bella.
A Porta Monfort se partiva da cors Concordia per and al Risorgiment e de l a l'Indipendenza e ai Plebisciti. Pussee tard a questa "Asse patriottica" gh'ann miss denanz la piazza Tricolor e gh'hann giontaa el vial Argonne.
E tutt'in gir alter fior de combattent, i fratelli Bronzetti, i fratelli Bandiera, (de minga sconfond cont i fratelli Branca) el Pisacane, el Rosolino Pilo. Porta Venezia l'era el quartier di musicista, Lulli, Leoncavall, Mozart, Rossini. Sul loeugh del Lazzarett i dottor che s'eren f var contra la pesta, Tadino, Settala e el pader Felice Casati, tutta gent che ne parla anca el Manzoni. A porta Magenta i pittor, Velasquez, Rembrandt, Giotto, Raffaello, Murillo, Spagnoletto ecc.
M disi che per on pover tassista la saria ona gran bella comodit de sav "a colp sicur" de che part el dev and, magara al quarter di citt de l'Italia, o quell di citt de l'Australia, di poetta, di sant, di navigador, di gran battali de la storia, di generaj, di caduti in guerra...
Se podaria n fa tesor de l'esperienza e del bon gust di antenati?
Senza per cambi i nomm che gh'hinn giam perch la saria ona confusion del mago, on rebellot, ona torr de Babela.
Basta d che anca al d d'incoeu i nomm vegnen cambiaa de spess, magara segond el vent che tira.
Dom qui di sant e de la famiglia real resten semper al s post. Va a catt perch...

 

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)