On soldaa pap (Antonio Negri)         

 

Testo originale Traduzione

 

[...]
Intorna a mezzanott s'eri per strada,
Tornavi al cobbi, soll, in de per m,
Col coo pien del frecass de la serada
Che m'era pertuccaa de diger...
Quand, tutt a 'n tratt, in del svolt 'n canton,
Me se para denanz on soldaron!

Naturalment..., insc per dagh el pass,
Me tiri d'ona part; ma 'l soldaron,
On ambrosian, pregandem de fermass,
El me ranfa el s'giacch col so sciampon
E l, cont ona vs de bass profond,
El me cunta che 'l ven de l'alter mond!

M me n'inf rispondi on poo sorprs,
Convint che se trattass d'on por matt,
Hoo appena digerii vun de quii ps
Che proppi, cara l... - Fermo, el ribatt,
El scior che m'ha ciamaa l' on m collega?
E l 'lgh'ha mai de dimm che se ne frega!

Eh? cosse'l dis? ciamaa d'on m collega?
Ma se l el sa nanca chi me sia...
Se sont on impiegaa..., se gh'hoo bottega...
Ma soo che l, l'insist cont energia,
L' staa, compagn de m, pap soldaa...
Dom che l...nissun l'ha mai sfalzaa!

Invece m...;l'ha no sentii stassera
Quell so collega...come 'l m'ha consciaa?
Che el disa l...l' quella la manera
De maltratt la santa verit?
On poetta el dv sav che i mort in guerra
Senten tutt coss anbn che sien sott terra!
[...]

Aspart del quader...che'l fa rd i puj...
Andmm, sr Atimada, l'ha mai vist,
Lu che 'l gh'ha minga i mezzanitt che buj,
A'nd a spass, in del sdes, quii poer crist
Che tornava a Milan de la tricera?
E j ha vardaa ben ben polito in cera?

Chi gh'ha ditt, a quell scir, de famm la mtta,
Se l' vun che 'l sa nanca cosse 'l ds?
On soldaa cont in brascia ona tosetta...
Che ghe cerca, in la ciomma, i cavei grs!
Ma che ciomma se allora i militr
Se pelaven compagn di paracr! [...]

Ah, se 'l savess sur Togn... la mia tosetta!
Alter che orgoeuj e man in orazion...
L' intorna per i strad a batt brocchetta
E la salta de spess...la colazion...
Quand m son mort in guerra, al San Miche,
La gh'aveva quattr'ann...l'era on bele!

S'eri appenna torna de la licenza...
E, se proppi hoo de digh la verita...
Cont on noeud de rivolta in la coscienza!
Avevi vist Milan pien de imbosca
Che, quand vedeven on solda a riv
Faven del tutt per volt l'oeucc...de l!
[...]

Febbrar del sdes...mort al San Michee...
On st de cald, ghe 'l garantissi m...
Gh'avevom i tognitt squasi sui pee...
Gh'era mai requie n la nott n 'l d
De nott, i razzi cont i bomb a man,
Del d, quii rompascattol de reoplan...

Al front, e lu che 'l gh'era me le insgna,
Fava n de bisogn de and a l'attacch
Per beccass ona sventola in la tgna;
Anca in trincera, riparaa di sacch,
Rivava ogni moment de quii micchett
Che te mandava al babbi col dirtt!

M, per esempi, el veds, son mort insc:
Minga a l'assalt cont el m s'ciopp in man,
Ma in del bell che fasevi la pip
In voeuna de qui toll del Torrigian
Che, ona volta svojaa del condiment,
Serviven de orinari al Reggiment!

On colp...e l, squartaa come on cavrett...
Nanca el temp de tra on sgar, de fa on pensee;
M'hann cattaa s...m'hann miss in d'on sacchett.
Duu zappator, gi pratich del mestee,
M'hann faa la busa bell e l sul sit...
Poeu m'hann traa dent e quattaa gi polit!

Adss soo nanca se son l ancam
O se me troeuvi in d'on foppon de guerra;
Ma m, de sta quistion, me casci n...
Vess ch o vess l...quand che l'hann miss sott terra,
Che 'l sia dent in d'on sacch o in d'ona cassa,
El corp no gh' p mezzo che 'l rinassa!

Il corpo giace..., deventaa impotent...
E quei che 'l lassa indree, pianin pianin,
Se 'l toeuven gi del coeur e de la ment,
Finna a tant che se smorza anca 'l lumin
Che gh'era pizz denanz al s ritratt...
Alter che orgoeuj...come l'ha dii quell matt!
[...]

Quand che la mrt la crr dessoravia
Pronta a piomb sul grand e 'l piscinin,
Sul pover e sul scior...su chionquessia...
Se gh'ha el bisgn de strnges a vesin
E, d per d, sotta a l'istess dolor,
L'egoismo el spariss...e nass l'Amor!

Ma 'l vero Amor...quell alt...quell che se dna
Senza sper el ricambi de nissun;
L'Amor che, superada la persna,
L' 'l vun per tutti insemma al tucc per vun;
L'Amor che 'l muda, in savi, on delinquent
Per f crss d'ona stella el firmament!

Ciappaa dent in la mrza di ricord,
Me tornava in del coeur, viv in filera,
El nmm e la figura di m mrt
E me pareva de torn in trincera
a l'Alpe de Milegna in sul Trentin,
Al San Michee del Cars o al Sabotin!

Per strada, de brazzett, in de l'and,
Scoltavi attentament el soldaron
Cont el spirit sospes...senza sbrott...
El scandiva i parll con precision...
Febbrar del sdes...mort al San Michee...
La gh'aveva quattr'ann...l'era on belee!...

Appena mort..., an'm de sotterr,
Hoo bandonnaa 'l me corp al s destin
E, senza perd on poff, sont cors de l
In la patria de tucc...senza confin...
Dove l'omm el po vv in santa ps
E gd liberament quell che ghe pis.

Per on poo d'ann, a d la verita,
Liber in  pien de gd a m talent,
Sont cors come on pollder desliga
A gir per i stell del firmament;
De manera che, intanta, i m de c
Se s'hinn trovaa d vlt senza pap!

L' minga quest el caso n 'l moment
De cuntagh quell che hoo vist in l mia scorsa;
Per, de gi che smm su l'argoment
E che nissun di duu paga de borsa,
Vui parlagh d'on pianetta stermina
Dove l'omm, se\Dio voeur, l' madura

Prima de tutt n Re, n Monsignr;
Parlemm minga de guardi o de soldaa
E nanca, grazie al ciel, de domador...
In quell stramond no gh' che di scienziaa
Che gd la vita in ps, senza la boria
De crdes in dover de fa la Storia!

Nun de sto mond, a la parola Scienza,
Strtom el ns e vltom el canton,
Inveci, l, l lalta intelligenza
Che salva lomm de fa di malazion
E intrattanta nessun parla de guerra
E tutt i cros se shinn sfonda sott terra.

 

Oh! se nass anca l... compagn de ch

E tal e qual de ch, dopo, se moeur;

Ma gh' nissun che pensa a maled

O a misurass i pulsazion del coeur...

L'omm, in quell mond, content de la sua sort,

L' padron de la sua vita e de la mort!

 

M, che vegnevi de la nostra Terra,

Dove tutt i moment gh' on gibile

E se sent a discr dom de guerra

L'istess come se sciscia on canime,

A quella vista sont restaa de stucch

E avriss quasi giura che gh'era on trucch!

 

L' possibil, disevi in tra de m,

Che sta gent, che l' fada come nun,

La gh'abbia proppi mai de ch de d,

Quand che in Terra l' on ragg a trov vun

Che'l gh'abbia minga indss la presunzion,

De impnes, al so simil, col baston?

 

Ma siccome, per quanto che guardass,

No gh'era mezzo de scopr 'n queicoss

E seguitavi a capigh dent... on sass,

Camuffaa, come incoeu, de cama e d'oss,

Hoo fermaa senza tanti compliment

El primm omett che me passava arent.

 

Scolta quell che vorevi e intrequerii

Che vegnevi d'on mond inssc de can

Dove l'omm l'era on parto mal reussii,

EI m'ha ciappaa tranquillament de man

E, con grazia, el m'ha dii de and con l

Senza aggiung ona virgola de p!

 

Dopo av tapasciaa per on quart d'ora,

Rivom ai pe d'on bell scalon davori:

Ecco, el me fa l'omett, l'inssc dessora

Gh'mm on tal strapotent osservatori,

Che i mond pusse lontan, mort o abita,

Borlen tucc sotta al noster canocciaa.

 

Inveci de rispondegh a parll,

Hoo pensa de menall a l'unich st,

De dove, senza nanca slong 'l coll,

Se sperla l'univers insc polt

De rendes cunt del come e del perch

No 'l podeva vess fa che come l'!

 

Appena denter in l'osservatori,

El m'ha tira vesin del canoccia

E, senz'alter discor n fa di stori,

Movend certi manett, l'ha registra

E subit, pien de garbo e sorrident:

Ecco 'l vegna, el me ds, che 'l guarda dent;

 

Ma che 'l sappia per che l' ponta

In manera che l 'l poda ved

Dom i pianetta minga spopola;

Tant, per quell che l'aggna de sav,

Ghe n'ha smper asse che ghe ne crss...

Inquanto a m... domandi compermss!...

 

Resta soll, de per m come on fuston,

A on pass de quell demoni de istrument

Che 'l me metteva tanta suddizion,

On certo dubbi el m'ha sfrisa la ment:

Sar minga on quai scherz? Perch l' 'ndaa?

Veutt ved che l'omett el m'ha giuga?

 

Ma'l spasim de cognoss come e perch

Ghe fuss on mond de gent insc contenta,

Quand che inveci, purtropp, gi l in del m,

La trovava mai ps. .. nanca indormenta,

L'era tl che on minutt l' n passa

Che mi s'era tutt oeucc al canoccia.

 

Se dovessi parlagh distesament

Di centenn de pianeta che hoo sperla,

Lu 'l fariss temp a perd tutt i s dent

E m sarissi nanca a la meta;

Me basta de resumegh la vision

Tant asse de tir la conclusion.

 

In del logich succdes di pianta,

Hoo vist l'omm a part de la caverna

E a diriges incert a la soa mta,

Sotta la spinta dona lg Eterna,

Che, francndegh man man s' cenna e scime,

La ghe impediva de f marcia indre!

 

M pars, insc per fagh on parangon,

De assist al nass e al crss d'ona somenza

Senza prdegh d'on fil l'evoluzion,

In tutt i fasi de la soa crescenza,

Del moment che la cascia i primm barbs,

Fina al d che la frutta in Paradis.

 

Quii che afferma che l'omm l' semper quelI;

Che, gratta gratta, tlta la verns,

Se troeuva sotta on loff mist al porscelI,

L sgn che g'hann la vista in del tarls

E che hinn bon de ved proppi nagott

Foeure de l'rlo del s vs de nottI

 

Per quest ghe tgni a digh, sur Atimada,

M che lhoo vista ben la verita,

Che, incoeu, la nstra Terra malfamada,

Nonostant i spreposet di s'centraa

E in barba a quii lorocch de pessimista,

La ghha anca le l s Paradis in vista;

 

Dom che, per vedll, ghe voeuraria

Che, inveci de innorb l'Umanita

Con di stupid giughtt de fantasia,

El poetta el ghe cantass la Verita

Per registrgh el coeur e i cinivei

Gibigianna d'el fals splendor di ghei!

 

A travers a la lent del canoccia

De quell stramond dre gent semper tranquilla,

Hoo vist polt la nstra Societa

Di s primm formazion fina al domilla;

Hoo donca vist tutt lier del nst piantta

E l doman immediato che ghe sptta;

 

Cunta proppi nagtta se, intrattanta,

Se va inconltra a on pestaggio spavents

Perch l'Umanita la se descanta

De certi fantasi del so deps,

La g'ha bisogn de stramazz per terra

Sotta l'orrr d'ona tremenda guerra...

 

Dopo de quella, d'el domilla innanz,

La guerra la sar on ricord lontan

E tutt l'ingegn de l'omm, ogni s slanz,

Sarann dopra per guadagn on doman

De ps feconda per l'Umanita

In la soa santa, eterna Verita. . .

 

Che ghe l'abbia, sta fd, sr Atimad

Perch sta fd l' minga on'utopia,

Ma la conscienza stessa res'ciarada

Da la ls immortal de la poesia...

Che, in fin di fin, l' l'unich trait-d'union

Tra l'omm de tutt i mond e 'l s PadronI

[...]

 Ier nott, on attim prima de spar

Come a concld la longa cicciarada,

Ghe parlavi de fd in l'avvegn...

Fd c'ha de vess coscienza res'ciarada

E minga l'att servl del saltimbanch

Che 'l se sbatt a gattn per do palanch!

 

Ma adess che semm chi cmod e degi

Che l 'l me scolta proppi volentera,

Prima amm de parlgh di m de c

Che, tant e tant, gh' minga la manera

De metti sul s drizz, ghe cunti s

La vera storia del Bambin Ges,

 

La proeuva pusse granda ch'el Signr,

Chiss per che s scopo misterios,

l'ha decis de lassagh ai sognadr

El privileg di cruzzi e de la crs!

Ma a sto ponto bandonni la sestinna

E me tacchi de slanz a la terzinna.

 

Hoo vist l'omm a part de la caverna

E a diriges incert a la soa mta

Sotta la spinta d'ona lg eterna...

                 

Hoo vist a vun per vun tutt i profeta,

I capitani, i R, i Imperador

E i artista e i filosof e i poeta

 

A prepar la strada del Signor,

Fin che on bell d denanz del canoccia,

M' compars Ges Crist, el Redentr,

 

Propp l come 'I vdom pittura

In tutt i gs cristiann del noster mond:

con quell s crp atletich, modella...

 

Quii s oggioni celest, quii lenden biond

Che ghe borla sui spall, a canelltt,

E, tutt in glr, el rosc di vagabond

 

Affama, pien de crost e squasi biott,

Che ghe sprelonga i man per implorall...

M che, de viv, hoo mai creduu nagtt,

 

E che trattavi i prt de casciaball,

A quella vista, sont resta incanta

E per avgh el temp de remirall

 

Ghhoo tegnuu fiss ss adss el canoccia!

 

 

Continuer ?

 

[...]
Intorno a mezzanotte ero per strada,
Tornavo a dormire solo,
Con la testa piena del fracasso della serata
Che mi toccava solo soletto digerire...
Quando, tutto d'un tratto, nel girare un angolo,
Mi si para d'innanzi un soldato di grande corporatura!

Naturalmente...tanto per dargli il passo,
mi faccio da parte; ma il soldatone,
un ambrosiano, pregandomi di fermarmi,
mi arraffa la giacca col suo zampone
e l con una voce di basso profondo
mi racconta che viene dall'altro mondo!

- A me non importa nulla - rispondo un po' sorpreso,
convinto che si trattasse d'un povero matto;
- Ho appena digerito uno di quei pesi
che proprio, caro lei...- Fermo, ribatte,
il signore che mi ha chiamato un suo collega
e lei non deve mai dirmi che "se ne frega"!

- Eh, cosa dice? Chiamato da un mio collega?
Ma se lei non sa nemmeno chi io sia...
Se sono un impiegato... se ho bottega...-.
- Ma so che lei, insiste con energia,
stato, come me, pap soldato...
soltanto che lei...nessuno ha mai falsato la sua posizione!

Invece io... non ha sentito questa sera
quel suo collega... come mi ha conciato?
Dica un po' lei... E' quella la maniera
di maltrattare la santa verit?
Un poeta deve sapere che i morti in guerra
sentono tutto bench siano sotto terra! -
[...]

- A parte la scenetta...che fa ridere i polli...
andiamo, signor Atimada, non ha mai visto
lei che non ha il cervello che bolle,
andare a spasso nel millenovecentosedici quei poveri cristi
che tornavano a Milano dalla trincea?
e li ha guardati ben bene in faccia?

Chi ha detto a quel signore di prendermi le misure
quando uno che non sa neanche cosa dice?
Un soldato con in braccio una bambina...
che gli cerca nella chioma i capelli grigi!
Ma che chioma, se allora i militari
si pelavano come paracarri?[...]

Ah, se sapesse signor Antonio...la mia bambina!
Altro chre orgoglio e mani in preghiera...
in giro per le strade a battere i marciapiedi
e salta spesso...la colazione...
Quando sono morto in guerra, al San Michele,
aveva quattro anni...era una meraviglia!

Ero appena tornato dalla licenza...
E, se proprio devo dirle la verit...
Con un nodo di rivolta nella coscienza!
Avevo visto Milano piena di imboscati
Che, quando vedevano arrivare un soldato,
Facevano di tutto per girare l'occhio... dall'altra parte
[...]

Febbraio del sedici... morto al San Michele...
Un punto caldo, glielo garantisco...
Avevamo gli austriaci quasi sui piedi...
Non c'era mai requie n di notte n di giorno...
Di notte i razzi con le bombe a mano,
Di giorno quei rompiscatole degli aeroplani...

Al fronte, e lei che c'era me lo insegna,
non era necessario andare all'attacco
per beccarsi una sventola nella tigna;
Anche in trincea, riparati dai sacchi,
Arrivavano ogni momento certe "michette"
che di spedivano all'altro mondo col diretto!

Io, per esempio, vede, sono morto cos:
non all'assalto con il mio schioppo in mano,
ma mentre facevo pip
in una di quelle latte del Torrigiani
che, una volta svuotate del condimento,
servivano come vasi da notte al Reggimento!

Un colpo... e l, squartato come un capretto...
Neppure il tempo di lanciare un urlo, di fare un pensiero;
M'hanno tirato s...mi hanno messo in un sacchetto.
Due zappatori, gi pratici del mestiere,
Mi hanno fatto la buca bella e l sul posto...
Poi mi ci hanno buttato dentro e coperto per benino!

Adesso non so neppure se sono l ancora
o se mi trovo in un cimitero di guerra;
ma io, per questa questione, non mi affanno...
Essere di qua o essere di l, una volta sotto terra,
che sia in un sacco o in una cassa,
il corpo non c' pi verso che rinasca!

Il corpo giace...diventato impotente...
e quelli che lascia indietro, pian pianino,
se lo tolgono via dal cuore e dalla mente,
fintantoch non si spenga anche il lumino
che era acceso davanti al suo ritratyto...
Altro che orgoglio...come ha detto quel matto!
[...]

Quando la morte corre sopra di noi,
pronta a piombare sul grande e sul piccolo,
sul povero e sul ricco...su chiunque sia...
diventa necessario stringersi vicini
e, giorno per giorno, sotto lo stesso dolore,
l'egoismo sparisce...e nasce l'Amore!

Ma il vero Amore...quello alto...quello chesi dona
senza aspettarsi ricambio;
l'Amore che, superata la persona,
uno per tutti e tutti per uno;
L'Amore che muta in savio un delinquente
Per far crescere di una stella il firmamento!

Preso nella morsa dei ricordi,
mi tornavano nel cuore, vivi in fila,
il nome e la figura dei miei morti
e mi sembrava di tornare in trincea
sull'Alpe di Milegna, nel Trentino,
al San Michele del Carso o al Sabotino!

Per strada, a braccetto, camminando,
ascoltavo attentamente il soldatone
con lo spirito sospeso...senza fiatare...
Scandiva le parole con precisione:
Febbraio del sedici...morto al Sam Michele...
aveva quattro anni...era una bellezza!...

Appena morto, ancora da sotterrare,
ho abbandonato il mio corpo al suo destino
e senza perdere un soffio  sono corso di l
nella patria di tutti...senza confini...
dove l'uomo pu vivere in santa pace e
godere liberamente quello che gli piace.

Per qualche anno per dir la verit,
Libero pienamente di godere a mio talento,
ho corso come un puledro liberato dalle pastoie,
girando per le stelle del firmamento;
di modo che, intanto, i miei di casa
si sono trovati due volte senza il pap!

Non questo il caso n il momento
di raccontare quello che ho visto nella mia corsa;
per giacch siamo sull'argomento
e che nessuno dei due paga di borsa sua
vorrei parlarle d'un pianeta sterminato
dove l'uomo, se Dio vuole, maturato!

Prima di tutto n Re, n Monsignori;
non parliamo di guardie o di soldati
e neanche grazie al cielo di domatori...
In quello stramondo non ci sono che scienziati
che godono la vita in pace, senza boria
di credersi in dovere di fare la Storia

 

Noi di questo mondo alla parola Scienza

stortiamo il naso e svoltiamo l'angolo;

invece l, l'alta intelligenza

che salva l'uomo dal fare delle male azioni...

E frattanto nessuno parla di guerra

e tutte le croci si sono sfondate sotto terra.

 

Oh! Si nasce anche l... esattamente come qui

e tal quale qui, dopo, si muore:

ma non  c' nessuno che pensa di maledire

o di misurarsi le pulsazioni del cuore...

L'uomo, in quel mondo, contento della sua sorte,

padrone della vita e della morte! -

 

lo che venivo dalla nostra Terra,

dove tutti i momenti c' un subbuglio

e si sente discorrere soltanto di guerra

cos come si succhia una caramella zuccherata,

a quella vista sono rimasto di stucco

e avrei quasi giurato che c'era un trucco!

 

possibile, dicevo tra di me,

che questa gente, fatta come noi,

non abbia proprio mai qualcosa da dire,

quando in Terra un raggio di sole trovare uno

che non abbia addosso la presunzione

di imporsi al suo simile col bastone?

 

Ma siccome, per quanto guardassi,

non c'era mezzo di scoprire qualcosa

e continuavo a capirci dentro... un bel niente,

camuffato come oggi di carne e d'ossa

ho fermato senza tanti complimenti

il primo ometto che mi passava vicino.

 

Ascoltato quello che volevo e chiedevo,

chiarito che venivo da un mondo cos da cani

dove l'uomo era un parto mal riuscito,

mi ha preso quieto quieto per mano

e con grazia mi ha detto di andare con lui

senza aggiungere una virgola di pi!

 

Dopo avere sgambettato per un quarto d'ora

arriviamo ai piedi di un bello scalone d'avorio:

- Ecco, mi fa l'ometto, l sopra

abbiamo un osservatorio tanto strapotente

che i mondi pi lontani, vuoti o abitati,

cadono tutti sotto il nostro cannocchiale.

 

Invece di rispondergli a parole,

ho pensato di guidare lei all'unico sito,

da dove, senza nemmeno allungare il collo,

si indaga l'universo tanto bene

da rendersi conto del come e del perch

non poteva essere fatto che come !

 

Appena dentro, nell'osservatorio,

mi ha avvicinato il cannocchial

e e senz' altro discorrere o fare storie,

muovendo certe manopole l'ha registrato

e subito, pieno digarbo e sorridente:

- Ecco, venga, mi dice guardi dentro;

 

ma che sappia per che puntato

in maniera che lei possa vedere

solo i pianeti non spopolati;

tanto, per quello che ha voglia di sapere,

ne ha sempre abbastanza e gliene cresce...

Quanto a me... domando  permesso!...

 

Restato solo soletto come un fustone,

ad un passo da quel demonio di strumento

che mi metteva tanta soggezione,

un certo dubbio mi ha sfiorato la mente:

- Non sar qualche scherzo? Perch andato?

Vuoi vedere che l'ometto mi ha giocato?

 

Ma lo spasimo di conoscere il come e il perch

ci fosse un mondo di gente tanto contenta,

quando invece, purtroppo, gi l nel mio

non trova mai pace...neanche quando addormentato,

era tale che non passato un minuto

che io stavo tutt' occhi al cannocchiale.

 

Se dovessi parlare distesamente

delle centinaia di pianeti che ho scrutati,

lei farebbe in tempo a perdere tutti i suoi denti

ed io non sarei neanche alla met;

mi basta di riassumere la visione

quanto occorra per tirarne la conclusione.

 

Nel succedersi logico dei pianeti,

ho vistol'uomo partire dalla caverna

e dirigersi incerto alla sua meta

sotto la spinta d'una legge Eterna

 che, rendendogli pi sicuri poco per volta schiena e cervello,

gli impediva di fare marcia indietro!

 

Mi parso, cos per fare un paragone,

di assistere al nascere e al crescere d'una semenza

senza perdere d'un filo l'evoluzione

in tutte le fasi della sua crescenza

dal momento che caccia i primi baffi

fino al giorno che frutta in Paradiso.

 

Quelli che affermano che l'uomo sempre

quello, che gratta gratta, tolta la vernice,

si trova sotto un lupo misto ad un maiale,

segno che hanno la vista nel traliccio

e che non sono buoni a vedere proprio nulla,

al di fuori dell'orlo del loro vaso da notte!

 

Per questo tengo a dirle, signor Atimada,

io che ho visto bene la verit,

che oggi la nostra Terra malfamata

nonostante gli spropositi degli squilibrati

e in barba a quegli allocchi di pessimisti,

ha anche lei il suo Paradiso in vista;

 

solo che, per vederlo, ci vorrebbe

che invece di accecare l'umanit

con stupidi giochetti di fantasia,

il poeta cantasse la Verit

per registrarle il cuore ed il cervello

abbagliati dal falso splendore del soldo!

 

Attraverso la lente del cannocchiale

di quello stramondo di gente sempre tranquilla

ho visto lucidamente la nostra Societ

dalla sua prima formazione fino al duemila;

ho visto dunque tutto l'ieri del nostro pianeta

e il domani immediato che ci aspetta;

 

non conta proprio nulla se, nel frattempo,

si va incontro ad un pestaggio spaventoso;

perch l'umanit si disincanti

da certe fantasie del suo passato

ha bisogno di stramazzare per terra

sotto l'orrore d'una tremenda guerra...

 

Dopo di quella, dal duemila innanzi

la guerra sar un ricordo lontano

e tutto l'ingegno dell'uomo, ogni suo slancio,

saranno impiegati per guadagnarsi un domani

di pace feconda per l'Umanit

nella sua santa, eterna Verit...

 

Abbia dunque questa fede, signor Atimada,

perch questa fede non un'utopia

ma la coscienza stessa, rischiarata

dalla luce immortale della poesia...

che, in fine dei fini, l'unico trait-d'union

tra l'uomo di tutti i mondi e il suo Padrone!

[...]

Ieri notte, un attimo prima di sparire,

come per concludere la lunga chiacchlerata

le parlavo di fede nell' avvenire...

fede che ha da essere coscienza rischiarata

e non l'atto servile del saltimbanco

che si sbatte a quattro zampe per due palanche!

 

Ma adesso, dato che siamo qui comodi

e giacch lei mi ascolta proprio volentieri,

prima ancora di parlarle dei miei di casa,

che, tanto e tanto, non c' la maniera

di metterli sull' estro, le racconto la vera

storia del Bambino Ges:

 

la prova pi grande che il Signore,

chiss per quale scopo misterioso,

ha deciso di lasciare ai sognatori

il privilegio dei crucci e della croce!

Ma a questo punto abbandono la sestina

e mi attacco di slancio alla terzina.

 

Ho visto l'uomo partire dalla caverna

e dirigersi incerto alla sua meta

sotto la spinta d'una legge eterna...

 

Ho visto uno per uno tutti i profeti,

i capitani, i Re, gli Imperatori

e gli artisti e i filosofi e i poeti

 

preparare la strada del Signore,

finch un bel giorno, d'innanzi al cannocchiale

m' comparso Ges Cristo, il Redentore,

 

proprio lui, come lo vediamo dipinto

in tutte le chiese cristiane del nostro mondo:

con quel suo corpo atletico, modellato. . .

 

quei suoi occhioni celesti, quei capelli fluenti biondi

che gli ricadono  sulle spalle ad onde

e, tutto in giro lo sciame dei vagabondi

 

affamati, pieni di croste e quasi nudi

che gli allungavano le mani per implorarlo...

Io che da vivo non ho mai creduto a niente,

 

e che trattavo i preti da cacciaballe,

a quella vista sono rimasto incantato

e per avere il tempo di rimirarlo

 

gli ho tenuto addosso fisso il cannocchiale!

 

..............................

..............................

Continuer?

 

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)