Concert sul tecc (Mario Comolli)                          

 

Testo originale Traduzione letterale 
 
Concert sul tecc 
 
I m finester guarden sora on tecc 
vesin a on mur ch'el fa de divisori 
tra la c e i scimm di piant d'on giardinett 
in dove i passer gh'hann l'osservatori. 
 
De quand ghe metti gi ona brancadella 
de moll de pan mis'ciaa con la risinna, 
in coo d'on d se cunten pu i concert 
de mandolitt coi flaut e l'ocarinna. 
 
Sti sonador hinn no di elegantonni 
cont i scarp luster, fracch e la camisa, 
gh'hann on vestii, vun soll, ona divisa. 
 
In mezz a lor 'na smaggia color scendra 
la salta a l'oeucc sul drapp rubin del tecc: 
l' on rosc - in pianta stabil - de puvion, 
i contrabass de l'acompagnament, 
in prima fila per la colezion. 
 
A la matinna prest - 'penna fa ciar -
i passaritt hinn l sul m poggioeu 
per l' "Allegrett andant putost sul moss" 
con l'argent viv ch'el sbilza foeu dai goss. 
 
Quand tiri in longh e butti gi in ritard 
i gamb dal lett, me gratten coi sciampett 
i gelosii, on poo per saludamm 
e on poo per f cap che lor gh'hann famm. 
 
Incuriosii, travers i filidur, 
stoo l de spess, quacc quacc, a contemplaj: 
paren bellee de pezza, d'ona volta, 
che al post di oeucc gh'aveven duu coraj. 
 
Se d'improvis sollevi ona tendina 
i passer volen via de ch e de l: 
se ponden sora ai piant, al tecc, ai fil 
tiraa per f sug la biancheria, 
al ciod ch'el sporg in foeura dal murett, 
misura giusta per i d sciampett. 
 
L' assee che faga finta de toeumm via 
che tornen tucc indree al s post de prima 
per mettes subit a incord i 'stroment 
coi canaruzz avert ai quatter vent. 
 
Se ved on'ala a sbatt... (L' la bacchetta - 
che segna el temp - del direttor d'orchestra 
pront a dirig sul scoss de la finestra?). 
 
Intant, coi becch avert che fann de guggia, 
ricamen l'aria ciara, remondinna, 
cont on disegn ch'el par ona ragnera.
 
 Ingarbiaa in del mezz gh' 'l m gerani 
che - senza fass toeu via - el ten d'oeucc, da un poo, 
el s che incoeu, de spess, el scond el coo. 
 
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 
 
Adess che pioeuv, la musica l' on'altra: 
sui copp del tecc, che ai nid ghe fann de ombrella, 
che ten concert l' l'acqua che martella. 
 
Dopo el "Cressend con brio" stavolta ch 
la voeur conclud, giam, cont el final. 
 
E mi la scolti tutt attent an'lee 
in quand la strusar in la gronda i pee. 

 

Concerto sul tetto (traduzione di Angelo Manzoni)

 

Le mie finestre guardano sopra un tetto

vicino ad un muro che fa da divisorio

tra la casa e le cime degli alberi di un giardinetto

dove i passeri hanno l'osservatorio.

 

Da quando metto gi una manciatella

di mollica di pane mescolata con granella di riso,

in capo a un giorno non si contano pi i concerti

di mandolini con flauti e ocarina.

 

Questi musicisti non sono degli elegantoni

con le scarpe lustre, frac e la camicia,

hanno un vestito, uno solo, una divisa.

 

In mezzo a loro una macchia color cenere

balza all'occhio sul drappo rubino del tetto:

uno stormo, in pianta stabile, di piccioni,

i contrabbassi dell'accompagnamento,

in prima fila per la colazione.

 

La mattina presto, appena fa chiaro,

i passerotti sono l sul mio davanzale

per l'"Allegretto andante piuttosto mosso"

con l'argento vivo che sprizza fuori dai gozzi.

 

Quando mi dilungo e butto gi in ritardo

le gasmbe dal letto, mi grattano con le zampine

le persiane, un po' per salutarmi

e un po' per far capire che loro hanno fame.

 

Incuriosito, attraverso le fessure,

mi soffermo spesso, quatto quatto, a contemplarli:

sembrano giocattoli di pezza, di una volta,

che al posto degli occhi avevano due perline.

 

Se d'improvviso sollevo una tendina

i passeri volan via di qua e di l:

si posano sopra le piante, il tetto, i fili

tesi per far asciugare la biancheria,

il chiodo che sporge in fuori dal muretto,

misura giusta per le due zampine.

 

sufficiente che finga di andar via

che tornano tutti indietro al posto di prima

per mettersi subito ad accordare gli strumenti

con le gole aperte ai quattro venti.

 

Si vede un'ala sbattere... ( la bacchetta,

che segna il tempo, del direttore d'orchestra

pronto a dirigere sul davanzale della finestra?).

 

Intanto, con i becchi aperti che fungono da ago,

ricamano l'aria chiara, cristallina,

con un disegno che sembra una ragnatela.

 

Ingarbugliato nel mezzo c' il mio geranio

che, senza sembrare, tiene d'occhio, da un po',

il sole che oggi, sovente, nasconde il capo.

 

. . . . . . . . . . .

 

Ora che piove, la musica un'altra:

sulle tegole del tetto, che ai nidi fanno da ombrello,

che tiene il concerto l'acqua che tamburella.

 

Dopo il "Crescendo con brio" questa volta qui

vuole concludere, gi, con il finale.

 

E io lascolto tutto attento

fin quando trasciner nella gronda i piedi.

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)