N˛tt sognorenta (Pino Mazzola)   

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

N˛tt sognorenta

 

De nott,
quand la cittaa
la se indormenta,
voo in gir
a portÓ a spass
i mŔ penser
in compagnia del son
di mŔ pedann.
Per i strad silenzios,
portaa dal vent,
me rughen in di pagn,
adasi, i or,
cont i rintocch lontan
d'on campanin
che lassa intorna
on'armonia de musica che tas
in d'on silenzi eterno,
senza fin!
DomÓ in la nott
se sent el temp ch'el batt
su la campana
l'ora brusÓda che me corr denanz,
pronta a toeumm via in del nient
che circonda tuttcoss!
Giri per i viaj
con la vision d'on mond
indormentaa,
pien de gigant
senz'anima nŔ fed,
e me par de vedŔ,
tra el ciar e 'l scur,
sogn de miseria
de la poera gent
passÓ squasi de sfrˇs
arÚnt a i mur,
in cerca de speranza
in del doman,
intanta che sgoratten
prepotent
i sogn di sciori...;
In la piuma o sul crin
lotta de class
anca sul moresin
d'on materass!
In la nott sognorenta
senti come on riciamm
de l'infinii...
Solitudin,
in d'on mond tormentaa
doe la mort,
ghignand, non la perdonna,
te me paret la solla vera pas,
e i gran palazz
de preja e de cement
cont i rifless de lunna
in di cristaj
me paren colombari
doe la gent
la soffega in la truscia
i s˛ virt¨,
e dý per dý,
squasi senza savell,
la ghe moeur dent
on ciccinin de p¨!

 

Notte sonnolenta

 

Di notte,

quando la cittÓ

sĺaddormenta,

vado in giro

a portare a passeggio

i miei pensieri

in compagnia del suono

dei miei passi.

Per le strade silenziose,

portate dal vento,

mi frugano nei panni,

adagio, le ore,

con i rintocchi lontani

di un campanile

che lascia intorno

unĺarmonia di musica che tace

in un silenzio eterno,

senza fine!

Solo nella notte

si sente il tempo che batte

sulla campana

lĺora bruciata che mi corre innanzi,

pronta a portarmi via nel niente

che tutto circonda!

Giro per i viali

con la visione di un mondo

addormentato,

pieno di giganti

senzĺanima ne fede,

e mi sembra di vedere

tra il chiaro e lo scuro,

sogni di miseria

della povera gente

passata quasi di frodo

vicino ai muri,

in cerca di speranza

nel domani,

mentre svolazzano

prepotenti

i sogni dei ricchi ů;

Sulla piuma o sul crine

lotta di classe

anche sul soffice

dĺun materasso!

Nella notte sonnolenta

sento come un richiamo

dellĺinfinito ů

Solitudine,

in un mondo tormentato

dove la morte,

ghignando, non perdona,

mi sembri la sola vera pace,

ed i grandi palazzi

di pietra e di cemento

con i riflessi di luna

nei cristalli

mi sembrano colombari

dove la gente

soffoca nella fretta

le proprie virt¨,

e giorno per giorno,

quasi senza saperlo,

ci muore dentro

un pochino di pi¨!

Commento

 

Invia i t˛ penser, i t˛ emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)