Riflession sul "Don Orion" (Margherita Nulli Dell'Acqua) 

Testo originale Traduzione letterale 

 

Quand i t ogitt me guarden
e voeuren attenzion
e i t manitt me cerchen
per veggh ona carezza;
quand te se pogget a m
come a on baston
per minga topicc
in su la strada,
son ch per t, per datt
ona man tesa,
cerc de sollevatt
da sta fadiga
pesanta come tutta
la toa vita.

Intant che femm insema
sto girett, per cambi l'aria
per f ona passeggiada,
i m penser de ann
hinn semper quei
e semper resterann
senza risposta.
Sto mond l' pien de differenz:
chi nass pver in del coeur
o de coscienza e chi purtropp
l' pver in de la ment
senza rimedi e nanca ona speranza.
Me senti quasi in colpa m
per vess, de t, diversa.

L' granda la mia pena,
che vita l' mai questa?
Riessi n a cap se t' restaa
on minim de coscienza
de quell che vita p signific,
perch de semper, se sa,
per el t ben
te gh'hee bisogn che alter
deciden al t post.
Ona rba quella s
che l'hoo capida,
m son ch per t,
te parli, te sostegni
e te foo compagnia,
ma l' la toa faccina sorridenta,
i t basitt, la bocca bauscenta,
la contentezza per ona caramella,
ona spillina noeuva, on girettin in gesa,
la toa innocenza bella,
el t spettamm de sora ona cadrega
a famm sent che ch al "Don Orione"
son semper m
a vegh bisogn de t

 

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)