On cappell d'Alpin (Mario Comolli)                           

 

Testo originale Traduzione  

 

(dedicata da Angela a Giacomo Ganza, riconoscente per le informazioni date)

 

Nel 1970 sul monte San Matteo, m. 3694, sopra Santa Caterina Valfurva, dopo pi di mezzo secolo dalla fine della prima guerra mondiale, il parroco della frazione Stazzona di Villa di Tirano, don Cirillo Vitalini, appassionato alpinista, rinvenne un vecchio cappello d'alpino tra la fanghiglia della morena del Ghiacciaio dei Forni.

L'autentico cimelio, miracolosamente conservatosi fino ai giorni nostri, appartenne ad un ignoto combattente della guerra del 1915-18.

Ora custodito nella canonica di Stazzona.

 

On cappell d' Alpin

 

Sent i tognitt che spara . . .

Destrugen i baracch

di alpin che venden cara

la pelI al contrattach.

 

'Na postazion tegnuda

vint d, vint d de fila,

battaja combattuda

in alt sora ai tremila.

 

Dal Mont de San Mattee

alpin e muj e sass

finissen sul Giazzee

di Forna, stt in bass.

 

El capitani Berni,

on combattent de razza,

con truppa e subalterni

stt al cannon ch'el spazza

 

an'l el rotola in fond

sora al giazzee di mort:

in mezz ai moribond

l' a l'ultem s rapport.

 

Intorna al Comandant

ghe fann corona tucc:

sul bianch de quell campsant

alpin e muj a mucc . . .

 

On vecio in d'on crepazz

el va a fin a coo in gi . . .

Stt a on lastron de giazz

gh' l on cappell . . . (L' 'l s?).

 

L' senza penna nera

volada via col vent

in mzz a ona bufera

de nev e de lament.

 

Cappell restaa sconduu

per cinquant'ann e passa

che mai l' staa veduu

in la morena grassa.

 

Mezz secol in preson

col s che de ann in ann

l'ha tiraa-foeu a struson

dal giazz e dai riann.

 

In sul Giazzee di Forna

de ntt con foeura i stelI

gh' on vecc alpin ch'el torna

in cerca del cappell . . .

 

EI streng in man 'na penna,

la mantellina al vent . . .

Stt a la luna pienna

no gh' che frecc tajent.

 

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)