I fioeu de la Piazzetta   (Roberto Marelli)    

 

Testo originale Traduzione  

 

I FIOEU DE LA PIAZZETTA (I ann pussee bej)

Canzone di Roberto Marelli, dedicata a "tutti i ragazzi degli anni quaranta che, nell'immediato dopoguerra giocavano nelle vie e nelle piazze della nostra Milano e che adesso, come lui, gh'hann el pel che tira al bianchin! . La canzone, musicata dal Maestro Ariberto Vai e cantata da Rino Gionchetta, nel 1999 ha vinto il primo premio al Milano canta di Radio Meneghina.

I colonn de San Lorenz
hinn semper sedes o dersett?
L' on mistero che el va avanti
fin de quand s'eri on fiolett!

... e giogavom a nascondes,
ai faccett o a tegheleet,
coi cichtt al gir d'ltalia,
e a f i gar col careltt!

Sassaiol, corres adree,
tacc lit, f i resitt;
poeu d'estaa tucc al Sassee,
a f el bagn insemma ai ratt!

Se passava la giornada
a pee biott e calzonitt
sui sass guzz de la rizzada,
liber come passaritt !

Ma on quaj vun ghe l'hoo amm in ment:
barabitt, tutt mostolent!
El Carlino e poeu l'Enzon,
con l'Enea e l'Ercolino...
tra de nun anca on terron,
che ciamavom "baresino".

La Madonna Pellegrina,
la girava tutti i ges:
l' vegnuda anca in Piazzetta,
proppi a magg, al temp di rs !

Nun vestii de cereghett,
coi candel in procession...
per poeu bev la barbaiada,
che ne regalava el Don!

El m mond l'er San Lorenz,
la Piazzetta, i m amis;
gh'hoo in di orecc amm i cadenz,
d'on dialett cont i barbis!

Oh, Signor quanto giug,
con la lippa e i soldarin
a mago libero in sul sagraa...
f merenda coi ciocchin!

Cerc el ferr in su i maceri,
per portall dal rottamatt;
cont el Dario, col Giorgion,
el Marell e poeu el Milito:
che el scherzava el Celentano,
perche 1'era on pantolon!

Rampegass in su i colonn,
per f el ciall cont i tosann:
la Nasna o la Mirton,
cont i trezz fin'ai sottan!

Pensi amm a ona tosetta,
pensi al dolz di s basin:
senti amm la soa vostta,
li dedree del Costantin.

Hoo perduu la mia Milan,
senti p el s profum,
l' sparii quel bel tran-tran,
che animava el m rion.

Voo a f on gir in sul sagraa,
nanca on fioeu... gh'e p nissun!
Giri i tacch per torn a c:
foo part ormai di tradizion.

Ciao amis... ciao fradej...
ciao ai ann pussee bej !

... E ciao a m, sont el Gionchetta...
e ciao a tucc i fioeu de la Piazzetta!

 

I ragazzi della Piazzetta (gli anni pi belli)

La canzone ambientata in Piazza San Lorenzo alle Colonne negli anni 1947/1952, ma rispecchia il modo di vivere dei ragazzi di ogni rione milanese e di tante citt italiane di quell'epoca.



Le colonne di San Lorenzo
sono sempre sedici o diciassette?
E' un mistero che va avanti
da quando ero bambino !

... e giocavamo a nascondino,
ai facctt o a rincorrerci,
con i cicchett al giro d'Italia,
e fare le corse con i careltt!

Sassaiole, rincorrersi,
litigare, fare gli attaccabrighe;
poi d'estate tutti al Sassee
a fare il bagno insieme ai topi!

Si passava la giornata
a piedi nudi e pantaloncini corti
sui sassi appuntiti della strada,
liberi come uccellini!

Ma qualcuno ce l'ho ancora in mente:
monelli tutti sporchi!
II Carlino e poi l'Enzone,
con l'Enea e l'Ercolino...
tra noi c'era anche un terrone,
che chiamavamo "baresino".

La Madonna Pellegrina,
girava tutte le chiese:
venuta anche in Piazzetta,
proprio a maggio, periodo delle rose!

noi vestiti da chierichetti,
in processione con le candele
per poi bere la barbaiada;
che ci offriva il Parroco !

II mio mondo era San Lorenzo,
la Piazzetta, i miei amici;
ho ancora nelle orecchie le cadenze
di un dialetto con i baffi!

Oh, Signore quanto giocare,
con la lippa e i soldatini
a mago libero sul sagrato...
fare merenda con i ciucchini!

Cercare il ferro tra le macerie
per portarlo dal commerciante di rottami;

con Dario, con Giorgione,
il Marelli e poi l'Emilietto:
che prendeva in giro Celentano,
perche era un bamboccione!

Arrampicarsi sulle colonne,
per farsi notare dalle ragazzine:
la Nasona o la Mirton,
con le trecce fino alle sottane!

Penso ancora ad una bambina,
penso alla dolcezza del suoi bacetti:
sento ancora la sua vocina,
dietro il monumento di Costantino.

Ho perso la mia Milano,
non sento pi il suo profumo,
sparito quel bel tran-tran,
che animava il mio rione.

Vado a fare un giro sul sagrato,
nemmeno un ragazzo... piu nessuno!
Giro i tacchi per tornare a casa:
ormai faccio parte delle tradizioni!

Ciao amici... ciao fratelli...
ciao agli anni piu belli!

... E ciao a me, sono il Gionchetta...
e ciao a tutti i ragazzi della Piazzetta!

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)