Discors in vedrina (Mario Scurati)    

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

Discors in vedrina

 

Denanz a 'na vedrina a f de specc
on ciocch tradii malfermo sui gambett
el cicca contra 'l mond, ghe l'ha con tucc,
d'infilada comencia on discorsett:

 

Amor, che on bell d t'hee menaa i tll
per colpa d'on gandolla ballabitt
perch m s'eri on ciolla alt e mll
adess son dislippaa, gh'hoo p nagott!

 

El sbircia in la vedrina la grisella,
el varda el nas, el sfiora el s barboss:
pens che s'eri anm on bell biscella
taccaven lit i donn, semper addoss!

 

On arimrta, appena d'on moment,
dom per ciapp fiaa e bagn el gss
e poeu...de bott el cambia argoment
ghe l'ha cont i politich tucc balss!

 

El tira in ball Comun e Parlament
e come 'l solit el vin el parla s'cett:
hinn di gran lader, voeuja de f nient
e bon de cicciar e f dispett!

 

Cont i ligera che venden "cocaina",
fioeu e tosann je fann divent matt,
l' n 'me dent per dent ciapp gaina,
quand te see faa te see on fregon di piatt.

 

Poeu i "magnaccia" parent di rocchettee,
prima promess poeu btt e privazion,
a ruzen tosanett sui marciapee,
vita de can, va tutt a tomborlon!

 

Ma quanta verit vegnuda a galla
in d'on discors tra on ciocch e 'na vedrina
"vino veritas" e l' n ona balla
ma questa verit l' genuina.

 

Anm 'n'oggiada al scior denanz a l,
ma la vedrina l' dom 'na porta,
la se derva e ch'el scior l 'l gh' p,
dal stremizzi ghe ven la faccia smorta.

 

E adess, in mezz a on via vai de gent
el manda gi on gottin per tirass s,
quell che gh' intorna ghe ne frega nient
el mond l' s e l l' indeperl!
01.03.2001

 

Discors in vedrina

 

Davanti a una vetrina che fa da specchio,

un ubriaco fradicio malfermo sulle gambe

inveisce contro il mondo, ce l'ha con tutti,

e d'infilata comincia un discorsetto:

 

"Amore, che un bel giorno te ne sei andata

a causa di uno sciocco perditempo

perch io ero uno stupido alto e senza nerbo

adesso sono jellato, non ho pi niente!".

 

Sbircia in vetrina la grisaglia

guarda il naso, sfiora il suo mento:

pensare che ero anch'io un bel giovanotto

litigavano le donne, sempre appresso!".

 

Una pausa, appena di un momento,

solo per riprender fiato e bagnare la gola

e poi... all'improvviso cambia argomento

ce l'ha con i politici tutti marioli!

 

Coinvolge Comune e Parlamento

e come al solito il vino parla schietto:

"Sono dei gran ladri, voglia di far niente

buoni a chiacchierare e far dispetti!".

 

Con i delinquenti che vendono "cocaina",

che fanno impazzire ragazzi e ragazze ,

non come ubriacarsi di tanto in tanto,

quando sei fatto diventi uno straccio.

 

Poi i "magnaccia" parenti dei protettori,

prima promesse poi botte e privazioni,

spingono le ragazzine sui marciapiedi,

vita da cani, va tutto a rotoli!

 

Ma quanta verit venuta a galla

in un discorso tra un ubriaco e una vetrina

in "vino veritas" e non una bugia

ma questa verit genuina.

 

Ancora un'occhiata al signore davanti a lui,

ma la vetrina solo una porta,

si apre e quel signore l non c' pi,

dallo spavento gli viene la faccia pallida.

 

E adesso, in mezzo a un via vai di gente

manda gi un goccetto per tirarsi s,

di quello che c' intorno non gli importa niente

il mondo suo e lui solo!

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)